Liguria, confermata l'interdittiva antimafia ad una società di slot machines

GENOVA – Il Tar del­la Ligu­ria ha con­fer­ma­to l'interdittiva anti­ma­fia dispo­sta dal­la Pre­fet­tu­ra di Geno­va nei con­fron­ti di M.P. Gio­chi Srl, socie­tà del Tigul­lio nel set­to­re sale gio­chi e slot machi­ne. Il Tar ha respin­to la richie­sta con cui la socie­tà chie­de­va di sospen­de­re il prov­ve­di­men­to del­la
Pre­fet­tu­ra nell'ambito del­la "pre­sun­ta infil­tra­zio­ne dell' orga­niz­za­zio­ne mafio­sa 'ndran­ghe­ta nel tes­su­to eco­no­mi­co del levan­te ligu­re, in par­ti­co­la­re nell'attività del gio­co leci­to".

La deter­mi­na­zio­ne pre­fet­ti­zia, spie­ga il Tar, "fa rife­ri­men­to a una sen­ten­za del Con­si­glio di Sta­to del 2015 per avva­lo­ra­re la tesi secon­do cui sono suf­fi­cien­ti i sospet­ti cir­ca l'influenza di uomi­ni, capi­ta­li e meto­di dell'associazione cri­mi­na­le per legit­ti­ma­re l'interdittiva. Il col­le­gio con­di­vi­de – è scrit­to nell'ordinanza del Tar – notan­do tut­ta­via che con il pro­ce­de­re dell'accertamento nel con­trad­dit­to­rio devo­no diven­ta­re più evi­den­ti le respon­sa­bi­li­tà dei sog­get­ti che, diret­ta­men­te o indi­ret­ta­men­te, gesti­sco­no le atti­vi­tà ricon­du­ci­bi­li all'economia cri­mi­na­le".

In que­sto con­te­sto, sot­to­li­nea il Tar, quan­to con­te­nu­to "nel­la sen­ten­za sull'esistenza del­la ndran­ghe­ta in Ligu­ria e sul suo ruo­lo atti­vo nel­la distor­sio­ne dell'economia lega­le sul ter­ri­to­rio", con rife­ri­men­ti alle inchie­ste su Tigul­lio e Lava­gna in par­ti­co­la­re, avva­lo­ra le tesi del prov­ve­di­men­to pre­fet­ti­zio "nel­la par­te in cui si sot­to­li­nea che la simu­la­ta inte­sta­zio­ne del­le quo­te socia­li del­la ricor­ren­te è par­te di un più com­ples­so dise­gno, vol­to a dis­si­mu­la­re l'esistenza e il rilie­vo di set­to­ri devia­ti dell'imprenditoria nel levan­te ligu­re". Il Tar, com­pen­san­do le spe­se del­la fase cau­te­la­re, evi­den­zia anche "la discor­dan­za rile­va­ta nel­le deci­sio­ni dei giu­di­ci pena­li sull'argomento".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*