Verona, l’imprenditore “legato ai clan” e l’assessore di Tosi: “Gli ho trovato i voti”

Lucio Muso­li­no Ilfattoquotidiano.it REGGIO CALABRIA – “Ho mes­so in mez­zo anche il sin­da­co”. A par­la­re è Mar­co Ardui­ni, il den­ti­sta che face­va da media­to­re tra l’amministrazione comu­na­le di Vero­na e gli impren­di­to­ri cala­bre­si rite­nu­ti dagli inqui­ren­ti lega­ti alla ndran­ghe­ta. Il sin­da­co è il leghi­sta Fla­vio Tosi il cui nome è fini­to nell’informativa del Nucleo inve­sti­ga­ti­vo dei cara­bi­nie­ri di Cro­to­ne che, nel gen­na­io 2012, deci­se di pedi­na­re il segre­ta­rio vene­to del Car­roc­cio in occa­sio­ne di una sua tra­sfer­ta in Cala­bria. Ci sono deci­ne di inter­cet­ta­zio­ni nell’informativa dei cara­bi­nie­ri sui rap­por­ti tra il suo asses­so­re comu­na­le di Vero­na Mar­co Gior­lo e gli impren­di­to­ri Giar­di­no, da anni resi­den­ti in Vene­to ma ori­gi­na­ri di Iso­la Capo Riz­zu­to dove sono con­si­de­ra­ti con­ti­gui alle cosche. 

Una brut­ta sto­ria di appal­ti pilo­ta­ti, voti e, soprat­tut­to, tan­ti sol­di pub­bli­ci su cui la fami­glia cala­bre­se vole­va met­te­re le mani. Vicen­de su cui la Dire­zio­ne distret­tua­le anti­ma­fia di Catan­za­ro vuo­le fare chia­rez­za. Tele­fo­na­te e incon­tri dai qua­li emer­ge l’appoggio elet­to­ra­le dei cala­bre­si all’assessore Gior­lo, ma anche il fat­to che Fla­vio Tosi sareb­be sta­to debi­ta­men­te infor­ma­to del­le pre­te­se dei Giar­di­no che non pun­ta­va­no solo alla gestio­ne di un cen­tro spor­ti­vo e alla “sosti­tu­zio­ne di tut­te le illu­mi­na­zio­ni a Vero­na”. Vole­va­no diven­ta­re pro­prie­ta­ri pure di un asi­lo comu­na­le. E per far­lo si era­no rivol­ti a Mar­co Ardui­ni, il den­ti­sta che (dagli ele­men­ti in mano agli inqui­ren­ti) sem­bra ave­re avu­to l’hobby del media­to­re tra i poli­ti­ci che han­no biso­gno di voti per esse­re elet­ti e gli impren­di­to­ri affa­ma­ti di appal­ti.

“Se era pos­si­bi­le – dice Alfon­so Giar­di­no al ‘den­ti­sta’ ami­co dell’assessore Gior­lo – sull’asilo ave­vo pen­sa­to una cosa… di inve­sti­men­to in pra­ti­ca, se si pote­va col­la­bo­ra­re ma come pro­prie­ta­rio però… per­ché so che que­sti asi­li… Par­te­ci­pa­re pro­prio come, com­prar­lo hai capi­to, cioé l’asilo”. Un’idea che pia­ce ad Ardui­ni il qua­le non esi­ta a rispon­de­re posi­ti­va­men­te ai desi­de­ra­ta dell’imprenditore cala­bre­se: “Si, ma si può. Sono aper­to a tut­to io. Allo­ra, io ades­so ho mes­so in mez­zo anche il sin­da­co, tra­mi­te… e poi a loro gli fa solo pia­ce­re… anche io gliel’ho det­to ‘guar­da che una par­te sia­mo dispo­sti ad assor­bir­lo”. Giar­di­no ha pau­ra di non esse­re pre­so sul serio: “Ma sì, io non sto scher­zan­do, ma guar­da che è un affa­ro­ne, un asi­lo è un affa­ro­ne”. “Eh be, – repli­ca il ‘den­ti­sta’ – ades­so, va bene ma doma­ni ne par­lia­mo con Mar­co (l’assessore Gior­lo, ndr)”. Poco pri­ma era sta­to Fran­co Giar­di­no a infor­ma­re il cugi­no Alfon­so che, per l”affarone’ dell’asilo, il loro ami­co al Comu­ne ave­va inte­res­sa­to il pri­mo cit­ta­di­no di Vero­na: “Lo sta­va acchiap­pan­do anche per il fat­to dell’asilo… che si dove­va­no incon­tra­re anche con Tosi”. 

L’uomo chia­ve den­tro il Palaz­zo Comu­ne è l’assessore allo Sport Mar­co Gior­lo. La tra­scri­zio­ne del­le inter­cet­ta­zio­ni tele­fo­ni­che e ambien­ta­li anco­ra ha mol­ti “omis­sis” e que­sto lascia pen­sa­re che i cara­bi­nie­ri han­no in mano mol­to di più del­le infor­ma­ti­ve depo­si­ta­te dal­la Dda di Catan­za­ro nel tron­co­ne cala­bre­se dell’inchiesta “Aemi­lia”. Tut­ta­via è già emer­so che gli impren­di­to­ri di Cro­to­ne han­no soste­nu­to l’assessore Gior­lo nel­la cam­pa­gna elet­to­ra­le per le comu­na­li con la pro­mes­sa di acca­par­rar­si alcu­ni appal­ti di Vero­na. Ne par­la­no i due impren­di­to­ri il 4 luglio 2012 quan­do Alfon­so Giar­di­no dice al cugi­no Vin­cen­zo: “Quel­lo che mi ha salu­ta­to era lui, era l’assessore, hai capi­to? Il Signo­re mi è testi­mo­ne è lui, ho man­gia­to con lui vedi. Se ne sta andan­do ora, hai capi­to che mi ha dato pure Enzì (Vin­cen­zo, ndr), che mi ha dato pure un cen­tro spor­ti­vo nel­le mani Enzì, hai capi­to?… Sono anda­to e l’ho visto. Mi ha det­to ‘se vuoi a fine mese chiu­di il con­trat­to ed è tuo’. Non ti sto par­lan­do di bana­ne Enzì, ti sto par­lan­do di fat­ti, que­sto qua però noi lo abbia­no aiu­ta­to Enzì che Fron­zo (si trat­ta di Alfon­so lui stes­so, ndr) l’ha aiu­ta­to dav­ve­ro a que­sto cri­stia­no, l’ho aiu­ta­to dav­ve­ro e te lo pos­so giu­ra­re dove, se si tro­va alla pol­tro­na si tro­va per me que­sto che gli ho tro­va­to non so quan­ti voti. Quan­ti glie­ne ho tira­ti fuo­ri non hai nem­me­no idea tu, mi sono mas­sa­cra­to gior­ni e gior­ni però ora vedi gra­zie a Dio è rico­no­scen­te, mi ha det­to: ‘Io per i Giar­di­no fac­cio tut­to, per i Giar­di­no per­ché a me mi han­no aiu­ta­to’. Mi ha det­to lui sic­co­me è respon­sa­bi­le di tut­ti i cen­tri spor­ti­vi di Vero­na, di tut­ti, sono i suoi, sot­to le sue mani… È una per­so­na seria”. 

Le set­ti­ma­ne pas­sa­no e del­le tan­te pro­mes­se, a fine luglio 2012 solo il cen­tro spor­ti­vo sem­bra pos­sa fini­re in mano agli impren­di­to­ri di Iso­la Capo Riz­zu­to, che ini­zia­no ad ave­re qual­che dub­bio sull’assessore, per il qua­le tan­to si sareb­be­ro spe­si duran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le per il Comu­ne di Vero­na. “Doma­ni glie­lo dico – è la fra­se inter­cet­ta­ta dai cara­bi­nie­ri sul tele­fo­no di Alfon­so Giar­di­no – Mar­co (Gior­lo, ndr) per i fon­del­li noi non ci fac­cia­mo pren­de­re da nes­su­no… Noi non sia­mo Mar­co il ‘den­ti­sta’. Per­ché lui ha dato una paro­la e quel­la paro­la la deve por­ta­re a ter­mi­ne, non si deve tira­re indie­tro. E che fac­cia­mo qua. È anda­to sopra il tro­no e si dimen­ti­ca di quel­li che lo han­no man­da­to sul­la pol­tro­na”.

E sem­pre nel­la stes­sa inter­cet­ta­zio­ne, espres­sa­men­te l’imprenditore fa capi­re che die­tro di lui c’è la “fami­glia” che aspet­ta rispo­ste dal Comu­ne di Tosi: “Sia­mo dispe­ra­ti, non sap­pia­mo cosa dob­bia­mo com­bi­na­re, e noi abbia­mo tut­ti que­sti zii che quan­do li vedo mi devo nascon­de­re. Ci deve tira­re fuo­ri il lavo­ro. Che vuoi fare: giar­di­nag­gio, puli­zia… tira fuo­ri il lavo­ro, hai capi­to? Cen­tro spor­ti­vo e come si deve, che ci met­tia­mo tut­ti la den­tro a lavo­ra­re, però noi abbia­mo cri­stia­ni sul­le spal­le a cui abbia­mo dato una paro­la ed io per te ho fat­to la figu­ra del pagliac­cio, chia­ro, chia­ro…”. Intan­to Jaco­po Ber­ti, il can­di­da­to del Movi­men­to 5 Stel­le a gover­na­to­re del Vene­to, dopo la pub­bli­ca­zio­ne del­le inter­cet­ta­zio­ni chie­de al pri­mo cit­ta­di­no di fare un pas­so indie­tro: “Tosi si deve dimet­te­re, but­tia­mo fuo­ri la mafia dal Vene­to e chi ce l’ha fat­ta entra­re. Dal­le car­te dell’ichiesta ‘Aemi­lia’, sul­la mafia al nord, emer­ge un qua­dro disgu­sto­so del qua­le il segre­ta­rio regio­na­le del­la Lega Nord Tosi è il pro­ta­go­ni­sta”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*