Pozzallo, sequestrata nave Open Arms: “Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”

Fiorenza Sarzanini Corriere della Sera via Dagospia.com IL SEQUESTRO DELLA nave è scattato ieri sera, poche ore dopo lo sbarco di 218 migranti nel porto di Pozzallo. Il comandante della nave Open Arms della Ong spagnola Pro Activa Marc Reig Creus, e il capo della missione Ana Isabel Montes Mier sono accusati di non aver rispettato le disposizioni imposte dalla Guardia costiera italiana dopo aver soccorso in acque libiche un’ imbarcazione che trasportava gli stranieri ed aver rifiutato di consegnarli alle autorità di Tripoli. Per questo sono adesso indagati per associazione per delinquere finalizzata all’ immigrazione clandestina dalla Procura di Catania guidata da Carmelo Zuccaro. È la prima volta che accade dopo la firma del codice per le Ong al quale Open Arms aveva deciso di aderire. La vicenda, ricostruita nel provvedimento, comincia il 15 marzo quando la nave risponde a un Sos lanciato da un gommone carico di migranti che si trova in acque libiche «nonostante la Guardia costiera locale avesse assunto il comando delle operazioni».

Ottengono comunque il via libera al salvataggio ma poco dopo comunicano via radio: «Siamo stati attaccati dai libici». Per questo chiedono all’ Italia di poter attraccare in un porto siciliano. Il centro di coordinamento della Guardia costiera risponde che la responsabilità è dei libici ma la nave continua la traversata. Il giorno dopo arrivano in acque maltesi «e il medico di bordo comunica che è necessario sbarcare un bimbo di 3 mesi e sua madre». Le autorità de La Valletta concedono il via libera e «chiedono al capitano quali siano le sue intenzioni, ma lui riferisce di voler proseguire la navigazione» e chiede all’ Italia di poter sbarcare. Il centro di coordinamento di Roma spiega che – come prevede il codice – la richiesta va fatta al proprio Stato, cioè la Spagna, perché il soccorso è avvenuto fuori dal proprio territorio e comunque avvia una trattativa con Malta anche se viene specificato che nessuna richiesta di sbarco è stata presentata.

Open Arms continua a navigare e alla fine da Roma arriva il via libera a sbarcare a Pozzallo e la segnalazione alla magistratura, ieri sera scatta il sequestro. Secondo i magistrati «i responsabili della Ong hanno agito con l’ unico scopo di approdare in Italia benché ciò non fosse imposto dalla situazione in quanto avrebbero dovuto attenersi alle disposizioni. E invece non hanno seguito le indicazioni di andare a Malta, porto più vicino, nonostante avrebbe costituito un approdo comodo e sicuro per le vite dei migranti». Dura è la reazione del legale della Ong: «Hanno istituito il reato di solidarietà».

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*