Fusione di Comuni, ora ci provano in cinque. Riunione ad Anoia del comitato per la conurbazione

Attillo Sergio Gazzetta del Sud ANOIA — Il comitato per la conurbazione “Una Nuova Città”, nell’ambito del percorso di  sensibilizzazione ha incontrato ad Anoia i rappresentanti dell’associazione socioculturale “Sino”. L’incontro, contraddistinto da un clima di cordialità e da vivo interesse, ha avuto con l’obiettivo di creare maggiore sinergia nella realizzazione del progetto, da tempo avviato, della creazione di un grande centro urbano di circa 30mila abitanti grazie alla fusione di 5 Comuni: Polistena, Cinquefrondi, Anoia, Melicucco e San Giorgio Morgeto.

All’incontro, molto partecipato, hanno preso parte Michele Condò (presidente di “Sirio”) e per il Comitato per la conurbazione Raffaele Manferoce (presidente onorario), Enrico Marvasi Albanese (vice presidente), Aldo Polisena, Angelo Sciotto, Franco Tropeano e Giuseppe Mesiano. «È un’idea, quella della costruzione di una nuova città — ha affermato Condò — che nasce da lontano e già noi, come associazione, nel 1999, lanciammo la proposta». Per Manferoce «il momento è positivo, perché i Comuni stentano a garantire i servizi essenziali e sta nascendo, in Calabria, un proprio e vero movimento che punta a creare diverse nuove realtà urbane». Infatti, lo scorso 5 maggio è nata la nuova realtà urbana Casali del Manco, in provincia di Cosenza, originata dalla fusione di 5 Comuni. Inoltre la stessa città di Cosenza ha dato avvio all’iter per la fusione con Rende, e la Regione ha dato l’assenso per il referendum per la nascita di una nuova città tra Rossano e Corigliano.

Nel corso dell’incontro svoltosi ad Anoia è stato ricordato che il processo per la costruzione di nuove realtà amministrative nasce soprattutto per i vantaggi economici, culturali e turistici previsti dalla legislazione nazionale ed europea. «È passato un anno —ha ricordato Polisena — dacché abbiamo ufficializzato la presenza del Comitato e molte iniziative si sono realizzate per sensibilizzare i cittadini, in vista della proposta di referendum consultivo che il Comitato intende avanzare al più presto». Ad avviso di Tropeano «è necessario aprire, quanto prima, il confronto con le amministrazioni pubbliche per verificare la disponibilità ad un lavoro comune per creare una nuova città». Contributi al dibattito sono giunti anche da Enrico Marvasi Albanese, Giorgio Castella, Angelo Sciotto Pietro Pino, Francesco Corigliano e Danilo Bruzzese.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*