Il Pm chiede 7 anni di carcere per Rosy Canale

LOCRI – Il pubblico ministero della Dda di Reggio Calabria, Francesco Tedesco, ha chiesto la condanna a sette anni di reclusione per Rosy Canale, la fondatrice dell'associazione antimafia "Movimento donne di San Luca" coinvolta nell'inchiesta chiamata Inganno. La richiesta di condanna è giunta al termine di una requisitoria durata oltre tre ore. Il processo a Rosy Canale è in corso davanti ai giudici del tribunale di Locri. L'imputata è stata rinviata a giudizio il 27 giugno del 2014 per i reati di truffa e malversazione. La donna, secondo l'accusa, ha usufruito di finanziamenti pubblici destinati all'attività del movimento antimafia, utilizzandoli in realtà per scopi personali.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*