Un'altra donna rompe il muro di omertà nella Piana di Gioia Tauro

Ildispaccio.it REGGIO CALABRIA – Dopo Giu­sep­pi­na Pesce, Maria Con­cet­ta Cac­cio­la e Giu­sep­pi­na Mul­ta­ri, un'altra don­na infran­ge il muro di omer­tà che sof­fo­ca Rosar­no e i ter­ri­to­ri del­la Pia­na di Gio­ia Tau­ro, inghiot­ti­ti dal­lo stra­po­te­re del­le cosche di ndran­ghe­ta. Si chia­ma Anni­na Lo Bian­co, 34en­ne ma già madre di tre figli. Lega­ta sen­ti­men­tal­men­te a Gre­go­rio Mal­va­so, con­si­de­ra­to uomo for­te del­la ndran­ghe­ta di San Fer­di­nan­do. Da alcu­ni mesi, la Lo Bian­co avreb­be ini­zia­to a col­la­bo­ra­re con il sosti­tu­to pro­cu­ra­to­re del­la Dda di Reg­gio Cala­bria, Giu­lia Pan­ta­no. A rac­con­ta­re la sto­ria di Anni­na Lo Bian­co è sta­to, negli ulti­mi gior­ni, il quo­ti­dia­no "Il Garan­ti­sta". Una scel­ta deva­stan­te, quel­la del­la Lo Bian­co, per­ché matu­ra in un con­te­sto di ndran­ghe­ta. Anco­ra una vol­ta da par­te di una don­na: "Mi tro­vo qui per i miei figli, non voglio che cre­sca­no secon­do idea­li e valo­ri sba­glia­ti come quel­li che sono sta­ti fino­ra impar­ti­ti loro dal padre. Ero a cono­scen­za del fat­to che mio figlio maneg­gias­se armi, ma non pote­vo impor­mi con il mio com­pa­gno per­ché glie­lo impe­dis­se, per­ché non so che fine avrei fat­to. Il mio com­pa­gno è un tipo peri­co­lo­so per sé e per gli altri". 

Il com­pa­gno del­la don­na, Gre­go­rio Mal­va­so, è fini­to in manet­te nell'operazione "Eclis­si", ese­gui­ta dal­la Dda reg­gi­na con­tro i clan Bel­loc­co, Cima­to, Pesce e Pan­ta­no. E dal rac­con­to del­la don­na emer­ge, anco­ra una vol­ta, uno spac­ca­to inquie­tan­te sul­le anghe­rie subi­te dal­le don­ne in quei ter­ri­to­ri. I suoi guai ini­zia­no nel 2004 quan­do fu arre­sta­ta per pos­ses­so di armi e dro­ga: "Sono sta­ta con­dan­na­ta e fini­ta ai domi­ci­lia­ri per­ché ero incin­ta, nono­stan­te que­sto ho deci­so di attri­buir­mi la respon­sa­bi­li­tà del fat­to per amo­re di mio mari­to, armi e dro­ga era­no sue in real­tà. A casa fu rin­ve­nu­ta una pisto­la, erba e dro­ga in pol­ve­re. Al momen­to del­la per­qui­si­zio­ne, pen­sai di pre­le­va­re le cose ille­ci­te che custo­di­va­mo in casa per disfar­me­ne e mi misi addos­so muni­zio­ni e dro­ga nel reg­gi­se­no". Fat­ti, vio­len­ze e sopru­si ricor­ren­ti nei rac­con­ti del­le don­ne di ndran­ghe­ta del­la Pia­na di Gio­ia Tau­ro. Fra­si simi­li a quel­le già mes­se nero su bian­co da Giu­sy Pesce, Cet­ta Cac­cio­la e Giu­sy Mul­ta­ri: "Mi ha alza­to le mani solo due vol­te – dice Lo Bian­co alla Dda – una solo per­ché io gli face­vo fare ciò che vole­va. Accet­ta­vo tut­to in silen­zio. Nel­le due cir­co­stan­ze gli rin­fac­cia­vo ecces­si­va con­fi­den­za che ave­va con Viki e Mile­na, insi­nuan­do che potes­se ave­re una rela­zio­ne extra­co­niu­ga­le, di cui ho avu­to cer­tez­za con l'operazione Eclis­si. Una vol­ta mi ha mes­so le mani addos­so a mò di sof­fo­ca­men­to e un'altra vol­ta lo stes­so gesto è sta­to com­piu­to sul­le sca­le di casa davan­ti a sua mam­ma e ai miei figli mino­ri. (…) Io non ave­vo dirit­ti sui miei figli. Mi met­te­va con­tro i bam­bi­ni dicen­do­mi che ero paz­za solo per­ché non vole­vo che i bim­bi fre­quen­tas­se­ro le per­so­ne adul­te e delin­quen­ti che fre­quen­ta­va lui. Ho chie­sto un col­lo­quio con il magi­stra­to per­ché non voglio­no che i miei figli cre­sca­no da ndran­ghe­ti­sti, spac­cia­to­ri o sap­pia­no uti­liz­za­re le armi". 

Vio­len­ze fisi­che e psi­co­lo­gi­che. Anche per via del­le umi­li ori­gi­ni del­la fami­glia del­la gio­va­ne don­na: "In effet­ti i miei non han­no potu­to soste­ne­re le spe­se di matri­mo­nio e Gre­go­rio mi ripe­te­va: "allo­ra la sod­di­sfa­zio­ne di far­ti vede­re con l'abito bian­co da tuo padre non te la do". "Non voglio che i miei figli cre­sca­no in que­sti ambien­ti di ndran­ghe­ta" dice Anni­na Lo Bian­co. Rac­con­ta det­ta­gli dram­ma­ti­ci del­la pro­pria esi­sten­za, ma anche fat­ti di ndran­ghe­ta puri. Per que­sto ver­rà ascol­ta­ta nel pro­ces­so con­tro Auro­ra Spa­nò, rite­nu­ta un ele­men­to di ver­ti­ce del­la ndran­ghe­ta di San Fer­di­nan­do. Per qua­si 15 anni ha respi­ra­to aria di ndran­ghe­ta: "Mio mari­to è inse­ri­to in cir­cui­ti di cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, era ed è affi­lia­to ai Bel­loc­co. Quan­do rima­si incin­ta del mio pri­mo figlio, pre­se una brut­ta stra­da fre­quen­tan­do assi­dua­men­te Umber­to, Anto­nio e Dome­ni­co Bel­loc­co, figli di Auro­ra Spa­nò e Giu­lio Bel­loc­co, men­tre in pas­sa­to le fre­quen­ta­zio­ni era­no un po' più rade". Par­la quin­di del con­trol­lo oppres­si­vo del­la ndran­ghe­ta sul ter­ri­to­rio di San Fer­di­nan­do: "La fami­glia Bel­loc­co è sta­ta la rovi­na di San Fer­di­nan­do. Io stes­sa ho fre­quen­ta­to casa Bel­loc­co, quan­do Mal­va­so ini­ziò a fre­quen­tar­li assi­dua­men­te". Ed è per que­sto che la gio­va­ne dice con fer­mez­za che " a San Fer­di­nan­do qua­lun­que fat­to delit­tuo­so era ricon­du­ci­bi­le ai Bel­loc­co e agli affi­lia­ti. La fami­glia Bel­loc­co è una fami­glia mafio­sa e fa pau­ra. Se si sba­glia qual­co­sa con loro pos­so­no acca­de­re fat­ti brut­ti. Per moti­vi bana­li, se non si fa ciò che dico­no, ci sono ritor­sio­ni. Ho assi­sti­to a com­men­ti di fat­ti delit­tuo­si (…) Tut­ta la gen­te teme la fami­glia Bel­loc­co, per­ché anche per una paro­la sba­glia­ta que­sta gen­te uti­liz­za armi". 

Dina­mi­che inter­ne al clan, rea­ti, ma anche – stan­do a quan­to si appren­de – par­ti­co­la­ri sui pre­sun­ti lega­mi tra la ndran­ghe­te e le isti­tu­zio­ni loca­li: "Ricor­do che quan­do vi fu un atten­ta­to a San Fer­di­nan­do cir­ca 14 anni fa ai dan­ni di un nego­zio spor­ti­vo, l'unico che face­va ango­lo nel­la vil­la, sen­tii che era sta­to uno dei fra­tel­li Bel­loc­co con Gre­go­rio Mal­va­so. In un'altra cir­co­stan­za era­va­mo a casa del­la Spa­nò con mio mari­to, i figli del­la signo­ra Dome­ni­co, Umber­to, Car­me­lo e Anto­nio, il mari­to di Ange­la Bel­loc­co, attual­men­te divor­zia­ta, sen­tii che par­la­va­no di maz­zet­te da chie­de­re in pae­se". Anni­na Lo Bian­co fa nomi e cogno­mi. A gui­da­re il grup­po degli stroz­zi­ni ci sareb­be la sto­ri­ca com­pa­gna del boss Giu­lio Bel­loc­co. "La "capa" che tene­va il con­to del­le estor­sio­ni era la signo­ra Spa­nò che indi­riz­za­va i figli a chie­de­re tan­gen­ti a com­mer­cian­ti e pro­prie­ta­ri ter­rie­ri. So che lei pre­sta­va anche sol­di ad usu­ra e quan­do la gen­te non riu­sci­va a resti­tuir­li, arri­va­va a impos­ses­sar­si anche del­le loro case. Lo sen­ti­vo in casa, par­lan­do con mia suo­ce­ra".