Veronica Padoan ricorre al Tar contro il foglio di via obbligatorio da San Ferdinando

Veronica Padoan

CATANZARO – Veronica Padoan, figlia del ministro dell’Economia e delle finanze Piercarlo Padoan, destinataria di un foglio di via obbligatorio per tre anni dal territorio di San Ferdinando emesso dal questore di Reggio Calabria Raffaele Grassi, ha presentato un ricorso alla sezione reggina del Tar per chiedere l’annullamento del provvedimento. Lo scrive la Gazzetta del Sud.

Il foglio di via obbligatorio nei confronti di Veronica Padoan, tra i leader dell’organizzazione “Campagne in lotta” da tempo attiva contro il caporalato nel sud, è stato adottato la scorsa estate dal questore Grassi a seguito di un’istruttoria condotta dal personale del Commissariato di Gioia Tauro in occasione del trasferimento dei migranti dalla tendopoli di San Ferdinando in quella nuova allestita dalla Prefettura di Reggio Calabria. In particolare i volontari dell’organizzazione, impegnati da tempo nella zona della Piana, avrebbero “ostacolato l’attuazione della legge spingendo alcuni migranti ad opporsi al loro trasferimento nella nuova tendopoli”.

Veronica Padoan, riporta il giornale, ha proposto ricorso contro il provvedimento assieme ad due altri attivisti destinatari del foglio di via. L’udienza in camera di consiglio d’urgenza davanti alla sezione del Tar reggino si terrà il prossimo 20 dicembre.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*