Agazio Loiero ha scelto il Pd: firmata l’adesione. Il Forum riformista riparte da Chieffallo

Agazio Loiero

Bruno Gemelli Ilquotidianoweb.it CATANZARO – L’ex governatore Agazio Loiero ha aderito al Partito democratico. Nelle prossime ore dovrebbe essere ufficializzata la decisione. Loiero è stato tra i fondatori del Partito democratico per poi uscire dal partito dopo le varie vicende politiche e le tensioni interne agli stessi democratici calabresi. Ieri, nei corridoi del Nazzareno, dove si è tenuta la direzione nazionale del partito, si è parlato anche di questo. È intervenuta alla tribuna del Nazzareno l’on. Enza Bruno Bossio che ha richiamato l’attenzione di Renzi sull’esigenza di ripensare un welfare moderno all’interno di un’Europa sociale, dell’accoglienza, dei diritti. Più in generale la politica calabrese ha accelerato il passo, declinando e riproponendo anche forme di vintage. I socialisti dell’ex diaspora che si riconoscono nel Forum Riformista della Calabria hanno nominato loro portavoce Leopoldo Chieffallo, già assessore regionale e sindaco di San Mango d’Aquino. La loro assemblea ha stabilito di organizzare un convegno per il mese di marzo a Cosenza. Tra gli ispiratori del Forum ci sono gli ex parlamentari Cesare Marini e Saverio Zavettieri che discuteranno su “Masterplan, infrastrutture, urbanistica e difesa del territorio per unire la Calabria e tenerla ancorata al Mezzogiorno orientale”.

Attivi e presenti nel dibattito anche Sel – Sinistra Italiana che oggi organizzano incontri sul tema: “È ora di essere civili”. L’iniziativa più importante sarà quella di Catanzaro, ma altre si terranno a Cosenza, Lamezia Terme e Reggio Calabria. È stato rinviato al 12 febbraio il convegno che si doveva tenere il 29 gennaio a Reggio sul tema “Reggio verso la Città Metropolitana: opportunità, idee e prospettive” con la partecipazione del responsabile nazionale degli Enti locali di FI, Marcello Fiori. Le ragioni del rinvio sono state spiegate da Alessandro Nicolò: «Abbiamo deciso di spostare la manifestazione nazionale sull’Area Metropolitana della città dello Stretto in segno di rispetto verso la massima autorità della Repubblica. Essere presenti all’incontro con il Presidente Sergio Mattarella è, da parte nostra, un doveroso segno di rispetto verso il supremo garante della Costituzione e dell’Unità nazionale, soprattutto in questo delicatissimo frangente in cui il Mezzogiorno e le sue aree più svantaggiate come la Calabria sono alle prese con decine di emergenze sociali, mentre si registra un aumento del divario produttivo incidente sulla stessa qualità della vita fra Nord e Sud». Infine, si registra la ripresa dell’agibilità politica nella propria regione di Nicola Adamo, dopo che la Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio il divieto di dimora in Calabria disposto dal giudice per le indagini preliminari di Reggio Calabria nei confronti del medesimo nell’ambito dell’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari della Regione.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*