Ndrangheta, una “costante” nell’affare Moro. Nel libro di Simona Zecchi il ruolo dei calabresi nell’azione brigatista

ROMA – E’ un’inchiesta accurata e coraggiosa il libro della giornalista Simona Zecchi “La criminalità servente nel Caso Moro”, edito da La nave di Teseo, che torna, dopo 40 anni, sul rapimento e sull’uccisione del presidente della Dc per mano delle Brigate Rosse, avvenuti rispettivamente il 16 marzo e il 9 maggio del 1978. Quasi 250 pagine dense di informazioni, nomi, atti giudiziari, aneddoti, indiscrezioni, articoli di giornale, fatti poco noti o nascosti, compongono quello che ancora oggi appare un puzzle impossibile da comporre, un groviglio inestricabile che non permette di diradare la nebbia sull’affaire Moro. Dopo anni di commissioni e di indagini, di dichiarazioni di pentiti, di film girati e di libri scritti, ma anche di incuria, di omissioni e di connivenze, l’autrice non ha paura di avanzare un’ipotesi, corroborata dai dati raccolti, che potrebbe offrire una nuova chiave di lettura sul sequestro.

Secondo Zecchi, infatti, nei 55 giorni di prigionia avrebbe giocato un ruolo centrale la Ndrangheta, che l’autrice indica come la “costante del Caso Moro”, una costante però sempre “ignorata o volutamente estromessa che molti, nel corso degli anni, hanno deriso o sminuito”. Nel libro il quadro della tragedia di Moro, uno degli eventi più drammatici, irrisolti e destabilizzanti della storia della Repubblica italiana, si ricompone lentamente: Zecchi ripercorre l’intera vicenda, dal rapimento in via Fani, con l’uccisione della scorta dello statista pugliese, ai giorni in cui il politico rimase rinchiuso, alla lunga e improduttiva trattativa fino all’epilogo e al ritrovamento del cadavere in via Caetani. Quella che emerge è la presenza costante della criminalità organizzata: la conclusione è che dunque sia impossibile e non veritiero considerare ciò che è accaduto a Moro esclusivamente un fatto scaturito da un’azione di matrice terroristica, e che il delitto deriverebbe da logiche politico-criminali.

Se la lettura non appare semplice (tanti sono i nomi, i dettagli e le informazioni raccolte e spiegate dall’autrice), di certo il libro costituisce uno strumento essenziale non soltanto per chi, già a conoscenza dei fatti, voglia provare a ricomporli in modo più coerente, ma soprattutto per coloro che si avvicinano al Caso Moro per la prima volta. E’ a loro infatti che idealmente l’autrice sembra rivolgersi, anche in un estremo tentativo di rendere finalmente giustizia alle vittime e alle loro famiglie ricostruendo la verità storica. “Con il sequestro e la morte di Moro, in via Fani e via Caetani e in tutto ciò che in mezzo è avvenuto, la mafia e soprattutto la ndrangheta e la sua componente riservata (ovvero criminalità organizzata, ma anche servizi segreti, massoneria, magistratura e parte delle istituzioni) allungano le mani sul paese, cosa che si ripete ogni volta in cui il paese va verso la rovina”.

 

SIMONA ZECCHI
LA CRIMINALITA’ SERVENTE NEL CASO MORO
La nave di Teseo, pp.240, 18 Euro

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*