Omicidio del giudice Scopelliti, il Pm Lombardo: “Impensabile che non ci sia stato un ruolo della ndrangheta”

ROMA – "Siamo convinti, sulla base di una serie di acquisizioni, che è impossibile pensare che non ci sia stato un ruolo della ndrangheta" nell'uccisione del giudice Antonino Scopelliti. "Quale ruolo, non siamo in grado di dirlo e lo diremo solo in forma ufficiale". Così il sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo, intervenuto al convegno "Mio padre non è un eroe" organizzato dalla figlia del magistrato, Rosanna Scopelliti, per commemorare la figura del magistrato ucciso nel 1991. Per Lombardo insomma è difficile "pensare che un omicidio eccellente, che la ndrangheta ha in qualche modo sempre rifiutato come tipo di comportamento di attacco alle istituzioni, sia avvenuto in quei territori senza che sia stato portato a conoscenza di quelle organizzazioni".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*