Alitalia scrive a Oliverio: “Su Reggio Calabria disponibili a valutare nuovi scenari”

ROMA – “Sin dal dicembre 2015 il nostro management ha incontrato a più riprese – da ultimo lo scorso 8 febbraio – sia lei che suoi delegati e rappresentanti degli enti locali interessati. In ogni occasione la compagnia ha rappresentato l’insostenibilità degli operativi, pur assicurando piena disponibilità a proseguire le operazioni a fronte di un forte coinvolgimento istituzionale nella ricerca di misure idonee a garantire la continuità dei voli ed evitarne la chiusura. Purtroppo in ben quindici mesi non si è registrato alcun sostanziale progresso a riguardo”. Lo scrive l’a.d. di Alitalia Cramer Ball in una lettera – che l’Ansa è in grado di anticipare – al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. Nella missiva, in cui si evidenzia anche che “ad oggi Alitalia vanta nei confronti della Regione crediti per 1,853 milioni di euro”, Ball ribadisce la disponibilità a “valutare eventuali nuovi scenari, misure e forme di incentivazione di immediata attuazione” per ripristinare “in maniera sostenibile” i voli con Reggio Calabria.

Ball, in riferimento alla richiesta di espressione di interesse propedeutica alla pubblicazione di un Bando regionale, puntualizza che, visto che, “nelle proprie osservazioni la Commissione Europea ha evidenziato l’impossibilità di erogare incentivi per collegamenti esistenti e per l’aumento di frequenze”, la compagnia “ha ritenuto inutile proseguire sulla strada della sottoscrizione di manifestazione di interesse prima e dell’adesione ad un potenziale Bando Pubblico poi. Bando che ad oggi – aggiunge Ball -, è bene ricordarlo, non è ancora stato pubblicato”. L’a.d. di Alitalia fa quindi riferimento agli 1,853 milioni di crediti vantati dalla compagnia nei confronti della Regione “relativi ad attività di marketing scaduti ormai da due anni”: sul pagamento di queste somme “Alitalia ha ricevuto rassicurazioni circa il pagamento di tali somme”, ma “oltre ad essere lontani dal compensare le perdite della compagnia – sottolinea l’a.d. – gli impegni non si sono comunque mai concretizzati”. In aggiunta, Ball ricorda che “fino a pochi giorni fa l’aeroporto di Reggio Calabria – oggi affidato alla gestione della S.A.CAL. – era soggetto a procedura fallimentare, situazione che nel tempo ha impedito di negoziare possibili accordi di incentivazione”. Inoltre ricorda che nel dicembre 2016 la Regione si era impegnata a “facilitare eventuali soluzioni per il trasferimento del personale Alitalia attualmente impiegato presso l’Aeroporto Tito Minniti ad una società di handling terza, con conseguente riduzione dei costi per circa 2 milioni di euro”.

Per garantire la sostenibilità delle operazioni da/per Reggio Calabria, Alitalia riconferma comunque la propria apertura “ad operare in regime di continuità territoriale, come già fatto in passato sulla rotta Torino-Reggio Calabria fino al 2014”, sottolinea Ball, ricordando che il riconoscimento della continuità territoriale dipende “esclusivamente dagli enti locali e dalle istituzioni nazionali preposte”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*