In 300 su un peschereccio che imbarca acqua. Soccorsa al largo della Calabria una imbarcazione carica di migranti

REGGIO CALABRIA – Un intervento di soccorso a circa 300 migranti a bordo di un peschereccio in cattive condizioni di galleggiabilità è in corso a circa 80 miglia dalla costa della Calabria, al largo della Locride. Sul posto si trovano tre motovedette del Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza di Vibo Valentia e due motovedette della Capitaneria di porto. Al momento, secondo quanto si è appreso, è in corso il trasbordo dei migranti sulle unità militari. Solo dopo sarà deciso in quale porto saranno trasferiti i migranti.

Sono state ultimate le operazioni di trasbordo dei circa 300 migranti soccorsi stasera al largo delle coste calabresi mentre si trovavano a bordo di un peschereccio che stava imbarcando acqua. I migranti sono stati fatti salire su due unità della Guardia costiera e tre della Guardia di finanza che stanno partendo alla volta del porto di Roccella Jonica dove l'arrivo è previsto in nottata. Da un primo esame, i migranti stanno complessivamente bene, compatibilmente con le avversità patite durante il viaggio. Esclusi, comunque, casi sanitari urgenti. Il peschereccio è stato individuato nel tardo pomeriggio mentre si trovava ad un centinaio dalla costa da un aereo del dispositivo Frontex. Sul posto sono poi giunte le motovedette che hanno provveduto a mettere in salvo i migranti. Il peschereccio su cui viaggiavano è stato lasciato alla deriva vista l'impossibilità di trainarlo dal momento che imbarca acqua.

Sono giunti nel porto di Roccella Jonica all'alba, i migranti soccorsi ieri a 80 miglia dalla costa calabrese mentre viaggiavano su un vecchio peschereccio di una ventina di metri che imbarcava acqua. Si tratta di 231 persone, tra le quali 37 donne e dieci bambini uno dei quali di pochi mesi, in prevalenza provenienti da Sudan ed Eritrea. A condurli in porto le motovedette della Guardia costiera di Roccella Ionica e Reggio Calabria e quelle della Guardia di finanza del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia che li hanno presi a bordo al largo. Le condizioni dei migranti sono complessivamente buone. Solo una donna è stata ricoverata in ospedale a scopo precauzionale dopo un lieve malore. In porto personale della Capitaneria, della Guardia di finanza, della polizia e carabinieri, oltre a medici e associazioni di volontariato, ha prestato la prima assistenza. I migranti saranno trasferiti in una struttura messa a disposizione dal Comune e assistiti dall'associazione di protezione civile Aniello Ursino. Il peschereccio sul quale viaggiavano è stato individuato nel tardo pomeriggio da un aereo del dispositivo Frontex ad un centinaio di miglia dalla costa calabrese. In zona sono state inviate le motovedette che hanno provveduto a trasbordare i migranti. Il peschereccio è stato lasciato alla deriva visto che, imbarcando acqua, non era trainabile.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*