Collaboratori di giustizia e testimoni: per il 2015 i fondi tagliati di 25 milioni

Angelino Alfano

ROMA – La disponibilità economica del Servizio Centrale di Protezione, che si occupa dei testimoni di giustizia e del collaboratori di giustizia, in tutto circa 6000 persone, è stata ridotta di circa 25 milioni di euro per il 2015. A darne notizia è il deputato Pd Davide Mattiello, componente delle Commissioni Giustizia e Antimafia e coordinatore, per la Commissione Antimafia, del gruppo di lavoro sui testimoni di giustizia.
“Sono soldi – spiega il deputato dem – che servono a tutelare persone che hanno scelto di affidarsi allo Stato per fare giustizia. Non capisco e mi preoccupa molto questa piega: dalla qualità del Servizio di Protezione dipende la sostenibilità di queste scelte, che sono sempre traumatiche per chi le fa. Eppure – fa notare Mattiello – i bilanci del Servizio cntrale di protezione sono stati risanati negli ultimi anni, grazie al rigore e alla oculatezza di chi ne ha la responsabilità. Per altro la scelta specifica nell’allocazione delle risorse all’interno della organizzazione del ministero dell’Interno non dipende dal legislatore, che con la Legge di Stabilità si occupa della distribuzione generale tra i ministeri. Quindi una valutazione del Ministro. Perché? Possibile che il ministro Alfano non possa risparmiare su altro?”.

 

“Intanto le più recenti collaborazioni, come quella di Vito Galatolo nell’ambito di Cosa Nostra, che ha rivelato i piani per uccidere Di Matteo, ma anche di Gianni Cretarola, che racconta un pezzo di ndrangheta a Roma, che va a braccetto con il sistema di Mafia Capitale, non dovrebbero lasciare dubbi sull’importanza di questo strumento”, conclude Mattiello

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*