Trasversale delle Serre, i dati dell’incompiuta. Cantieri fermi, piloni arrugginiti, ruspe e manufatti in disuso

Teresa Aloi Quotidiano della Calabria MAI COME IN questo caso, la complessità della situazione emerge chiaramente dai numeri. E, inutile dirlo, sono numeri importanti. La situazione relativa ai cantieri della Trasversale delle Serre, concepita alla metà degli anni ‘90 come uno strategico asse di sviluppo per la Calabria Media (il tracciato ipotizzato all’origine doveva collegare i due poli estremi di Soverato e Tropea, attraversando tutto l’entroterra delle Preserre e delle Serre) porta in sè numerose criticità irrisolte. Le ultime “buone notizie” incassate risalgono ormai a giugno del 2016, quando venne tagliato il nastro inaugurale del nuovo tratto tra lo svincolo di Gagliato e quello di Argusto, di soli 2,8 chilometri. Un obiettivo raggiunto, seppure dopo anni, e comunque, importante, dagli attivisti del Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” presieduto da Francesco Pungitore dopo mesi e mesi di proteste popolari. Quei 2,8 chilometri erano pronti già da alcuni anni, ma ciò nonostante l’apertura al traffico continuava a slittare di mese in mese. Oggi, però, dopo quasi due anni da quella “storica” conquista, seguita dopo pochi giorni dall’inaugurazione del viadotto Sant’Antonio a Chiaravalle, il nulla sul resto del tracciato.

Resta completamente abbandonata la cosiddetta bretella di Campo Petrizzi, tecnicamente individuata dall’Anas come il tronco V lotto 3 Bis della Trasversale delle Serre. Esiste una gara in corso per il riappalto dell’opera pari a circa 12,1 milioni di euro ma ormai da troppo tempo il territorio del Soveratese attende un esito positivo della vicenda, guardando inerme mentre, nel frattempo, a quei piloni arrugginiti, a quelle ruspe e manufatti in disuso che campeggiano da anni tra rovi ed erbacce, creando seri disagi alla popolazione residente ed ai numerosi pendolari che transitano sulla vicina provinciale, devastata dai cantieri. Molto più complicato appare il rispetto del cronoprogramma annunciato dall’Anas per l’appaltabilità, tra il 2019 e il 2020, del lungo ratto che dovrebbe collegare Gagliato, attuale capolinea della superstrada, alla statale jonica 106 (Satriano e Soverato). Un tronco suddiviso in tre lotti: il tronco V lotto 4 stralcio 1, e cioè quello più a monte, pari a 79 milioni di euro, di cui è finanziata solo la progettazione; il tronco centrale (V lotto 4 stralcio 2), pari a 53,9 milioni di euro, che è l’unico finanziato; il tronco V lotto 5, ovvero quello più a valle, pari a 64,6 milioni di euro, totalmente non finanziato. Quest’ultimo tratto risulta totalmente non finanziato. E dire che corre già l’anno 2018. facile immaginare l’impossibilità di programmarne l’appaltabilità al 2019/2020 considerati i tempi tecnici di reperimento delle risorse necessarie (Governo, Cipe, Regione).

L’idea di una strada che collegasse la sponda tirrenica a quella jonica, attraversando le Serre calabresi risale al 1966, con il primo appalto datato 1983. Fiumi di carte, convegni e parole hanno impegnato interi decenni fino all’apertura dei primi cantieri, negli anni ‘80. Da quel momento in poi è iniziata l’epopea della superstrada, tra ditte fallite, operai senza stipendio, cantieri aperti e chiusi, lavori infiniti. Successive rimodulazioni hanno notevolmente ridotto il tragitto. Non si arriverà più a Tropea ma solo all’imbocco dell’autostrada A2 (svincolo di Vazzano, ancora oggi chiuso al traffico). In totale, lungo l’intero tracciato, tra il Vibonese e la provincia di Catanzaro, sono stati spesi oltre 500 milioni di euro. Ma nonostante questa pioggia incessante di soldi, lo scenario è tuttora desolante. La Trasversale delle Serre, con le sue lungaggini e il suo destino di eterna incompiuta, è finita anche al centro di una durissima relazione dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) presieduta da Raffaele Cantone. «L’appalto ha scritto l’Anticorruzione è stato caratterizzato da molteplici lacune di natura progettuale, di esecuzione e di gestione, ciascuna delle quali di per se non decisiva ma nell’insieme tali da determinare un abnorme incremento delle opere e la notevole protrazione del tempo contrattuale».

Secondo l’Anac sono stati dunque «disattesi i principi di buona amministrazione di cui all’articolo 2, comma 2, del decreto legislativo 163/2006 (già dell’articolo 2, legge 109/1994)». In conclusione, quindi, si è «evidenziata una gestione disfunzionale dell’appalto che ha generato una notevole incremento del costo finale delle opere, non ancora definito». L’Autorità presieduta da Cantone ha disposto a suo tempo l’invio del provvedimento alla procura della Repubblica e alla Procura della Corte dei Conti. Sarà per questo, anche per questo, che il Comitato “Trasversale delle Serre” da chiesto non solo l’accelerazione del cronoprogramma ma anche il commissariamento del compartimento regionale Anas della Calabria, «ritenendo fondamentale fare chiarezza sulle responsabilità che hanno determinato questo scandalo nazionale».

I costi

T.a. Quotidiano del Sud MANIFESTAZIONI, proteste, incontri e mobilitazioni che hanno chiamato a raccolta cittadini e sindaci. L’attività del Comitato “Trasversale delle Serre” presieduto da Francesco Pungitore non ha lesinato negli anni il suo impegno a difesa della superstrada. Perché non è solo una questione di solidi spesi ma soprattutto la mortificazione di un territorio famelico di sviluppo. Nel territorio del Soveratese, tra Gagliato e la costa jonica, c’è un un totale complessivo di opere da realizzare pari a 209,6 milioni di euro per arrivare al completamento definitivo del- l’importante porzione di Trasversale delle Serre. Escludendo la gara in corso per Campo Petrizzi, il tronco V lotto 4 “Gagliato-Satriano”, compresa la bretella per Satriano, ha uno sviluppo di circa sei chilometri ed un importo complessivo pari a circa 133 milioni di euro. Il Tronco V lotto 5 “Satriano-Soverato”, per uno sviluppo di circa 3,4 chilometri, ha un importo complessivo pari a circa 64,6 milioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*