Al Torino Film Festival il film di Alice Filippi sul padre rapito dalla ndrangheta

TORINO – Era la notte del 28 giugno di 39 anni fa, un mese e mezzo dopo il rapimento e l’uccisione di Aldo Moro. Pier Felice Filippi, campione di rally figlio di un industriale, 23enne, venne rapito dalla ndrangheta. Una storia a lieto fine, con il rapito che riuscì a fuggire e a far arrestare i suoi carcerieri, raccontata ora nel documentario ’78 – Vai piano ma vinci con Daniele Ronco. Girato nell’estate 2016 a Mondovì da Alice Filippi, la figlia del rapito che oltre ad aver scritto e diretto il film è anche attrice, debutta al Torino Film Festival. Il film è prodotto dalla Mowe di Roberta Trovato ed è stato realizzato col sostegno del Mibact e di Film Commission Torino Piemonte. Vai piano ma vinci ripeteva sempre la madre prima di ogni gara; e mai come in quei giorni quella raccomandazione gli diede la forza di non arrendersi. Diplomata alla New York Film Academy in regia, Alice Filippi, 35 anni, ha collaborato con Verdone, Martone e Veronesi ed è stata aiuto regista di Clint Eastwood e Ron Howard.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*