Un 58enne di Mongrassano l’autore della foto choc con la “decapitazione” della Boldrini

Gianfranco Corsi e Laura Boldrini

Carlo Macrì Corriere della Sera MONGRASSANO – «Chiedo scusa pubblicamente alla signora Boldrini. Mi pento di quello che ho pubblicato. Non succederà mai più in seguito». Gianfranco Corsi 58 anni, ex barbiere di Mongrassano, è un uomo bizzarro. La sua vita è stata un calvario. Dieci anni fa un tumore gli ha indebolito il fisico e ha dovuto chiudere la sua bottega di barbiere. Vive in una frazione di Mongrassano, un piccolo comune arbereshe (l’enclave albanese), a 30 chilometri da Cosenza. Sua moglie e la figlia hanno seri problemi di salute. Vivono con la pensione di invalido che percepisce Gianfranco. «Io non sono un estremista né un razzista. Politicamente sono vicino ai 5 Stelle» dice quando lo incontriamo all’unico bar del paese, gestito dalla famiglia Sangermano. Sa di averla fatta grossa. Lunedì mattina è andato dall’avvocato, a Cosenza, per capire quello che gli succederà dopo la denuncia per minaccia aggravata contestatagli dalla procura per aver pubblicato sulla sua pagina Facebook un fotomontaggio che ritraeva la testa insanguinata del presidente della Camera Laura Boldrini. «L’avvocato non mi ha soddisfatto con le sue tesi difensive e gli ho ritirato la delega» spiega Corsi. «Adesso credo mi affideranno uno d’ufficio. Io non me lo posso permettere un avvocato bravo». Accetta di parlare con il cronista, perché vuole che si sappia che si è pentito veramente. «Maledetta quella frase!» esclama con un gesto di stizza.

«Se non avessi scritto a margine della foto: “Sgozzata da un nigeriano”, non sarebbe accaduto nulla». E ricorda: «Qualche mese fa ho postato una foto della signora Boldrini e allora non accadde nulla». Poi racconta com’è nata l’idea di postare quel fotomontaggio. «Venerdì scorso ero a casa e stavo navigando su Facebook con il telefonino. Non ho un computer. Ho scoperto su Google la foto della presidente della Camera con la testa insanguinata. Ho fatto un copia e incolla e ci ho messo una didascalia. Ero incazzato nero per come vanno le cose in Italia. Tutti questi immigrati…». D’un tratto si blocca, scuote la testa e compone un numero sul suo cellulare. «Devo chiamare mio fratello Roberto perché devo dirgli che sono in compagnia di un giornalista. Non fatemi nessuna foto. Perché vi denuncio» minaccia. Dall’altro capo si sente urlare. È Roberto che lo ammonisce a non rilasciare nessuna dichiarazione perché i giornalisti sono «tutti uguali e lo rovinano». La conversazione con il fratello maggiore, piccolo imprenditore noto per le sue battaglie fiscali che incitavano alla ribellione sociale e a non pagare le tasse, si conclude con il perentorio blocco del dialogo con il cronista. Gianfranco Corsi, addirittura, chiede che gli venga consegnato il taccuino, «altrimenti chiamo i carabinieri».

Dopo qualche piccola scaramuccia verbale, il racconto riprende con la promessa di non scattare nessuna foto. «Qualche ora dopo aver postato quel fotomontaggio “le Sentinelle di Milano” mi hanno scritto che mi avrebbero denunciato. Sono rimasto perplesso, perché non riuscivo a capire la gravità di quello che avevo commesso. Il mattino dopo, mi sono visto arrivare la polizia a casa. Mi sono spaventato. Ho pensato a mia moglie e a mia figlia. E adesso cosa mi accadrà?». A Mongrassano tutti conoscono Gianfranco. E tutti lo difendono. «È una brava persona, ogni tanto va su di giri perché vorrebbe che tutto funzionasse meglio». È proprio un uomo bizzarro Gianfranco Corsi. Prima di congedarsi chiede il numero di telefono e addirittura annota la targa dell’auto del cronista.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*