Blitz della Direzione investigativa antimafia a Roma in zona Pantheon. Sequestrati due noti ristoranti e arrestato un imprenditore calabrese

ROMA – Bli­tz del­la Dire­zio­ne inve­sti­ga­ti­va anti­ma­fia a Roma in zona Pan­theon. La Dia ha seque­stra­to due noti risto­ran­ti e arre­sta­to un impren­di­to­re cala­bre­se. I due risto­ran­ti seque­stra­ti sono loca­li fre­quen­ta­tis­si­mi soprat­tut­to da turi­sti e sono 'Er facio­la­ro' e 'La roton­da'. Entram­bi fan­no capo ad un uni­co impren­di­to­re, l'uomo che è sta­to arre­sta­to sta­mat­ti­na.

Il nome di Sal­va­to­re Lania, l'imprenditore cala­bre­se arre­sta­to oggi dal­la Dia nell' ope­ra­zio­ne che ha por­ta­to al seque­stro di due risto­ran­ti del cen­tro di Roma, era già emer­so nell'indagine che ave­va por­ta­to al seque­stro e alla suc­ces­si­va con­fi­sca del "Caf­fè de Paris", in via Vene­to, sul­le infil­tra­zio­ni nel­la Capi­ta­le del­la cosca ALVARO di Sino­po­li (Reg­gio Cala­bria). In par­ti­co­la­re, era­no emer­si rap­por­ti tra Lania e per­so­nag­gi con­ti­gui alla cosca, tut­ti coin­vol­ti in un vasto com­mer­cio trans­na­zio­na­le di mer­ci con­traf­fat­te, pro­dot­te in Cina, "sdo­ga­na­te" a Gio­ia Tau­ro (RC) con l'appoggio del­la cosca PIROMALLI-MOLÈ, con desti­na­zio­ne fina­le Repub­bli­ca Ceca. 

Le inda­gi­ni, con­dot­te dal­la DIA di Roma, han­no con­sen­ti­to di indi­vi­dua­re gli inve­sti­men­ti milio­na­ri effet­tua­ti in un bre­ve las­so di tem­po dall'imprenditore, asso­lu­ta­men­te incom­pa­ti­bi­li e spro­por­zio­na­ti rispet­to ai red­di­ti dichia­ra­ti al fisco, dimo­stran­do la tota­le assen­za di ele­men­ti a giu­sti­fi­ca­zio­ne del­la leci­ta pro­ve­nien­za dei beni. Oltre ai Risto­ran­ti "LA ROTONDA" ed "ER FACIOLARO", è sta­ta sot­to­po­sta a seque­stro una atti­vi­tà com­mer­cia­le di ven­di­ta di ele­men­ti di sou­ve­nir, ele­men­ti di arre­do e sopram­mo­bi­li deno­mi­na­ta "MI & CHI", sem­pre nel­le vici­nan­ze del Pan­theon.

Lania ave­va costi­tui­to socie­tà di como­do, qua­li la "SURIACA srl", la "ROTONDA srl", la "FIORENZA IL FAGIOLARO srl", anch' esse sot­to­po­ste a seque­stro, inte­sta­te a paren­ti o a suoi dipen­den­ti, per cela­re la rea­le pro­prie­tà del­le atti­vi­tà di risto­ra­zio­ne ed elu­de­re even­tua­li prov­ve­di­men­ti di seque­stro a suo cari­co, in con­si­de­ra­zio­ne del suo coin­vol­gi­men­to in atti­vi­tà di inda­gi­ne. Oltre a Lania, sot­to­po­sto agli arre­sti domi­ci­lia­ri, sono coin­vol­te nell'indagine altre otto per­so­ne, tut­te inda­ga­te per con­cor­so con il pre­det­to nel­la inte­sta­zio­ne fit­ti­zia dei beni. 

Dal­le car­te dell'inchiesta che ha por­ta­to all'arresto di Sal­va­to­re Lania e al seque­stro di due risto­ran­ti al cen­tro di Roma emer­ge anche un epi­so­dio in cui l'imprenditore, stan­do all'accusa, aggre­dì il dipen­den­te di un risto­ran­te a pochi pas­si da 'Er Facio­la­ro' e 'La Roton­da', entram­bi posti sot­to seque­stro oggi dal­la Dia. Nell'ottobre 2011, Lania fron­teg­giò il came­rie­re dicen­do. "Ladri, ladri, fate solo il lavo­ro spor­co. Ti ammaz­zo, ti ammaz­zo". Le offe­se e le minac­ce ven­ne­ro com­ple­ta­te da un pugno e da una ginoc­chia­ta che pro­vo­ca­ro­no 7 gior­ni di pro­gno­si per lesio­ni mul­ti­ple. Il fra­tel­lo Anto­nio Lania nell'occasione dis­se al came­rie­re: "Vai dai cara­bi­nie­ri tan­to mi fan­no una p… Sie­di­ti se hai pro­ble­mi, le guer­re non por­ta­no a nul­la e, comun­que, se per­do la guer­ra pren­do la pisto­la e ti spa­ro in fron­te".

Il gip nell'ordinanza ricor­da poi che "mol­te­pli­ci inda­gi­ni del­la Pro­cu­ra di Roma e di quel­la di Reg­gio Cala­bria han­no dimo­stra­to come sog­get­ti col­le­ga­ti a ndri­ne abbia­no nel tem­po inva­so il tes­su­to eco­no­mi­co capi­to­li­no, ope­ran­do al fine di impe­gna­re ingen­ti inve­sti­men­ti di liqui­di­tà dis­si­mu­lan­do i rea­li tito­la­ri dei beni eco­no­mi­ci acqui­sta­ti.… spes­so uti­liz­zan­do inve­sti­men­ti di dena­ro con­tan­te, al fine di giu­sti­fi­ca­re il capi­ta­le uti­liz­za­to, ma in real­tà con fina­li­tà di rici­clag­gio di pro­ven­ti ille­ci­ti".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*