Un viaggio nella Calabria sconosciuta alla scoperta dei suoi tesori nascosti

Roberto Aiello

Brunetto Apicella Ilquotidianoweb.it BOTRICELLO – Scoprire gli angoli più nascosti della Calabria. Compiere un viaggio lungo più mesi per curiosare, attraversare e descrivere i “tesori nascosti” della Regione. E subito dopo raccontare tutto ciò che si è scoperto all’interno di un’apposita guidata turistica. È questo l’obiettivo di Roberto Aiello, trentenne originario di Botricello, comune in provincia di Catanzaro. È stato lui nei mesi scorsi ad armarsi di coraggio e iniziare la sua avventura. Un’avventura che non è conclusa ma che riprenderà già dalla prossima primavera.

Tanti i luoghi visitati da Aiello. In particolare ha attraversato molti comuni del cosentino come Tortora, Mormano, Cetraro, Diamante, San Lucido, Belvedere Sant’Agata d’Esaro. «In tanti anni di lavoro e viaggi all’estero in molti mi hanno chiesto da dove vieni? Prima di rispondere – racconta Roberto Aiello – so già la reazione del mio interlocutore. Dico Calabria ma l’altra persona mi guarda confusa. E penso la mia Patria è sconosciuta. Inizialmente ho sempre pensato che fosse normale. Da poco, invece, ho iniziato a chiedermi perché la Calabria è ancora sconosciuta tra i viaggiatori. E io stesso da calabrese conosco pochissimo la regione in cui sono nato. Sarà quindi l’occasione giusta anche per recuperare». Queste le premesse che hanno spinto Roberto Aiello ad intraprendere la sua avventura.

«Durante il mio viaggio – aggiunge raccontano la sua prima parte di avventura – mi sono posto dei quesiti: l’ospitalità calabrese esiste ancora? E la Calabria è veramente un posto unico da scoprire?». I fatti hanno poi dimostrato che «l’ospitalità calabrese è stata e farà sempre parte del nostro modo di essere e la Calabria è un posto unico da scoprire e visitare». Per questo non smette di sottolineare come «i calabresi che ho incontrato si sono dimostrati tutti attenti, disponibili, pronti a darmi la massima fiducia. È stata una vera e propria catena umana. Mi auguro – conclude Roberto Aiello – che non finisca qua, ho bisogno del vostro aiuto per poter scoprire tutte le nostre unicità. Contattatemi all’indirizzo mail robaie1981@gmail.com o al numero 3889729444 e non mancherò di farvi visita».

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*