Riace, in programma una miniserie tv sul modello di accoglienza

Fran­ce­sco Sor­gio­van­ni Quotidianodelsud.it RIACE – Bep­pe Fio­rel­lo, il popo­la­re atto­re pro­ta­go­ni­sta dell’ultima fic­tion Rai, “I fan­ta­smi di Por­to­pa­lo”, con­ti­nua con le sto­rie vere, con­te­nen­ti scel­te eti­che e risvol­ti edu­ca­ti­vi. Dal nau­fra­gio al lar­go di Capo Pas­se­ro, in Sici­lia, pas­se­rà a rac­con­ta­re Ria­ce e il suo model­lo di acco­glien­za. L’attore per que­sto ha fat­to tap­pa nel “pae­se dell’accoglienza” del­la Cala­bria. Una gior­na­ta inten­sa per scan­da­glia­re dal vivo il “model­lo” pra­ti­ca­to per i migran­ti, per sta­re a con­tat­to con loro, con i volon­ta­ri e soprat­tut­to con il “regi­sta” Dome­ni­co Luca­no, sin­da­co di Ria­ce

Insie­me a Bep­pe Fio­rel­lo sono “sbar­ca­ti” a Ria­ce il regi­sta, lo sce­neg­gia­to­re, il respon­sa­bi­le di Film Com­mis­sion Cala­bria, il pro­dut­to­re. Una doz­zi­na di per­so­ne in tut­to, che per una inte­ra gior­na­ta han­no scru­ta­to ogni ango­lo del pae­se, rima­nen­do in con­tat­to con i migran­ti del­le diver­se etnie. Una con­fer­ma in posi­ti­vo per quan­ti già ave­va­no sen­ti­to par­la­re, ave­va­no let­to del­lo straor­di­na­rio “model­lo” pra­ti­ca­to da oltre un decen­nio nel pic­co­lo bor­go del­la pro­vin­cia di Reg­gio Cala­bria. L’attore è sta­to ospi­ta­to nel­la Taver­na Don­na Rosa, il cuo­re pul­san­te dell’accoglienza, dove ha potu­to assag­gia­re qual­che piat­to pre­pa­ra­to dai pro­fu­ghi secon­do gli usi dei pae­si di ognu­no, natu­ral­men­te insie­me ai pro­dot­ti del luo­go.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*