Elezioni amministrative a Palmi una "poltrona" per sei candidati

Ivan Puglie­se Gaz­zet­ta del Sud PALMI — Con il riti­ro di Dome­ni­co Sola­no, la situa­zio­ne rela­ti­va alle can­di­da­tu­re a sin­da­co sem­bra esser­si sta­bi­liz­za­ta. Sal­vo sor­pre­se dell'ultimo minu­to saran­no in sei a con­ten­der­si la con­qui­sta del­la pol­tro­na di sin­da­co. Il ter­mi­ne del­le uffi­cia­liz­za­zio­ni è ormai vici­no e, nel­la gior­na­ta del 13 mag­gio, la com­mis­sio­ne elet­to­ra­le inse­dia­ta­si oggi a Palaz­zo San Nico­la dovreb­be espe­ri­re tut­ti i con­trol­li rela­ti­vi alle com­po­si­zio­ni del­le liste e del­le fir­me a sup­por­to. Se anche dopo que­sta veri­fi­ca non doves­se­ro sor­ge­re pro­ble­mi, allo­ra i sei can­di­da­ti saran­no uffi­cial­men­te in cor­sa per la cari­ca di pri­mo cit­ta­di­no. Avrà così ini­zio un mese inten­so, fat­to di incon­tri (per mol­ti in real­tà già avvia­ti da tem­po), comi­zi in piaz­za Pri­mo Mag­gio e, imman­ca­bi­li nell'era social, anche di video da con­di­vi­de­re sino alla noia sul­la più note piat­ta­for­me, in pri­mis Face­book.

Sarà una lot­ta sen­za quar­tie­re e all'ultimo voto quel­la che la cit­tà di Pal­mi si appre­sta a vive­re: un nume­ro di can­di­da­ti a sin­da­co così ele­va­to, infat­ti, por­te­rà con se l'inevitabile cor­sa alla can­di­da­tu­ra per la cari­ca a con­si­glie­re comu­na­le, situa­zio­ne che non farà altro che spez­zet­ta­re anco­ra di più il voto. La par­ti­ta, insom­ma, potreb­be gio­car­si su una dif­fe­ren­za di poche cen­ti­na­ia di voti tra i due che cen­tre­ran­no il bal­lot­tag­gio ed i pri­mi degli esclu­si. In cam­po resta­no Mini­ma Di Cer­to, can­di­da­ta che negli ulti­mi tem­pi ha incas­sa­to diver­si soste­gni, come quel­lo dei Socia­li­sti Pal­me­si che han­no annun­cia­to di cor­re­re al suo fian­co, oltre all'ex can­di­da­to a sin­da­co Rena­to Vigna. C'è quin­di Giu­sep­pe Ranuc­cio, l'ex con­si­glie­re comu­na­le di oppo­si­zio­ne soste­nu­to da una coa­li­zio­ne civi­ca che è sta­to il pri­mo a scen­de­re in cam­po già alla fine del­la scor­sa esta­te. Un movi­men­to sen­za sim­bo­li di par­ti­ti che nel tem­po ha acqui­si­to sem­pre più soste­gno e con­sa­pe­vo­lez­za dei pro­pri mez­zi; Fran­ce­sco Tren­ti­nel­la, sce­so in cam­po anche lui sen­za par­ti­ti accan­to, pun­ta sull'esperienza matu­ra­ta nel cor­so del­le ulti­me legi­sla­tu­re, pri­ma da asses­so­re allo Sport e Turi­smo e poi da con­si­glie­re comu­na­le di mino­ran­za.

Pro­se­gue la sua cor­sa anche l'atmale asses­so­re ai Lavo­ri pub­bli­ci del­la giun­ta Baro­ne, Sil­va­na Misa­le deci­sa a con­dur­re in por­to diver­si pro­get­ti che ha cura­to nel cor­so del suo man­da­to dopo l'esperienza di risa­na­men­to alla gui­da del­la Ppm. Una fit­tis­si­ma agen­da di incon­tri, descri­ve il per­cor­so che sta por­tan­do avan­ti Pino Ippo­li­to, coor­di­na­to­re del Cir­co­lo Armi­no, i cui com­po­nen­ti sono sta­ti tra i più acer­ri­mi oppo­si­to­ri extra con­si­lia­ri dell'attuale ammi­ni­stra­zio­ne comu­na­le; quin­di la can­di­da­tu­ra di Aldo Trim­bo­li, coor­di­na­to­re del movi­men­to "Spa­zio Libe­ro", che nel­le ulti­me set­ti­ma­ne ha avvia­to una serie di incon­tri con diver­se real­tà loca­li per discu­te­re del­le più spi­no­se que­stio­ni cit­ta­di­ne.