Ndrangheta, tentati omicidi a Lamezia Terme, c'è un indagato

CATANZARO – Per­so­na­le del­la Squa­dra Mobi­le di Catan­za­ro ha noti­fi­ca­to un avvi­so di con­clu­sio­ne inda­gi­ni, emes­so dal­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca del capo­luo­go, ad Ales­san­dro Tor­ca­sio, di 34 anni, rite­nu­to ele­men­to di spic­co del­la cosca Giam­pà. Le atti­vi­tà inve­sti­ga­ti­ve, dispo­ste dal­la Dda catan­za­re­se, han­no per­mes­so di rico­strui­re due epi­so­di del­la guer­ra di mafia di Lame­zia Ter­me che ha visto con­trap­po­ste fami­glie Giam­pà e
Cer­ra-Tor­ca­sio-Gual­tie­ri, con l'esecuzione di una serie di omi­ci­di avve­nu­ti a ridos­so degli anni 2010–2011.

Gli epi­so­di sono sta­ti accer­ta­ti oltre che dall'attività di inda­gi­ne anche gra­zie al riscon­tro del­le dichia­ra­zio­ni di diver­si col­la­bo­ra­to­ri di giu­sti­zia, espo­nen­ti del­la cosca Giam­pà. Ad Ales­san­dro Tor­ca­sio, in par­ti­co­la­re, vie­ne con­te­sta­to il ten­ta­to omi­ci­dio di Nico­la Gual­tie­ri, alias "coc­co­dril­lo" acca­du­to pri­ma dell'agguato nel qua­le Gual­tie­ri ven­ne ucci­so nel novem­bre del 2010. Dal­le inda­gi­ni è emer­so che Tor­ca­sio ave­va atte­so il rien­tro di Gual­tie­ri in car­ce­re dove era dete­nu­to ten­tan­do di ucci­der­lo con un mitra­glia­to­re kala­sh­ni­kov che però si era incep­pa­to. Altro epi­so­dio con­te­sta­to a Tor­ca­sio è il ten­ta­to omi­ci­dio di Otto­ri­no Rai­ne­ri, espo­nen­te di spic­co del­la cosca avver­sa­ria. Anche in que­sto caso però il ten­ta­ti­vo era anda­to a vuo­to.

Tor­ca­sio, inol­tre, è indi­ca­to come auto­re di due distin­ti epi­so­di di estor­sio­ne nei con­fron­ti di altret­tan­te atti­vi­tà com­mer­cia­li ai cui pro­prie­ta­ri è sta­ta con­te­sta­ta l'ipotesi di favo­reg­gia­men­to in quan­to, all'atto dell'escussione come par­ti offe­se da par­te degli inve­sti­ga­to­ri del­la Squa­dra Mobi­le di Catan­za­ro, ave­va­no for­ni­to fal­se dichia­ra­zio­ni.