Operazione "Saggio compagno", 36 provvedimenti a carico delle cosche di Cinquefrondi e Anoia

REGGIO CALABRIA – E' in cor­so dal­le pri­me or di oggi in pro­vin­cia di Reg­gio Cala­bria ed in quel­le di Roma, Ver­ba­nia e Vibo Valen­tia una vasta ope­ra­zio­ne dei Cara­bi­nie­ri del Coman­do pro­vin­cia­le di Reg­gio per l'esecuzione di 37 prov­ve­di­men­ti di fer­mo nei con­fron­ti di altret­tan­ti pre­sun­ti appar­te­nen­ti alla ndran­ghe­ta. I prov­ve­di­men­ti sono sta­ti emes­si dal­la Pro­cu­ra anti­ma­fia di Reg­gio Cala­bria, che ha anche dispo­sto nume­ro­se per­qui­si­zio­ni.

L'operazione riguar­da la Pia­na di Gio­ia Tau­ro, ed in par­ti­co­la­re la zona di Cin­que­fron­di. Il rea­to con­te­sta­to alle per­so­ne fer­ma­te è l'associazione per delin­que­re di tipo mafio­so, insie­me a deten­zio­ne e por­to di armi da guer­ra e comu­ni da spa­ro, ricet­ta­zio­ne, rive­la­zio­ne ed uti­liz­za­zio­ne di segre­ti d'ufficio, favo­reg­gia­men­to per­so­na­le, traf­fi­co e deten­zio­ne ille­ci­ti di sostan­ze stu­pe­fa­cen­ti o psi­co­tro­pe, estor­sio­ne, fur­to, spen­di­ta e intro­du­zio­ne nel­lo Sta­to pre­vio con­cer­to di mone­te fal­si­fi­ca­te e dan­neg­gia­men­to segui­to da incen­dio: rea­ti tut­ti aggra­va­ti dal meto­do mafio­so.

C'è anche un poli­ziot­to tra gli inda­ga­ti dell'inchiesta, deno­mi­na­ta "Sag­gio com­pa­gno", che ha por­ta­to all'esecuzione sta­mat­ti­na di 36 prov­ve­di­men­ti di fer­mo nei con­fron­ti di altret­tan­ti pre­sun­ti affi­lia­ti alla ndran­ghe­ta. Il poli­ziot­to, secon­do l'ipotesi accu­sa­to­ria, avreb­be rive­la­to al boss Giu­sep­pe Ladi­ni, capo dell'omonima cosca, arre­sta­to nell'aprile del 2014, che, su dispo­si­zio­ne del­la Dda di Reg­gio Cala­bria, era sta­ta col­lo­ca­ta una tele­ca­me­ra davan­ti l'ingresso del­la sua abi­ta­zio­ne".

"L'importanza dell'operazione di oggi, por­ta­ta a ter­mi­ne dai Cara­bi­nie­ri di Reg­gio Cala­bria con 36 prov­ve­di­men­ti di fer­mo, ha con­sen­ti­to di sman­tel­la­re diver­se cosche che ope­ra­va­no in più pro­vin­ce e che con­trol­la­va­no e sfrut­ta­va­no ille­ci­ta­men­te risor­se eco­no­mi­che com­pien­do una serie di delit­ti con­tro il patri­mo­nio e l'incolumità per­so­na­le". Lo dice il mini­stro dell'Interno, Ange­li­no Alfa­no, che si è con­gra­tu­la­to al tele­fo­no con il Coman­dan­te Gene­ra­le dell'Arma
dei Cara­bi­nie­ri, Tul­lio Del Set­te, per l'operazione coor­di­na­ta dal­la Pro­cu­ra Distret­tua­le Anti­ma­fia di Reg­gio Cala­bria. "I nostri Cara­bi­nie­ri han­no svol­to un otti­mo lavo­ro e, con impe­gno e pro­fes­sio­na­li­tà, han­no con­se­gui­to, anche que­sta vol­ta, un impor­tan­te risul­ta­to. Gra­zie al lavo­ro degli uomi­ni del­la Squa­dra-Sta­to, dun­que, i cit­ta­di­ni one­sti sono sem­pre più garan­ti­ti dal­la pre­sen­za del­le isti­tu­zio­ni sul ter­ri­to­rio e ne han­no l'esatta per­ce­zio­ne", con­clu­de Alfa­no.

"Un plau­so ai cara­bi­nie­ri di Reg­gio Cala­bria ed alla dire­zio­ne distret­tua­le anti­ma­fia reg­gi­na per la bril­lan­te ope­ra­zio­ne che ha infer­to un duro col­po alle cosche 'Petul­la'', 'Ladi­ni' e 'Fori­glio' di Cin­que­fron­di, che ave­va­no rami­fi­ca­zio­ni in tut­ta Ita­lia". Lo affer­ma Dori­na Bian­chi, com­po­nen­te del­la Com­mis­sio­ne par­la­men­ta­re anti­ma­fia com­men­tan­do l'operazione che ha por­ta­to al fer­mo di 36 per­so­ne". "La loca­le di Cin­que­fron­di – pro­se­gue Bian­chi – non solo face­va affa­ri d'oro con il traf­fi­co inter­na­zio­na­le di dro­ga, ma con­trol­la­va atti­vi­tà eco­no­mi­che, in par­ti­co­la­re nel set­to­re degli appal­ti boschi­vi, sof­fo­can­do l'intera eco­no­mia del ter­ri­to­rio. Pie­no soste­gno, dun­que, e gran­de fidu­cia nell'operato dei magi­stra­ti che svol­go­no il pro­prio impe­gno per la lot­ta alla ndran­ghe­ta che impe­di­sce il man­ca­to decol­lo e svi­lup­po del nostro tes­su­to socio eco­no­mi­co. Occor­re pro­se­gui­re con deter­mi­na­zio­ne in que­sta dire­zio­ne con­tra­stan­do, con ogni mez­zo, la pre­sen­za cri­mi­na­le"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*