Il discorso del colonnello Scafuri in memoria del brigadiere Iozia, ucciso nel 1987

Anto­ni­no Raso Quo­ti­dia­no del Sud CITTANOVA – «Orgo­glio­so dell’Arma dei Cara­bi­nie­ri – ha scrit­to Ren­zi. Fate sen­ti­re que­ste paro­le ai più gio­va­ni. Mi sem­bra­no paro­le che i più gio­va­ni devo­no ascol­ta­re. Le con­di­vi­do con voi come voglio con­di­vi­der­le con i miei figli. Sono orgo­glio­so del lavo­ro dell’Arma dei Cara­bi­nie­ri». Ci sono anche le paro­le dell'ex pre­mier Mat­teo Ren­zi, arri­va­te attra­ver­so i social net­work, all’indomani dell’intervento del colon­nel­lo dei Cara­bi­nie­ri Gian­car­lo Sca­fu­ri, pro­nun­cia­to nel cor­so del­la mes­sa in suf­fra­gio del bri­ga­die­re Rosa­rio Iozia ucci­so dal­la ndran­ghe­ta a Cit­ta­no­va il 10 apri­le del 1987. Paro­le sem­pli­ci ma for­tis­si­me, desti­na­te la lascia­re trac­cia per la loro bel­lez­za, quel­le del coman­dan­te pro­vin­cia­le dell’Arma di Reg­gio Cala­bria.

«Sie­te pic­co­li, sie­te bra­vi, sie­te gio­va­ni, sie­te tut­ti per­be­ne – ave­va det­to Sca­fu­ri rivol­gen­do­si agli stu­den­ti pre­sen­ti all’interno del­la chie­sa Matri­ce di Cit­ta­no­va. Qui c’è una mam­ma che dopo 30 anni con­ti­nua a pian­ge­re il suo figlio­lo. Signo­ri inse­gnan­ti spie­ga­te bene che cos’è la ndran­ghe­ta e non abbia­te pau­ra di dire que­sta paro­la, dite­la, non l’ha det­ta nes­su­no oggi in chie­sa. C’è solo una stra­da, non ce ne sono altre. Spie­ga­te bene a que­sti ragaz­zi, in modo tale che pos­sa­no tor­na­re a casa e par­la­re con i loro geni­to­ri. Sie­te tut­ti per­be­ne, la Cala­bria meri­ta di più. E’ un tumo­re mali­gno la ndran­ghe­ta e que­sti sono i risul­ta­ti». Nel­la gior­na­ta di ieri il pri­mo a rilan­cia­re que­ste paro­le è sta­to il Garan­te per l’infanzia e l’adolescenza del­la Regio­ne Cala­bria Anto­nio Mar­zia­le. «Que­sto mes­sag­gio – ha affer­ma­to in una nota – non riman­ga impres­so esclu­si­va­men­te nel­la cro­na­ca quo­ti­dia­na, ma diven­ti pie­tra milia­re di un nuo­vo modo di impar­ti­re l’educazione alla lega­li­tà ai gio­va­nis­si­mi cala­bre­si, che devo­no guar­da­re alla ndran­ghe­ta per quel­lo che è, ossia cul­tu­ra del­la mor­te e del disprez­zo tota­le al bene più pre­zio­so che è la vita». Poi ha aggiun­to: «La for­za del­le paro­le pro­nun­cia­te dal Coman­dan­te pro­vin­cia­le dei Cara­bi­nie­ri di Reg­gio Cala­bria sovra­sta di gran lun­ga le reto­ri­che che han­no con­trad­di­stin­to fino ad oggi il dia­lo­go con le mas­se ado­le­scen­zia­li e ren­de tan­gi­bi­li i limi­ti di un ter­ri­to­rio, che per col­pa del­la ndran­ghe­ta rima­ne indie­tro anni luce rispet­to alle pro­spet­ti­ve di svi­lup­po che deli­nea­no la Cala­bria fana­li­no di coda del pro­ces­so di inte­gra­zio­ne all’Europa e, anco­ra peg­gio al resto d’Italia».

Imme­dia­to anche il com­men­to del segre­ta­rio regio­na­le del Pd Erne­sto Magor­no: «Le paro­le pro­nun­cia­te dal colon­nel­lo Gian­car­lo Sca­fu­ri sono un moni­to alla nostra coscien­za di cala­bre­si e ancor di più di espo­nen­ti del­le isti­tu­zio­ni e del­la poli­ti­ca. Occor­re par­la­re di più e meglio del peso mor­ta­le del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta – ha aggiun­to – che in Cala­bria fal­cia vite e cor­ro­de eco­no­mia, isti­tu­zio­ni, cor­pi inter­me­di. Quan­to al Pd Cala­bria – ha con­clu­so – fare­mo la nostra par­te per tene­re alto il dibat­ti­to poli­ti­co sui gran­di temi del­la lega­li­tà e del­la tra­spa­ren­za». Il mes­sag­gio di Sca­fu­ri ha let­te­ral­men­te fat­to il giro d’Italia, ripre­so dai social net­work e da innu­me­re­vo­li testa­te car­ta­cee e on line. Un mes­sag­gio che è riu­sci­to a toc­ca­re i cuo­ri, venu­to da chi la lot­ta alla ndran­ghe­ta la com­bat­te ogni gior­no sul cam­po.