Pedemontana, ok alle modifiche. Svincoli ridimensionati e con i soldi risparmiati si completerà la galleria

Simona Gerace Quotidiano del Sud CINQUEFRONDI – Dopo tante discussioni, incontri, confronti e Consigli comunali alla fine si è giunti a una soluzione per il completamento della strada Pedemontana: lo svincolo previsto a Cinquefrondi in contrada Grecà e Ventriconi e quelli previsti nel Comune di San Giorgio Morgeto nelle contrade San Donato e Santa Marina saranno ridimensionati. Con i risparmi ci si impegnerà a completare la galleria dell’uscita nord di Cinquefrondi. Questo quanto annunciato ieri dal vicesindaco, nonché assessore all’Urbanistica del Comune di Cinquefrondi, Giuseppe Longo, il quale, al termine di una riunione con il sindaco metropolitano, Giuseppe Falcomatà, il consigliere metropolitano Demetrio Marino, tecnici e progettisti, si è detto soddisfatto per essere riuscito a rappresentare degnamente le ragioni del proprio territorio. Secondo il resoconto di Longo, il progetto definitivo della Pedemontana nel tratto che collega San Giorgio Morgeto a Cinquefrondi, subirà una modifica in fase di progettazione esecutiva. Lo stesso ha infatti informato che: «Lo svincolo previsto a Cinquefrondi in contrada Grecà e Ventriconi che avrebbe da un lato distrutto migliaia di ettari di terreno agricolo e dall’altro provocato un pesante impatto ambientale sarà ridimensionato e sostituito da una rotatoria. La stessa cosa avverrà per gli snodi previsti nel Comune di San Giorgio Morgeto. I tecnici della città metropolitana e i progettisti – ha infine detto – si impegneranno a completare, con le economie e i risparmi, la galleria della uscita nord della Pedemontana prevista sempre a Cinquefrondi, eliminando l’uscita prevista in contrada Alterusi che riteniamo sbagliata, pericolosa e per nulla funzionale alla viabilità interna».

La questione relativa alla modifica degli svincoli della Pedemontana è stata nell’ultimo mese, oggetto di un vivace dibattito politico tra comuni limitrofi. Il primo ad intervenire in stregua difesa dello svincolo di contrada Grecà è stato il sindaco di Polistena, Michele Tripodi, che dopo aver chiuso ogni possibile discussione definendo intoccabile il raccordo della zona Grecà alla luce di quanto deciso ieri si è detto soddisfatto per il mantenimento dello stesso e ha annunciato uno studio di fattibilità per raccordare la Pedemontana alle strade secondarie già esistenti. Lo studio sarà effettuato dai tecnici del Comune di Polistena e verrà sottoposto al tavolo tecnico per deciderne l’eventuale realizzazione o meno. Tripodi, a tal proposito si è detto possibilista e allo stesso tempo ha espresso soddisfazione per la realizzazione delle rotatorie agli svincoli, in maniera tale da renderli adeguati agli standard di sicurezza prevista dalla normativa vigente. Disposto a ragionare su un ridimensionamento degli svincoli denti nel suo territorio si era invece dichiarato il civico consesso di San Giorgio Morgeto. Il Comune guidato dal sindaco, Salvatore Valerioti ha anche auspicato la continuazione della Pedemontana sulla strada sulla Jonio-Tirreno, tramite finanziamenti aggiuntivi, in modo che ogni comune possa utilizzare i risparmi derivati dal ridimensionamento dei raccordi in opere compensative.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*