Il sindaco di Brescello replica a Fava: “Contro di me una macchina del fango”

Marcello Coffrini

BOLOGNA – "Apprendo con stupore e sdegno, la persino incredibile dichiarazione dell'onorevole Claudio Fava". Il sindaco di Brescello Marcello Coffrini è intervenuti con una note per replicare all'appello di Fava al Presidente della Repubblica perché lo destituisca dal suo incarico amministrativo. "Trattasi di un'ennesima dimostrazione delle veemenza con la quale è stata avviata e mantenuta per mesi nei miei confronti una persino violenta macchina del fango – ha detto Coffrini -. Non ho mai lodato nessun condannato per mafia; né tanto meno sono mai stato amico di qualcuno in tali condizioni. Non ho mai in alcuna maniera 'tessuto pubbliche lodi' a favore di alcuno, men che meno appartenente alla malavita organizzata. Non sono mai stato sottoposto ad alcuna indagine giudiziaria per ragioni di mafia; per il semplice motivo non sussisterne le ragioni".

Coffrini sostiene che l'attacco nei suoi confronti è "basato su palesi falsità e deformazioni dei fatti". "Ho preso posizione sulle mie dichiarazioni – continua Coffrini nella nota – ho fatto autocritica sul contenuto delle medesime e ho ricevuto, sul punto, la fiducia del mio consiglio comunale al quale avevo rimesso la decisione sul mio mandato". E aggiunge: "Non ho nulla da temere da un eventuale intervento del Presidente della Repubblica che anzi auspico dal momento che non potrà non rendersi subito conto della inconsistenza, non disgiunta da aperta faziosità e, ribadisco, falsità, di quanto mi è ascritto".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*