Consiglio, Graziano lascia Forza Italia. «Non c’è agibilità politica»

Quotidiano del Sud COSENZA – Giuseppe Graziano lascia Forza Italia dopo le polemiche sull’elezione dell’ufficio di presidenza del Consiglio regionale. Elezioni che il consigliere difende in quanto «hanno garantito la continuità ad una rappresentanza equa di maggioranza e minoranza all’interno dell’Istituto». Dunque «la mia riconferma nel ruolo di Segretario questore, infatti, nasce da
e per l’opposizione e tale rimarrà fino alla fine del mandato. Certo, non intendo farmi processare da nessuno, perché la mia condotta è stata sempre lineare. Le polemiche, forse troppo accese e infondate, innescate nelle ultime ore da qualche collega consigliere di Forza Italia, infatti, necessitano una profonda operazione verità».

«Lungi dal voler generare ulteriori polemiche – continua Graziano – che non rientrano nel vocabolario della mia azione politica ma credo che qualche collega di Forza Italia, supportato da luogotenenti nelle seconde file del partito che aspirano ad un ruolo da protagonisti proprio in Consiglio regionale, prima di qualsiasi altra analisi, dovrebbe verificare al meglio e a fondo tutto quanto è stato il cammino che ha portato alle elezioni per il rinnovo dell’Ufficio di Presidenza. La mia rielezione – scandisce – nasce dai voti dell’opposizione, determinanti ai fini dello scrutinio finale, che continuerà ad avere un controcanto forte ed una cassa di risonanza autorevole all’interno della struttura presidenziale. Ecco dove sta l’inghippo: qualche consigliere ha imposto una linea profondamente sbagliata. Mi dispiace soltanto che i vertici del partito, verso i quali non ho mai avuto alcuna animosità, si siano fatti indurre in errore. Io sono e rimango un rappresentante dell’opposizione. A tutti gli effetti”.

“Ho aderito a Forza Italia credendo nella linea politica del presidente Silvio Berlusconi e condividendo l’azione politica portata avanti sia dalla deputazione nazionale calabrese, formata da Jole Santelli e Roberto Occhiuto, che dallo stesso gruppo consigliare regionale, in un partito in cui ci sono tante brave persone ed una base che ha bisogno di più considerazione. È pur vero, però, che non posso far finta di nulla e non potendo accettare di essere messo sotto processo da chi probabilmente dovrebbe chiarire la sua posizione, credo di essere costretto ad una approfondita riflessione sul mio impegno all’interno di Forza Italia. Per queste ragioni, sono io che pretendo chiarezza e agibilità politica all’interno del partito. E spero che i vertici regionali di Forza Italia possano, prima o poi, ricredersi, ma – siccome in questo momento chiarezza e agibilità per me non ci sono – non intendo continuare il mio impegno nel partito. Continuerò, invece, a lavorare nel movimento, il Coraggio di Cambiare».

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*