Scajola, verso un processo unico. Berlusconi e Gemayel nella lista dei testi

REGGIO CALABRIA – L'ex pre­mier Sil­vio Ber­lu­sco­ni e l'ex pre­si­den­te liba­ne­se Amin Gemayel figu­ra­no nel­la lista testi del­la dife­sa di Mar­ti­no Poli­ti e Chia­ra Riz­zo, accol­ta dal Tri­bu­na­le di Reg­gio Cala­bria, nel pro­ces­so per i pre­sun­ti aiu­ti alla lati­tan­za dell'ex depu­ta­to di For­za Ita­lia Ame­deo Mata­ce­na. Nell'udienza, la Riz­zo e Poli­ti han­no anche dato il loro assen­so alla riu­ni­fi­ca­zio­ne del dibat­ti­men­to con quel­lo in cui è impu­ta­to l'ex mini­stro Clau­dio Sca­jo­la che potreb­be esse­re deci­sa nel­la pros­si­ma udien­za del 25 mar­zo. Oltre a Ber­lu­sco­ni e Gemayel – cita­ti, rispet­ti­va­men­te, dal­la dife­sa del col­la­bo­ra­to­re di Mata­ce­na, Poli­ti, e del­la Riz­zo – sono sta­ti cita­ti anche Mar­cel­lo Dell'Utri e l'imprenditore catan­za­re­se resi­den­te a Bei­rut Vin­cen­zo Spe­zia­li col qua­le, secon­do l'accusa, avreb­be avu­to con­tat­ti Sca­jo­la per far tra­sfe­ri­re Mata­ce­na da Dubai in Liba­no.

L'ex pre­si­den­te liba­ne­se figu­ra già nel­la lista testi del­la dife­sa nel pro­ces­so in cor­so a Sca­jo­la. Com­ples­si­va­men­te sono cir­ca 200 i testi chia­ma­ti in aula dai difen­so­ri. Una quin­di­ci­na, inve­ce, quel­li del­la lista del pm del­la Dda di Reg­gio Cala­bria Giu­sep­pe Lom­bar­do. La Cor­te, infat­ti, ha ridot­to il nume­ro degli uffi­cia­li di pg chia­ma­ti a depor­re in quan­to, in pre­vi­sio­ne di una pro­ba­bi­le riu­ni­fi­ca­zio­ne, sono già sta­ti chia­ma­ti a testi­mo­nia­re nel pro­ces­so Sca­jo­la. La cor­te ha poi accol­to la richie­sta del pm di acqui­si­zio­ne di una serie di foto e video rea­liz­za­ti dal­la Dia nel cor­so del­le inda­gi­ni. Ha inve­ce riget­ta­to la richie­sta di acqui­si­zio­ne del­le rela­zio­ni di ser­vi­zio di accom­pa­gna­men­to a quel­le stes­se imma­gi­ni per­ché saran­no gli stes­si uffi­cia­li di pg, nel­le loro testi­mo­nian­ze, a spie­gar­ne il sen­so. Per quan­to riguar­da la riu­ni­fi­ca­zio­ne del pro­ces­so, il lega­le di Chia­ra Riz­zo, l'avv. Bona­ven­tu­ra Can­di­do, si è riser­va­to di valu­ta­re se chie­de­re il rin­no­vo del dibat­ti­men­to o dare per acqui­si­ta la depo­si­zio­ne dell'unico teste fino­ra sen­ti­to dai giu­di­ci del Tri­bu­na­le nel pro­ces­so a Sca­jo­la, il vice­que­sto­re del­la Poli­zia di Sta­to Leo­nar­do Papa­leo, già in ser­vi­zio alla Dia di Reg­gio Cala­bria che ha con­dot­to le inda­gi­ni.

Sil­vio Ber­lu­sco­ni è sta­to cita­to davan­ti al Tri­bu­na­le di Reg­gio Cala­bria per par­la­re dei "rap­por­ti esi­sten­ti tra Mata­ce­na e Sca­jo­la al tem­po in cui l'armatore non fu rican­di­da­to". Lo ha spie­ga­to l'avv. Cor­ra­do Poli­ti, lega­le di Mar­ti­no Poli­ti, col­la­bo­ra­to­re di Mata­ce­na, che ne ha chie­sto la depo­si­zio­ne nel pro­ces­so che vede il suo assi­sti­to impu­ta­to insie­me a Chia­ra Riz­zo. Il lega­le ha poi chie­sto la cita­zio­ne di Mar­cel­lo Dell'Utri per "capi­re cosa c'entra il teo­re­ma accu­sa­to­rio che vuo­le Mata­ce­na inten­zio­na­to a spo­star­si da Dubai in Liba­no con la per­ma­nen­za di Dell'Utri in quel Pae­se. Sic­co­me han­no par­la­to di una sor­ta di filo con­dut­to­re tra le due cose o comun­que di una cor­re­la­zio­ne, voglio chie­de­re diret­ta­men­te a Dell'Utri come stan­no le cose". Nel cor­so dell'udienza, il Tri­bu­na­le ha riget­ta­to tut­te le ecce­zio­ni pre­li­mi­na­ri pre­sen­ta­te dal­la dife­sa riguar­do la incom­pe­ten­za ter­ri­to­ria­le, la nul­li­tà del decre­to di giu­di­zio imme­dia­to e sul prin­ci­pio di spe­cia­li­tà.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*