La Gdf trova a Cutro un arsenale: 13 fucili, otto pistole e divise da carabiniere

CROTONE – Maxi seque­stro di armi in Cala­bria. I finan­zie­ri del­la Com­pa­gnia di Cro­to­ne han­no tro­va­to, nasco­sti in un ter­re­no di oltre cin­que­mi­la metri qua­dri in loca­li­tà Sca­raz­ze, nel comu­ne di Cutro, 13 fuci­li, otto pisto­le, oltre mil­le muni­zio­ni e divi­se in uso all'Arma dei Cara­bi­nie­ri. Le armi sono sta­te tro­va­te nell'ambito di un ser­vi­zio di con­trol­lo, avva­len­do­si anche di metal detec­tor, dro­ni, uni­tà cino­fi­le e mili­ta­ri spe­cia­liz­za­ti Anti ter­ro­ri­smo pron­to impie­go, i Baschi ver­di.

Il mate­ria­le era custo­di­to in invo­lu­cri di pla­sti­ca nasco­sti all'interno di cuni­co­li di dif­fi­ci­le indi­vi­dua­zio­ne, mime­tiz­za­ti da rovi e can­ne­ti. Oltre a fuci­li e pisto­le, di vario cali­bro, i finan­zie­ri han­no tro­va­to un miri­no di pre­ci­sio­ne, un silen­zia­to­re arti­gia­na­le ed una giac­ca e tre pan­ta­lo­ni di divi­sa in uso ai cara­bi­nie­ri. Le armi sono tut­te in otti­mo sta­to di con­ser­va­zio­ne. Le inda­gi­ni pro­se­guo­no per risa­li­re ai custo­di del­le armi, tro­va­te in una zona in cui è for­te la pre­sen­za del­la ndran­ghe­ta.