Tempi incerti per l’espulsione del giornalista Del Grande dalla Turchia

ISTANBUL – Slitta ancora il rimpatrio dalla Turchia del documentarista e giornalista italiano Gabriele Del Grande, fermato lunedi durante un controllo di polizia al confine con la Siria. Il reporter resta in stato di fermo in una “guest house” nella provincia sudorientale di Hatay, come confermato all’Ansa da fonti diplomatiche, sempre in stretto contatto con le autorità locali. I tempi per la sua espulsione dal Paese restano incerti e sarebbero legati al completamento delle relative procedure giudiziarie. Le sue condizioni, si precisa, non destano al momento preoccupazione.

Le ragioni ufficiali del fermo restano ignote. Secondo le prime informazioni, Del Grande non avrebbe avuto le necessarie autorizzazioni per svolgere attività giornalistica in Turchia, come richiesto dalle autorità locali. I controlli nei confronti dei reporter, anche stranieri, si sono ulteriormente irrigiditi con l’introduzione dello stato d’emergenza, decretato dopo il fallito golpe della scorsa estate. La zona dove è stato fermato Del Grande è inoltre considerata particolarmente sensibile. Il reporter 35enne, che si occupa da tempo di fenomeni migratori, era giunto in Turchia qualche giorno prima del fermo per realizzare alcune interviste.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*