Bcc Maierato sotto indagine per irregolarità nella gestone del credito. I vecchi manager accusati di appropriazione indebita

VIBO VALENTIA – Associazione per delinquere finalizzata all'appropriazione indebita e omessa comunicazione del conflitto di interessi per irregolarità nella gestione del credito. Sono le ipotesi per le quali la Procura di Vibo Valentia procede nei confronti del management della vecchia Bcc di Maierato che, insieme alla Bcc di San Calogero, ha recentemente dato vita alla Bcc del Vibonese. Stamani la Guardia di finanza ha sequestrato materiale.

Le indagini dopo un'ispezione eseguita da Bankitalia. Gli esiti dell'indagine, condotta dal V Gruppo del Nucleo speciale di Polizia valutaria, sono stati trasmessi alla Procura di Vibo per accertare eventuali ipotesi di reato connesse alla gestione dell'istituto di credito. La Banca è risultata, secondo quanto emerso dagli accertamenti, totalmente carente di un impianto di prevenzione antiriciclaggio e, inoltre, sarebbero venute fuori numerose irregolarità ed omissioni nella gestione del credito, soprattutto a favore di alcuni soggetti ed imprese che sarebbero direttamente o indirettamente riconducibili ad appartenenti al management della Bcc di Maierato.

I finanzieri hanno eseguito, su disposizione del sostituto procuratore, Barbara Buonanno, il sequestro della documentazione relativa a numerose posizioni e rapporti sospetti allo scopo di verificare se le irregolarità ed omissioni sia state commesse per favorire specifici interessi illeciti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*