Intesa tra Gruppo De Masi e banche. La Cgil: "Ora si lavori al rilancio"

ROMA – Oggi, con la sot­to­scri­zio­ne al mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co di un Memo­ran­dum of under­stan­ding tra i rap­pre­sen­tan­ti del Grup­po e del­le tre ban­che Uni­cre­dit, MPS e BNL-BNP, "sono sta­te poste soli­de basi per con­clu­de­re posi­ti­va­men­te il con­ten­zio­so in mate­ria lega­le e finan­zia­ria che da mol­ti anni li vede­va con­trap­po­sti". Lo annun­cia una nota del Mise. "Que­sto accor­do è il risul­ta­to di una lun­ga e com­ples­sa media­zio­ne che ha visto impe­gna­ti il sot­to­se­gre­ta­rio alla pre­si­den­za del Con­si­glio Clau­dio De Vin­cen­ti, il vice mini­stro all'Interno Filip­po Bub­bi­co, il mini­ste­ro degli Affa­ri regio­na­li, la Regio­ne Cala­bria insie­me alla Uni­tà di gestio­ne del­le ver­ten­ze indu­stria­li del Mise. 

Tut­te le par­ti han­no lavo­ra­to siner­gi­ca­men­te affin­ché il Grup­po de Masi pos­sa ripren­de­re, attra­ver­so la suc­ces­si­va rior­ga­niz­za­zio­ne del suo debi­to, le atti­vi­tà indu­stria­li in Cala­bria, ovve­ro in una Regio­ne par­ti­co­lar­men­te disa­gia­ta. "Con que­sto accor­do – affer­ma il Sot­to­se­gre­ta­rio De Vin­cen­ti – non solo si avvia a solu­zio­ne defi­ni­ti­va il con­ten­zio­so lega­le e finan­zia­rio, ma soprat­tut­to si apre un capi­to­lo nuo­vo per il lavo­ro one­sto in Cala­bria. Il dott De Masi sta con­du­cen­do una bat­ta­glia per tute­la­re la lega­li­tà nel ter­ri­to­rio e ora, anche con il sup­por­to degli Isti­tu­ti finan­zia­ri, può e deve ripren­de­re la gui­da del­le pro­prie impre­se insie­me alla sua fami­glia"

"Espri­mia­mo gran­de sod­di­sfa­zio­ne per l'accordo fir­ma­to al mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co, risul­ta­to rag­giun­to gra­zie al for­te e costan­te impe­gno del­la Cgil e alla gran­de sen­si­bi­li­tà ed atten­zio­ne del sot­to­se­gre­ta­rio alla pre­si­den­za del Con­si­glio De Vin­cen­ti". Così il segre­ta­rio con­fe­de­ra­le del sin­da­ca­to di cor­so d'Italia Gian­na Fra­cas­si com­men­ta l'intesa sigla­ta oggi al dica­ste­ro di via Moli­se tra i rap­pre­sen­ta­ti del Grup­po De Masi e del­le ban­che Uni­cre­dit, Mps e Bnl-Bnp Pari­bas. "Con que­sto accor­do – sot­to­li­nea Fra­cas­si – non solo si sal­va­no deci­ne di posti di lavo­ro e un'importante real­tà pro­dut­ti­va in un ter­ri­to­rio par­ti­co­lar­men­te disa­gia­to come quel­lo del­la pia­na di Gio­ia Tau­ro e del­la Cala­bria, ma – con­clu­de – si dà un mes­sag­gio posi­ti­vo, dal for­te valo­re sim­bo­li­co, a tute­la del­la lega­li­tà e del­la lot­ta alla cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, che ha col­pi­to con pesan­ti inti­mi­da­zio­ni il signor De Masi e la sua azien­da".

Con l'accordo sot­to­scrit­to pres­so il mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co tra il Gover­no, il Grup­po De Masi e le ban­che inte­res­sa­te, "dopo mesi di este­nuan­ti trat­ta­ti­ve è giun­ta final­men­te a ter­mi­ne una fase tra­va­glia­ta che ha mol­to con­di­zio­na­to, se non mes­so a rischio, la tenu­ta ope­ra­ti­va di una del­le poche e più impor­tan­ti real­tà indu­stria­li del­la Cala­bria". Lo scri­vo­no la Fiom-Cgil nazio­na­le, la Fiom-Cgil Cala­bria e la Fiom-Cgil di Gio­ia Tau­ro. "Una fase, quel­la alle spal­le, – pro­se­guo­no – nel­la qua­le i lavo­ra­to­ri han­no subì­to con­di­zio­ni di disa­gio sala­ria­le e vis­su­to momen­ti di pre­oc­cu­pa­zio­ne per la tenu­ta dell'occupazione, ma han­no sapu­to insie­me alla Fiom, a tut­ti i livel­li, alla Cgil e alle altre orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li tene­re una linea coe­ren­te in un con­ten­zio­so che ha assun­to anche un valo­re sim­bo­li­co a pre­si­dio del­la lega­li­tà, del­la tra­spa­ren­za, in una ter­ra mar­to­ria­ta da un siste­ma cri­mi­na­le e da ves­sa­zio­ni di ogni tipo. Ora si apre una fase nuo­va. Sta all'impresa dimo­stra­re di saper defi­ni­re un pro­get­to indu­stria­le che, valo­riz­zan­do la dedi­zio­ne, il sape­re, le com­pe­ten­ze dei lavo­ra­to­ri, con­sen­ta il rilan­cio del­la pro­du­zio­ne e lo svi­lup­po occu­pa­zio­na­le e che fin da subi­to favo­ri­sca la fuo­riu­sci­ta dagli ammor­tiz­za­to­ri socia­li con la pie­na atti­va­zio­ne degli impian­ti. Impor­tan­te sarà anche il ruo­lo del siste­ma Isti­tu­zio­na­le, a par­ti­re dal­la Giun­ta regio­na­le. La Fiom, insie­me ai lavo­ra­to­ri che rap­pre­sen­ta, pro­se­guen­do nel­la pra­ti­ca uni­ta­ria che si è rea­liz­za­ta in que­sta ver­ten­za agi­rà con impe­gno per­ché il Grup­po De Masi si rior­ga­niz­zi e rilan­ci, diven­tan­do un model­lo di rife­ri­men­to anche per la qua­li­tà del­le rela­zio­ni indu­stria­li a Gio­ia Tau­ro, in Cala­bria, nell'intero Pae­se".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*