Reggio Calabria, chiesti quasi 300 anni di carcere per la ndrangheta di San Ferdinando

Clau­dio Cor­do­va Ildispaccio.it REGGIO CALABRIA – Il sosti­tu­to pro­cu­ra­to­re del­la Dda di Reg­gio Cala­bria, Giu­lia Pan­ta­no, ha chie­sto qua­si 300 anni di reclu­sio­ne com­ples­si­vi per le cosche di San Fer­di­nan­do, alla sbar­ra nel pro­ce­di­men­to "Eclis­si". Nel miri­no del­la Dda reg­gi­na le cosche Pesce-Pan­ta­no e Bel­loc­co-Cima­to van­no sepol­te da qua­si 300 anni di car­ce­re. Il pm Pan­ta­no ha svol­to la pro­pria requi­si­to­ria al cospet­to del Gup di Reg­gio Cala­bria, Filip­po Ara­go­na. Il pro­ce­di­men­to, infat­ti, si cele­bra con rito abbre­via­to. Le pene richie­ste oscil­la­no dai 30 anni ai 3 anni e 4 mesi di deten­zio­ne. Le accu­se con­te­sta­te dal­la Dda sono a vario tito­lo quel­le di estor­sio­ne, dan­neg­gia­men­ti, pos­ses­so e uso di armi da guer­ra, traf­fi­co di stu­pe­fa­cen­ti, con­di­zio­na­men­to del­le Isti­tu­zio­ni, infil­tra­zio­ni di chia­ra matri­ce ndran­ghe­ti­sta nell'amministrazione comu­na­le di San Fer­di­nan­do fina­liz­za­te al con­trol­lo di auto­riz­za­zio­ni e appal­ti. La richie­sta di con­dan­na più dura è sta­ta invo­ca­ta per Gre­go­rio Mal­va­so, il pre­sun­to capo­cri­mi­ne di Fer­di­nan­do a sua vol­ta lega­to alle ndri­ne Bel­loc­co-Cima­to, che per la Dda va con­dan­na­to a 30 anni di car­ce­re.

san ferdinando mappaAmmon­ta inve­ce, a 24 anni di reclu­sio­ne la pena invo­ca­ta per Fer­di­nan­do Cima­to men­tre è di 20 anni quel­la richie­sta per Giu­sep­pe Pan­ta­no, clas­se 1962. La pri­ma tran­che dell'inchiesta ha visto coin­vol­ti, fra gli altri, il sin­da­co Dome­ni­co Madaf­fe­ri, il suo vice San­to Celi e il con­si­glie­re comu­na­le Gio­van­ni Pan­ta­no, iscrit­to al Movi­men­to 5 stel­le, anche se non elet­to con una lista cer­ti­fi­ca­ta, poi dimes­so­si dal Con­si­glio Comu­na­le Estor­sio­ni, dan­neg­gia­men­ti, pos­ses­so e uso di armi da guer­ra, traf­fi­co di stu­pe­fa­cen­ti, con­di­zio­na­men­to del­le Isti­tu­zio­ni, infil­tra­zio­ni di chia­ra matri­ce ndran­ghe­ti­sta nell'amministrazione comu­na­le di San Fer­di­nan­do fina­liz­za­te al con­trol­lo di auto­riz­za­zio­ni e appal­ti. Ci sono tut­te que­ste accu­se nell'indagine "Eclis­si", con­dot­ta dai Cara­bi­nie­ri e coor­di­na­ta dal pm anti­ma­fia Giu­lia Pan­ta­no. L'inchiesta poi si è arric­chi­ta del­le dichia­ra­zio­ni del pen­ti­to Pasqua­le Laba­te, gio­va­ne di Gio­ia Tau­ro che dopo esse­re sta­to coin­vol­to nell'operazione "Deja vu" per una serie di truf­fe ha deci­so di col­la­bo­ra­re con gli inqui­ren­ti, e quel­le del­la neo-testi­mo­ne di giu­sti­zia Anni­na Lo Bian­co e del figlio di soli undi­ci anni. Dal mag­gio scor­so infat­ti l'ex com­pa­gna di Gre­go­rio Mal­va­so – pre­sun­to capo­cri­mi­ne di San Fer­di­nan­do, galop­pi­no di Fer­di­nan­do Cima­to, a sua vol­ta pre­sun­to reg­gen­te del casa­to mafio­so del pic­co­lo pae­se del­la Pia­na di Gio­ia Tau­ro – ha deci­so di affi­dar­si alla leg­ge e i suoi ver­ba­li sono diven­ta­ti pre­zio­sis­si­mi per l'Antimafia, così come quel­li del figlio. 

Que­ste, nel det­ta­glio, le richie­ste del pm Pan­ta­no: Fer­di­nan­do Cima­to (1980), 24 anni Anto­nio Cima­to (1989), 14 anni Gre­go­rio Mal­va­so, 30 anni Giu­sep­pe Schic­chi­ta­no, 16 anni Giu­sep­pe Giof­frè, 16 anni Fede­ri­co Mora­no, 8 anni Giu­sep­pe Alba­no, 16 anni Nico­la Capri­no, 8 anni Pasqua­le Maz­zeo, 14 anni Fer­di­nan­do Naso, 12 anni Fer­di­nan­do Papar­rat­to, 6 anni e 8 mesi e 40 mila euro Pasqua­le Alba­no, 10 anni Bru­no Celi (1984), 12 anni Fran­ce­sco Di Bel­la, 9 anni e 4 mesi Mile­na Niko­lae­va Pro­da­no­va, 10 anni Geor­ge­va Vik­to­riya Tri­fo­no­va, 12 anni Sil­vio Alba­no, 9 anni e 4 mesi Danie­le Mara­fio­ti, 5 anni e 4 mesi (ma asso­lu­zio­ne per capo 1) Gia­co­mo Pir­rot­ti­na, 10 anni Giu­sep­pe Pan­ta­no (1962), 20 anni Jhon­ny Pan­ta­no (1991), 8 anni Fran­ce­sco Alba­no, 6 e 8 mila Fabio Rap­paz­zo , 6 anni e 8 mesi e 40 mila Andrea Aver­sa, 3 anni e 4 mesi