Capannone diventa una serra per l'”erba”. Un arresto a Taurianova

Comando provinciale Carabinieri, Comunicato REGGIO CALABRIA – Nella nottata, i militari della Compagnia di Taurianova all’interno di un capannone industriale in contrada Pegara, hanno rinvenuto una vasta piantagione di marijuana coltivata in serra di oltre 1.000 piante, di altezza variabile tra 50 cm e 1,5 mt, e tratto in arresto il titolare dell’azienda, M.S., cl. 1972, gravato da numerosi precedenti di polizia. In particolare gli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, nel corso di un ordinario servizio di controllo del territorio, hanno raggiunto lo S., già sottoposto agli arresti domiciliari per lo stesso reato, per verificare l’osservanza delle prescrizioni dell’autorità giudiziaria. Nel corso della verifica, i militari si sono insospettiti dall’anomala illuminazione e dall’odore proveniente da un magazzino del capannone industriale, di cui l’arrestato è titolare.

Da una più accurata verifica, sono state infatti rinvenute diverse piante di marijuana con un completo impianto di illuminazione e areazione e la successiva, più minuziosa perquisizione di tutte l’area di pertinenza dello S. ha permesso di rinvenire – in 3 diversi magazzini – circa 1.020 piante di vario grado di maturazione e grandezza, complete di impianti per la coltivazione, oltre ad alcuni campioni di marijuana già confezionati e 7.500 euro in contanti, ritenuti di provenienza illecita. La vendita della marijuana ottenuta dalla piantagione avrebbe fruttato fino a 300.000 euro. I carabinieri hanno poi riscontrato che l’intero impianto di illuminazione e areazione era persino fraudolentemente alimentato da un abusivo collegamento con la rete elettrica. Al termine delle operazioni di campionatura, le piante sono state distrutte in loco con il fuoco, e lo S. è stato ristretto in attesa del rito direttissimo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*