Voto di scambio, nuovo arresto per l'ex consigliere regionale Santi Zappalà

ROMA – Dal­le pri­me ore di que­sta mat­ti­na i cara­bi­nie­ri del Ros e i finan­zie­ri del Gico stan­no ese­guen­do a Reg­gio Cala­bria un'ordinanza di custo­dia cau­te­la­re, emes­sa su richie­sta del­la Pro­cu­ra distret­tua­le anti­ma­fia reg­gi­na, nei con­fron­ti di cin­que inda­ga­ti in con­cor­so per scam­bio elet­to­ra­le poli­ti­co mafio­so. Al cen­tro del­le inda­gi­ni gli accor­di ille­ci­ti inter­cor­si tra la cosca ndran­ghe­ti­sti­ca dei Pel­le di San Luca (Reg­gio Cala­bria) e l'ex con­si­glie­re regio­na­le San­ti Zap­pa­la', per otte­ne­re il soste­gno elet­to­ra­le in occa­sio­ne del­le con­sul­ta­zio­ni regio­na­li del 2010. Nel cor­so dell'operazione, deno­mi­na­ta Rea­le 6, è sta­to docu­men­ta­to il ver­sa­men­to di ingen­ti som­me di dena­ro in cam­bio dei voti garan­ti­ti dal soda­li­zio mafio­so. C'è anche l'ex con­si­glie­re regio­na­le San­ti Zap­pa­là tra le cin­que per­so­ne arre­sta­te sta­mat­ti­na dai cara­bi­nie­ri del Ros e dai finan­zie­ri del Gico con l'accusa di scam­bio elet­to­ra­le poli­ti­co-mafio­so nell'ambito dell'operazione "Rea­le 6". Zap­pa­là era già sta­to arre­sta­to nel dicem­bre del 2010, quan­do era con­si­glie­re regio­na­le in cari­ca, con l'accusa di cor­ru­zio­ne elet­to­ra­le mafio­sa, rea­to per il qua­le è sta­to con­dan­na­to in via defi­ni­ti­va a due anni e otto mesi di reclu­sio­ne. Zap­pa­là, sor­ve­glia­to spe­cia­le ma attual­men­te in sta­to di liber­tà anche dopo la con­dan­na defi­ni­ti­va per i fat­ti del 2010, dopo l'arresto di sta­mat­ti­na è sta­to nuo­va­men­te con­dot­to in car­ce­re. Dall'indagine con­dot­ta dai cara­bi­nie­ri del Ros e dal­la Guar­dia di finan­za, con il coor­di­na­men­to del­la Dda di Reg­gio Cala­bria, è emer­so che Zap­pa­là, per otte­ne­re nel 2010 l'elezione nel Con­si­glio regio­na­le del­la Cala­bria, avreb­be mes­so a dispo­si­zio­ne dei Pel­le e di altre cosche del­la ndran­ghe­ta, com­ples­si­va­men­te, 400 mila euro. Cen­to­mi­la euro sareb­be­ro sta­ti la quo­ta par­te dei Pel­le, gra­zie ad un accor­do diret­to col capo del grup­po cri­mi­na­le, Giu­sep­pe Pel­le, det­to "Gam­baz­za", men­tre altri tre­cen­to­mi­la sareb­be­ro ser­vi­ti per otte­ne­re il soste­gno elet­to­ra­le di altre cosche di ndran­ghe­ta. L'indagine mira ades­so ad accer­ta­re la desti­na­zio­ne fina­le dei tre­cen­to­mi­la euro che sareb­be­ro sta­ti sbor­sa­ti da Zap­pa­là. Le altre quat­tro per­so­ne arre­sta­te sta­mat­ti­na insie­me a San­ti Zap­pa­là sono espo­nen­ti del­la cosca Pel­le.

zappala arrestoIldispaccio.it REGGIO CALABRIA – Alle pri­me ore del mat­ti­no, i Cara­bi­nie­ri del R.O.S. e i Finan­zie­ri del Nucleo PT – G.I.C.O. del­la Guar­dia di Finan­za di Reg­gio Cala­bria, uni­ta­men­te ai mili­ta­ri dei Coman­di Pro­vin­cia­li dei Cara­bi­nie­ri e del­la Guar­dia di Finan­za, han­no ese­gui­to una ordi­nan­za di custo­dia cau­te­la­re in car­ce­re e agli arre­sti domi­ci­lia­ri emes­sa dal Giu­di­ce per le inda­gi­ni pre­li­mi­na­ri del Tri­bu­na­le di Reg­gio Cala­bria su richie­sta del­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca – Dire­zio­ne Distret­tua­le Anti­ma­fia, nei con­fron­ti di cin­que per­so­ne, inda­ga­te, in con­cor­so tra loro, del rea­to di scam­bio elet­to­ra­le poli­ti­co-mafio­so (artt. 110 e 416 ter cod. pen.). I sog­get­ti coin­vol­ti sono l'ex Con­si­glie­re regio­na­le San­ti Zap­pa­là, Mesia­ni Maz­za­cu­va Giu­sep­pe Anto­nio, Pel­le Giu­sep­pe, Pel­le Seba­stia­no, e Pel­le Anto­nio. Il prov­ve­di­men­to sca­tu­ri­sce da spe­ci­fi­ci appro­fon­di­men­ti inve­sti­ga­ti­vi ese­gui­ti nell'ambito del­la nota inda­gi­ne "Rea­le". In par­ti­co­la­re, le inve­sti­ga­zio­ni han­no per­mes­so di accer­ta­re che l'ex poli­ti­co San­ti Zap­pa­là in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni per il rin­no­vo del Con­si­glio Regio­na­le del­la Cala­bria del 28 e 29 mar­zo 2010 alle qua­li era can­di­da­to nel­la lista PdL – con l'intermediazione di Mesia­ni Maz­za­cu­va – ave­va pro­mes­so e suc­ces­si­va­men­te con­se­gna­to a espo­nen­ti del­la cosca di ndran­ghe­ta dei Pel­le ramo Gam­baz­za di San Luca (RC) una con­si­de­re­vo­le som­ma di dena­ro (con­si­sti­ta in 10 asse­gni di 10mi­la euro cd. emes­si in for­ma libe­ra dal poli­ti­co a favo­re di Mesia­ni Maz­za­cu­va e del­la moglie di que­sti) per otte­ne­re a pro­prio van­tag­gio un pac­chet­to di voti che Pel­le Giu­sep­pe era in gra­do di pro­cu­ra­re nell'area di influen­za cri­mi­na­le del soda­li­zio mafio­so. Zap­pa­là veni­va elet­to con oltre 11.000 pre­fe­ren­ze andan­do così ad occu­pa­re in pri­ma bat­tu­ta un posto da Con­si­glie­re alla Regio­ne Cala­bria e, suc­ces­si­va­men­te, anche quel­lo di Pre­si­den­te del­la IV Com­mis­sio­ne Affa­ri dell'Unione Euro­pea e Rela­zio­ni con l'Estero. Con l'odierno prov­ve­di­men­to è sta­ta appli­ca­ta a Pel­le Giu­sep­pe, a Pel­le Anto­nio cl. 1986 (entram­bi già dete­nu­ti), a Mesia­ni Maz­za­cu­va Giu­sep­pe Anto­nio e a Zap­pa­là San­ti (attual­men­te sot­to­po­sto alla misu­ra di pre­ven­zio­ne del­la sor­ve­glian­za spe­cia­le di PS) la custo­dia cau­te­la­re in car­ce­re, men­tre a Pel­le Seba­stia­no quel­la degli arre­sti domi­ci­lia­ri. Tut­ti i sog­get­ti desti­na­ta­ri del­la misu­ra sono sta­ti già tut­ti col­pi­ti, sem­pre nell'ambito del­lo svi­lup­po dell'indagine "Rea­le", da prov­ve­di­men­ti restrit­ti­vi emes­si dall'A.G. di Reg­gio Cala­bria. In par­ti­co­la­re: Pel­le Giu­sep­pe, Pel­le Seba­stia­no E Pel­le Anto­nio Cl. 1986 sono sta­ti rag­giun­ti da fer­mo di indi­zia­to di delit­to il 21 apri­le 2010 nell'ambito dell'indagine deno­mi­na­ta "Rea­le 1": i pri­mi due per i delit­ti di par­te­ci­pa­zio­ne all'associazione mafio­sa deno­mi­na­ta cosca Pel­le ramo Gam­baz­za e tra­sfe­ri­men­to frau­do­len­to di valo­ri e, il ter­zo, per il solo tra­sfe­ri­men­to frau­do­len­to di valo­ri, tut­ti aggra­va­ti dal­le fina­li­tà mafio­se; Mesia­ni Maz­za­cu­va Giu­sep­pe Anto­nio, Zap­pa­là San­ti E Pel­le Giu­sep­pe sono sta­ti attin­ti il 21 dicem­bre 2010 da ordi­nan­za di custo­dia cau­te­la­re in car­ce­re nell'ambito dell'indagine deno­mi­na­ta "Rea­le 3" – che ave­va a ogget­to le con­dot­te cor­rut­ti­ve rea­liz­za­te da can­di­da­ti e par­te­ci­pi dell'associazione mafio­sa in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni regio­na­li cala­bre­si del 2010 – tutt'e tre per il delit­to di cor­ru­zio­ne elet­to­ra­le aggra­va­ta dal­le fina­li­tà mafio­se, men­tre veni­va­no anche con­te­sta­ti a Mesia­ni Maz­za­cu­va il delit­to di asso­cia­zio­ne mafio­sa e al poli­ti­co Zap­pa­là quel­lo di con­cor­so ester­no ad asso­cia­zio­ne mafio­sa, impu­ta­zio­ne quest'ultima, in segui­to annul­la­ta in sede di Rie­sa­me. I filo­ni di inda­gi­ne deno­mi­na­ti "Rea­le 1" e "Rea­le 3" – che veni­va­no riu­ni­ti e trat­ta­ti con­giun­ta­men­te sot­to il pro­fi­lo pro­ces­sua­le – han­no per­cor­so tut­ti i gra­di giu­di­zio nei qua­li è sta­to con­fer­ma­to l'impianto accu­sa­to­rio. In rela­zio­ne a tale aspet­to va tut­ta­via pre­ci­sa­to che, nel giu­di­zio di legit­ti­mi­tà, la Supre­ma Cor­te di Cas­sa­zio­ne, con pro­nun­cia del 26 giu­gno 2014, ha par­zial­men­te annul­la­to la sen­ten­za di secon­do gra­do, con rin­vio alla Cor­te di Appel­lo di Reg­gio Cala­bria in rela­zio­ne alla pro­va dell'esistenza del­la cosca Pel­le Gam­baz­za e con­se­guen­te­men­te cir­ca l'applicazione a talu­ne con­te­sta­zio­ni dell'aggravante dell'art. 7 L. 203/1991 ad alcu­ni impu­ta­ti, tra i qua­li Zap­pa­là. Ai fini del­la com­ple­ta rico­stru­zio­ne di tut­ta la vicen­da rela­ti­va all'illecito accor­do elet­to­ra­le tra Zap­pa­là ed espo­nen­ti del­la cosca Pel­le occor­re sot­to­li­nea­re che essa, come anti­ci­pa­to, è stret­ta­men­te col­le­ga­ta a quan­to già emer­so dall'indagine "Rea­le 3" nel­la qua­le era­no sta­te cri­stal­liz­za­te le con­dot­te cor­rut­ti­ve rea­liz­za­te in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni regio­na­li cala­bre­si del 2010. Per tale ragio­ne occor­re ripor­ta­re bre­ve­men­te le emer­gen­ze di tale inda­gi­ne la qua­le ha con­sen­ti­to di accer­ta­re che, cam­pa­gna elet­to­ra­le duran­te: Zap­pa­là San­ti si era rivol­to ai più impor­tan­ti soda­li­zi mafio­si dei tre Man­da­men­ti in cui è cri­mi­nal­men­te sud­di­vi­sa la Pro­vin­cia di Reg­gio Cala­bria al fine di garan­tir­si il loro soste­gno elet­to­ra­le. In par­ti­co­la­re, con tal fine, sono sta­ti docu­men­ta­ti con­tat­ti con le cosche Com­mis­so Di Sider­no, Bar­ba­ro Mano Arma­ta E Bar­ba­ro Casta­nu Entram­be Di Pla­tì (Rc), Pel­le Gam­baz­za Di San Luca (Rc), Cac­cio­la E Bel­loc­co Di Rosar­no (Rc), Gre­co Di Calan­na (Rc) E Con Espo­nen­ti Api­ca­li Del­la Loca­le Di ndran­ghe­ta Di Nati­le Di Care­ri (Rc); nel cor­so di un incon­tro del 27 feb­bra­io 2010 pres­so l'abitazione di PELLE Giu­sep­pe, veni­va stret­to tra quest'ultimo, Zap­pa­là San­ti, E Mesia­ni Maz­za­cu­va Giu­sep­pe Anto­nio – che rico­pri­va il ruo­lo di inter­fac­cia poli­ti­co per con­to del­la cosca PELLE – un pre­ci­so pat­to cor­rut­ti­vo in rela­zio­ne al qua­le il can­di­da­to, per otte­ne­re a pro­prio van­tag­gio un (pri­mo) con­si­sten­te pac­chet­to di voti nel­la dispo­ni­bi­li­tà di Pel­le Giu­sep­pe, pro­met­te­va al boss varie uti­li­tà e, in par­ti­co­la­re, una cor­sia pre­fe­ren­zia­le a favo­re del­le impre­se di rife­ri­men­to del­la cosca nel set­to­re dei lavo­ri pub­bli­ci e il tra­sfe­ri­men­to in isti­tu­ti peni­ten­zia­ri cala­bre­si di PELLE Sal­va­to­re cl. 1957, altro ele­men­to di ver­ti­ce del­la con­sor­te­ria di San Luca (RC), al tem­po dete­nu­to pres­so la casa cir­con­da­ria­le di Roma Rebib­bia . I rap­por­ti tra la cosca Pel­le Gam­baz­za e il poli­ti­co­ve­ni­va­no svi­lup­pa­ti in una serie di inter­cet­ta­zio­ni di con­ver­sa­zio­ni tra pre­sen­ti regi­stra­te, come già evi­den­zia­to, nell'abitazione di Giu­sep­pe Pel­le nel 2010. Zap­pa­là era per­ples­so del­la con­si­sten­za del­le ade­sio­ni in suo favo­re nel­la zona di Bian­co (RC) e in altre aree del Man­da­men­to Joni­co, dove effet­ti­va­men­te le loca­li cosche sta­va­no cana­liz­zan­do i voti a loro dispo­si­zio­ne a favo­re di altri can­di­da­ti, e si era nuo­va­men­te rivol­to, su spun­to di Mesia­ni Maz­za­cu­va, a espo­nen­ti del­la cosca Pel­le, i qua­li si sono subi­to resi dispo­ni­bi­li a offri­re al poli­ti­co un ulte­rio­re pac­chet­to di voti – da rac­co­glie­re sem­pre tra San Luca e Bova­li­no, aree di loro influen­za cri­mi­na­le – per un con­tro­va­lo­re di 100­mi­la euro. Sol­di poi con­se­gna­ti agli stes­si tra­mi­te gli asse­gni. Ma un impor­tan­te pas­sag­gio per la rico­stru­zio­ne del­la vicen­da affe­ren­te lo scam­bio elet­to­ra­le poli­ti­co-mafio­so è costi­tui­to dal con­te­nu­to dell'interrogatorio di garan­zia reso da Mesia­ni Maz­za­cu­va Giu­sep­pe del 22 dicem­bre 2010 all'indomani dell'arresto in ese­cu­zio­ne del­la misu­ra cau­te­la­re rela­ti­va all'operazione "Rea­le 3", nel­la qua­le era inda­ga­to per il delit­to di par­te­ci­pa­zio­ne ad asso­cia­zio­ne mafio­sa e cor­ru­zio­ne elet­to­ra­le, rea­to quest'ultimo com­mes­so in con­cor­so con il poli­ti­co bagna­re­se, con rife­ri­men­to all'accordo cor­rut­ti­vo elet­to­ra­le del 27 feb­bra­io 2010. Nel cor­so del­la depo­si­zio­ne lo stes­so – mani­fe­stan­do l'intenzione di pre­ci­sa­re gli estre­mi del­le inter­cet­ta­zio­ni che lo ave­va­no riguar­da­to, quin­di anche quel­le del 12 mar­zo 2010 che con­te­ne­va­no ele­men­ti uti­li alla con­fi­gu­ra­zio­ne del­le con­dot­te cor­rut­ti­ve – dichia­ra­va, sen­za che alcu­na con­te­sta­zio­ne gli fos­se mos­sa sul pun­to dall'AG, che la cifra di 100­mi­la euro che com­pa­ri­va nei dia­lo­ghi era da ricon­dur­re a un pre­sti­to inter­cor­so tra lui e San­ti Zap­pa­là. In real­tà, le inter­cet­ta­zio­ni sopra sin­te­tiz­za­te han­no dato con­to di un qua­dro mol­to diver­so: la som­ma richia­ma­ta nel­le regi­stra­zio­ni e che Mesia­ni solo nel cor­so dell'interrogatorio di garan­zia quan­do era già in sta­to di custo­dia cau­te­la­re attri­bui­va a un con­trat­to di pre­sti­to, veni­va inve­ce da egli stes­so chia­ra­men­te indi­ca­ta come stru­men­ta­le al per­se­gui­men­to di fina­li­tà poli­ti­che del can­di­da­to Zap­pa­là, neces­sa­rie per supe­ra­re la debo­lez­za elet­to­ra­le di quest'ultimo in alcu­ne zone del­la Locri­de. E' Sta­ta così rin­trac­cia­ta copia di una scrit­tu­ra pri­va­ta aven­te ad ogget­to la con­ces­sio­ne di un pre­sti­to di dena­ro – pari a € 100­mi­la con­se­gna­ti con 10 asse­gni cir­co­la­ri emes­si in for­ma libe­ra – recan­te la data del 25 mar­zo 2010, tra le par­ti ed ero­ga­to per far fron­te a del­le dif­fi­col­tà eco­no­mi­che nascen­ti da un man­ca­to incas­so sor­to nell'ambito dell'attività impren­di­to­ria­le di Mesia­ni. Tale scrit­tu­ra pri­va­ta è risul­ta­ta esse­re ideo­lo­gi­ca­men­te fal­sa in ordi­ne alle fina­li­tà del­la tran­sa­zio­ne: non un pre­sti­to, ma il paga­men­to di un pac­chet­to di voti. In sostan­za il poli­ti­co e Mesia­ni Maz­za­cu­va ave­va­no pre­co­sti­tui­to unazappalaa leci­ta giu­sti­fi­ca­zio­ne al pas­sag­gio di dena­ro. Si è potu­to accer­ta­re che i cita­ti asse­gni cir­co­la­ri era­no sta­ti nego­zia­ti in data 26 mar­zo 2010, da Erran­te Anna – Moglie di Mesia­ni Giu­sep­pe – median­te ver­sa­men­to effet­tua­to sul c/c inte­sta­to a "Il Pun­to edi­le S.r.l." di Bova Mari­na (RC), di cui era ammi­ni­stra­to­re pro­prio la don­na, con­ta­bi­liz­zan­do­le in fit­ti­zie voci di bilan­cio in modo da non ren­der­ne iden­ti­fi­ca­bi­le l'illecita pro­ve­nien­za. Par­ti­co­la­re impor­tan­za han­no assun­to le inter­cet­ta­zio­ni ese­gui­te nell'ambito dell'indagine "Ingan­no", svi­lup­pa­ta dal­la Dire­zio­ne Distret­tua­le Anti­ma­fia di Reg­gio Cala­bria­con i Cara­bi­nie­ri del Grup­po di Locri, all'indirizzo, tra gli altri, di Gior­gi Seba­stia­no, all'epoca dei fat­ti Sin­da­co del Comu­ne di San Luca, il qua­le, il 4 dicem­bre 2013, è sta­to trat­to in arre­sto in ese­cu­zio­ne di misu­ra cau­te­la­re emes­sa dal GIP del Tri­bu­na­le di Reg­gio Cala­bria su richie­sta di que­sto Uffi­cio di Pro­cu­ra, poi­ché inda­ga­to per il delit­to di cui all'art. 416 bis c.p. (Opz. "INGANNO"). Dal­le inda­gi­ni era can­di­da­men­te emer­so che Gior­gi – da poco con­dan­na­to in pri­mo gra­do per con­cor­so ester­no in asso­cia­zio­ne mafio­sa – era il refe­ren­te politico/amministrativo dell'articolazione del­la ndran­ghe­ta ope­ran­te in San Luca e ave­va costan­ti con­tat­ti con espo­nen­ti di spic­co di impor­tan­ti casa­ti mafio­si del pic­co­lo cen­tro aspro­mon­ta­no. Egli quin­di, in vir­tù dei rap­por­ti intrat­te­nu­ti con ambien­ti ndra­ghe­ti­sti­ci e del suo inse­ri­men­to nel con­te­sto poli­ti­co loca­le, dispo­ne­va di un patri­mo­nio cono­sci­ti­vo tale da con­sen­tir­gli di com­pren­de­re bene le dina­mi­che inter­ne all'organizzazione mafio­sa e di esse­re costan­te­men­te infor­ma­to dei rap­por­ti fra la ndran­ghe­ta di San Luca e la poli­ti­ca. Infat­ti, da alcu­ne inter­cet­ta­zio­ni è emer­so che l'ex Sin­da­co di San Luca era al cor­ren­te che Zap­pa­là ave­va otte­nu­to un risul­ta­to defi­ni­to "sor­pren­den­te" in quan­to ave­va paga­to sog­get­ti appar­te­nen­ti alla ndran­ghe­ta per otte­ner­ne il soste­gno elet­to­ra­le, e che lo stes­so nave­va ero­ga­to alla ndran­ghe­ta di San Luca una som­ma di 400­mi­la euro in cam­bio di un pac­chet­to di voti di cui evi­den­te­men­te la som­ma di € 100­mi­la rap­pre­sen­ta­va la quo­ta spet­tan­te alla cosca Pel­le Gam­baz­za. Tale assun­to tro­va peral­tro riscon­tro pro­prio nel dato di natu­ra tem­po­ra­le sopra evi­den­zia­to: gli asse­gni median­te i qua­li il poli­ti­co ero­gò la som­ma di 100­mi­la euro ai Pel­le Gam­baz­za entra­ro­no nel­la dispo­ni­bi­li­tà di Mesia­ni pro­prio in data 26 mar­zo 2010. Da ulti­mo, altra par­te dell'approfondimento inve­sti­ga­ti­vo ha mira­to alla veri­fi­ca del­le moda­li­tà con le qua­li Zap­pa­là venu­to nel­la dispo­ni­bi­li­tà di una così ingen­te som­ma di dena­ro. A tal fine sono sta­ti ese­gui­ti arti­co­la­ti accer­ta­men­ti patri­mo­nia­li all'indirizzo del poli­ti­co, dei suoi fami­lia­ri e del­la FISIOKINESITERAPIA BAGNARESE Srl, socie­tà di capi­ta­li que­sta di cui era ammi­ni­stra­to­re uni­co la moglie del­lo stes­so. È emer­so che la cita­ta socie­tà – all'interno del­la qua­le il poli­ti­co rive­sti­va un ruo­lo di domi­nus occul­to – intrat­te­ne­va rile­van­ti rap­por­ti com­mer­cia­li con nume­ro­se altre socie­tà alcu­ne del­le qua­li risul­ta­te esse­re c.dd. socie­tà car­tie­ra, le qua­li ave­va­no emes­so, per un lun­go perio­do, pro­prio a favo­re del­la FISIOKINESITERAPIA BAGNARESE Srl, fat­tu­re per ope­ra­zio­ni ine­si­sten­ti per un valo­re di vari milio­ni di euro. L'effetto eco­no­mi­co fina­le di tali ope­ra­zio­ni – da con­si­de­rar­si un arti­fi­zio di natu­ra con­ta­bi­le fun­zio­na­le all'evasione del­le impo­ste sui red­di­ti – è sta­to quel­lo di dre­na­re dena­ro (anche con­tan­te), crean­do un "fon­do nero", dal qua­le attin­ge­re per poter affron­ta­re esi­gen­ze lega­te alle affer­ma­zio­ni elet­to­ra­li del poli­ti­co bagna­re­se. Tali ille­ci­te dispo­ni­bi­li­tà liqui­de così crea­te, sono sta­te allo­ca­te fuo­ri dal bilan­cio del­la FISIOKINESI TERAPIA BAGNARESE Srl per entra­re nel­la mate­ria­le dispo­ni­bi­li­tà del­lo ZAPPALÀ attra­ver­so ulte­rio­ri arti­fi­zi con­ta­bi­li e con la com­pli­ci­tà e la con­su­len­za di appo­si­ti pro­fes­sio­ni­sti.


zappalaClau­dio Cor­do­va Ildispaccio.it REGGIO CALABRIA – Si sareb­be rivol­to a mez­za ndran­ghe­ta. Pur di esse­re elet­to nel 2010 alla cari­ca di con­si­glie­re regio­na­le, San­ti Zap­pa­là avreb­be coin­vol­to alcu­ne tra le fami­glie sto­ri­che del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta reg­gi­na. Lo spac­ca­to che emer­ge dall'indagine "Rea­le 6", con­dot­ta da Ros dei Cara­bi­nie­ri e Guar­dia di Finan­za, con il coor­di­na­men­to dei pm anti­ma­fia Nico­la Grat­te­ri, Anto­nio De Ber­nar­do e Gio­van­ni Musa­rò lascia spa­zio a pochi dub­bi cir­ca i rap­por­ti intes­su­ti dall'ex sin­da­co di Bagna­ra Cala­bra. Zap­pa­là si sareb­be rivol­to solo ai Pel­le di San Luca, ma ave­va richie­sto un appog­gio nel­la cam­pa­gna elet­to­ra­le anche ad altre sto­ri­che cosche di ndran­ghe­ta, del man­da­men­to joni­co (Bar­ba­ro di Pla­tì, Com­mis­so di Sider­no), di Reg­gio cen­tro (Gre­co di Calan­na), e tir­re­ni­co (Gal­li­co di Pal­mi e Bel­loc­co-Cac­cio­la di Rosar­no) Il fat­to che San­ti Zap­pa­là si fos­se rivol­to ai Bar­ba­ro emer­ge­reb­be chia­ra­men­te dal­le risul­tan­ze già com­pen­dia­te nel­la sen­ten­za pro­nun­cia­ta dal G.u.p. pres­so il Tri­bu­na­le di Reg­gio Cala­bria nel giu­gno 2011. Sareb­be sta­to il boss Pep­pe Pel­le dei "Gam­baz­za", a cono­scen­za dei voti che pote­va gesti­re Fran­ce­sco Bar­ba­ro, ad age­vo­la­re l'incontro fra quest'ultimo ed il can­di­da­to San­ti Zap­pa­là. Dal rife­ri­men­to fat­to da Zap­pa­là nel cor­so del­la con­ver­sa­zio­ne ad un cer­to Luca, non meglio iden­ti­fi­ca­to, il qua­le gli ave­va "por­ta­to" Fran­ce­sco Bar­ba­ro, pro­prio per­ché quest'ultimo era in gra­do di por­tar­gli un note­vo­le nume­ro di voti: ("Luca me lo ha por­ta­to, mi ha det­to no riu­ni­sce tut­te le fami­glie, cin­que­cen­to, sei­cen­to voti… ee… non so! Ve l'ho rac­con­ta­to, mi sem­bra, no?") con­fer­ma­to da Pel­le ("Si, si, si!") si desu­me che Pel­le e Zap­pa­là si fos­se­ro già incon­tra­ti per discu­te­re del­la can­di­da­tu­ra di quest'ultimo alle ele­zio­ni per il rin­no­vo del Con­si­glio Regio­na­le. Già nel­la moti­va­zio­ne del­la sen­ten­za si face­va rife­ri­men­to al fat­to che San­ti Zap­pa­là "si era rivol­to ai Com­mis­so, casa­to sto­ri­co del­la ndran­ghe­ta di Sider­no sen­za ave­re neces­si­tà di ave­re pre­sen­ta­zio­ni da par­te di Pel­le e Mesia­ni. Tale cir­co­stan­za emer­ge­reb­be da una con­ver­sa­zio­ne tra Mesia­ni Maz­za­cu­va e Pel­le "Gam­baz­za": in par­ti­co­la­re Mesia­ni Maz­za­cu­va rife­ri­va a "Gam­baz­za" che San­ti Zap­pa­là ave­va stret­to accor­di anche con la fami­glia mafio­sa Com­mis­so di Sider­no (RC): "Allo­ra loro sono riu­sci­ti a lavo­ra­re ad … entra­re con i Com­mis­so, no? Ed io non sape­vo nien­te di que­sto fat­to …". E Zap­pa­là sareb­be sta­to con­sa­pe­vo­le di rivol­ger­si a fami­glie mafio­se, i cui com­po­nen­ti ave­va­no pre­ce­den­ti spe­ci­fi­ci per rea­ti di mafia con con­se­guen­te per­di­ta del dirit­to di elet­to­ra­to. Zap­pa­là avreb­be pre­ci­sa­to che chie­de­va appog­gio nel­la qua­li­tà non di can­di­da­to, ma di impren­di­to­re, cioé di sog­get­to dispo­sto ad acqui­sta­re un "pac­chet­to di voti" e che, per tale ragio­ne, ave­va neces­si­tà di cono­sce­re con pre­ci­sio­ne il nume­ro di voti che avreb­be con­se­gui­to: " … loro non è che pre­ten­de­va­no … "sap­pia­mo che sia­mo … il can­di­da­to è estra­neo rispet­to ad una cosa, quin­di non andia­mo a pre­ten­de­re … e … però voglia­mo un dato ora in que­sta situa­zio­ne, ok? Tut­ti gli altri discor­si che dob­bia­mo fare" – dice – "Io non ven­go più nel­la qua­li­tà di can­di­da­to di coso, ma di impren­di­to­re. Se devo veni­re io, anda­te voi, se ven­go­no loro, qua non ci sono pro­ble­mi". Un rap­por­to di gene­re do ut des per l'acquisto di un pac­chet­to di voti pari a 70–80 da par­te di Zap­pa­là con la fami­glia mafio­sa dei Com­mis­so. Non solo fami­glie del­la fascia ioni­ca. L'indagine avreb­be con­sen­ti­to di dimo­stra­re che in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni regio­na­li del 2010 la can­di­da­tu­ra di San­ti Zap­pa­là fu soste­nu­ta anche dal­la cosca Gal­li­co, sto­ri­co soda­li­zio di ndran­ghe­ta ope­ran­te in Pal­mi. Tale cir­co­stan­za é emer­sa nel cor­so dell'interrogatorio di Fran­ce­sco Car­do­ne, avvo­ca­to del foro di Pal­mi, rite­nu­to uno dei con­si­glio­ri del­la con­sor­te­ria pal­me­se e che attual­men­te é impu­ta­to per il mede­si­mo rea­to davan­ti al Tri­bu­na­le di Pal­mi. In sin­te­si, il CARDONE rife­ri­va: che nel­la Pri­ma­ve­ra dell'anno 2010 Roc­co Gal­li­co e Tere­sa Gal­li­co si era­no reca­ti pres­so il suo stu­dio lega­le per una que­stio­ne di natu­ra pro­fes­sio­na­le; é oppor­tu­no pre­ci­sa­re che all'epoca dei fat­ti i due Gal­li­co rico­pri­va­no il ruo­lo di "reg­gen­ti" dell'omonima cosca, che ver­so la fine dell'incontro, Roc­co Gal­li­co chie­se a Car­do­ne di appog­gia­re la can­di­da­tu­ra di Zap­pa­là e si dichia­rò dispo­ni­bi­le a pro­cu­rar­gli un appun­ta­men­to con il poli­ti­co: "Gal­li­co Roc­co mi dis­se che se ero inte­res­sa­to a cono­sce­re a ZAPPALÀ pote­va­no insom­ma con­tat­tar­lo e far­lo veni­re in stu­dio". Cir­co­stan­ze che Car­do­ne con­fer­me­rà poi nel pro­ce­di­men­to d'Appello con­tro Zap­pa­là. Dal­le dichia­ra­zio­ni dell'Avvocato Car­do­ne, quin­di, emer­ge la con­fer­ma del fat­to che in occa­sio­ni del­le ele­zio­ni regio­na­li dell'anno 2010 la ndran­ghe­ta appog­giò la cam­pa­gna elet­to­ra­le di San­ti Zap­pa­là; non é pri­vo di signi­fi­ca­to il fat­to che Roc­co Gal­li­co si era mostra­to cer­to di por­ta­re il can­di­da­to al cospet­to dell'Avvocato Car­do­ne, cir­co­stan­za che con­fer­ma la par­ti­co­la­re spre­giu­di­ca­tez­za del­lo ZAPPALA', il qua­le anche in tale occa­sio­ne ave­va evi­den­te­men­te avu­to un con­tat­to diret­to con il boss di tur­no. Da qui la note­vo­le fidu­cia di Zap­pa­là nel­le con­ver­sa­zio­ni inter­cet­ta­te a casa Pel­le: "Poi abbia­mo Vil­la che sia­mo for­tis­si­mi, Pal­mi che sia­mo for­tis­si­mi"). Ma di San­ti Zap­pa­là par­la­va anche la testi­mo­ne di giu­sti­zia Maria Con­cet­ta Cac­cio­la, che appar­te­ne­va ad una fami­glia mafio­sa da sem­pre vici­na alla cosca Bel­loc­co. La gio­va­ne testi­mo­ne di giu­sti­zia mori­rà nell'estate 2011 per inge­stio­ne di aci­do muria­ti­co e diver­se sen­ten­ze cer­ti­fi­che­ran­no tan­to la sua atten­di­bi­li­tà, quan­to i ten­ta­ti­vi del­la fami­glia di met­ter­la a tace­re: "Ricor­do che la mia fami­glia ne appog­gia­va la can­di­da­tu­ra" dice Cet­ta Cac­cio­la. "Sono a cono­scen­za di tale cir­co­stan­za per­ché mio zio e mio cugi­no ne par­la­va­no spes­so con mio padre, con mio fra­tel­lo Giu­sep­pe e con mio zio Gio­van­bat­ti­sta Cac­cio­la: nell'occasione era paci­fi­co che le fami­glie Cac­cio­la e Bel­loc­co avreb­be­ro appog­gia­to la can­di­da­tu­ra di San­ti Zap­pa­là". La gio­va­ne testi­mo­ne di giu­sti­zia pre­ci­se­rà inol­tre che alla base dell'appoggio elet­to­ra­le vi sareb­be sta­to l'accordo do ut des di cui si par­la­va: "Quan­do all'interno del­la "fami­glia" si deci­de di appog­gia­re un cer­to can­di­da­to, ciò acca­de per­ché quest'ultimo pro­met­te in cam­bio qual­co­sa. Non so cosa, nel caso di spe­cie, aves­se pro­mes­so lo Zap­pa­là ma sul­la base di un dato di espe­rien­za pos­so affer­ma­re con cer­tez­za che qual­co­sa in cam­bio ave­va pro­mes­so o addi­rit­tu­ra già dato, altri­men­ti i Cac­cio­la ed i Bel­loc­co non ne avreb­be­ro mai appog­gia­to la can­di­da­tu­ra e non si sareb­be­ro mai impe­gna­ti per la sua cam­pa­gna elet­to­ra­le: l'appoggio, infat­ti, pre­sup­po­ne neces­sa­ria­men­te un cor­ri­spet­ti­vo. Del resto, in un pae­se come Rosar­no le fami­glie Cac­cio­la e Bel­loc­co sono in gra­do di spo­sta­re un con­si­de­re­vo­le nume­ro di voti, si trat­ta di una sor­ta di "patri­mo­nio" che non vie­ne cer­to rega­la­to al poli­ti­co di tur­no: per esse­re appog­gia­ti da cer­te fami­glie biso­gna dare o alme­no pro­met­te­re qual­co­sa in cam­bio. Di soli­to il can­di­da­to si impe­gna a far ese­gui­re lavo­ri pub­bli­ci ad impre­se edi­li in qual­che modo ricon­du­ci­bi­li alla cosca o, comun­que, si impe­gna a fare "favo­ri" in qual­che modo con­nes­si con la sua fun­zio­ne pub­bli­ca". Ma anche il col­la­bo­ra­to­re Giu­sep­pe Gre­co ren­de­rà dichia­ra­zio­ni a cari­co di San­ti Zap­pa­là. Fino al momen­to del­la col­la­bo­ra­zio­ne, Gre­co é sog­get­to che rico­pre un ruo­lo di ver­ti­ce all'interno dell'articolazione del­la ndran­ghe­ta ope­ran­te in Calan­na. Giu­sep­pe Gre­co è un per­so­nag­gio da tem­po risa­len­te rite­nu­to il capo loca­le del­la ndran­ghe­ta di Calan­na, con ruo­lo ere­di­ta­to dal padre, non­ché sva­ria­ta­men­te col­pi­to da inchie­ste vol­te a com­pro­va­re l'operatività in quel ter­ri­to­rio di mano­vre ille­ga­li per il con­trol­lo del voto. Nel cor­so dell'interrogatorio del 2.07.13 Gre­co affer­ma­va in modo espli­ci­to che in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni regio­na­li dell'anno 2010 San­ti Zap­pa­là si recò al suo cospet­to, accom­pa­gna­to dall'Avv. Anto­nio Mar­ra, e, nel cor­so di un incon­tro dura­to cir­ca un'ora, si dichia­rò dispo­ni­bi­le ad acqui­sta­re un pac­chet­to di cin­que­cen­to voti in cam­bio del­la som­ma di € 30.000,00; la pro­po­sta non fu accol­ta dal boss per­ché non rite­nu­ta con­ve­nien­te ("non vale­va la pena"). Nel­la cir­co­stan­za Gre­co affer­ma­va che lui era in gra­do di "pilo­ta­re" sen­za alcun pro­ble­ma 500 voti, "non solo a Calan­na, pure in giro", gra­zie alla for­za inti­mi­da­tri­ce pro­ma­nan­te dal ruo­lo rico­per­to all'interno del­la loca­le, tale non richie­de­re nean­che l'utilizzo di minac­ce espli­ci­te, essen­do suf­fi­cien­te che la richie­sta pro­ve­nis­se da un per­so­nag­gio del suo cali­bro, appar­te­nen­te ad una fami­glia di ndran­ghe­ta sto­ri­ca­men­te radi­ca­ta su quel ter­ri­to­rio ("per la nostra edu­ca­zio­ne e rispet­to"). Il col­la­bo­ra­to­re, inol­tre, pre­ci­sa­va di aver avu­to modo di con­sta­ta­re in pre­ce­den­ti con­sul­ta­zio­ni che la sua fami­glia era in gra­do di spo­sta­re un ingen­te "pac­chet­to" di voti sen­za alcun pro­ble­ma ed affer­ma­va di aver rag­giun­to il gra­do di san­ti­sta. Dichia­ra­zio­ni, quel­le di Gre­co, che gli inqui­ren­ti riscon­tra­no gra­zie rap­por­to di cono­scen­za fra San­ti Zap­pa­là e l'Avv. Anto­nio Mar­ra, le mede­si­me dichia­ra­zio­ni risul­ta­no riscon­tra­te dai tabu­la­ti tele­fo­ni­ci rela­ti­vi all'utenza in un uso allo Zap­pa­là, dal cui esa­me emer­go­no, in par­ti­co­la­re, 52 con­tat­ti fra il can­di­da­to ed il lega­le pro­prio nel perio­do riguar­dan­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le dell'anno 2010: Di San­ti Zap­pa­là par­la anche il col­la­bo­ra­to­re di giu­sti­zia Roc­co Vara­cal­li, il qua­le nel cor­so dell'interrogatorio reso in data 01.04.2011 rife­ri­va nume­ro­si ele­men­ti di con­si­de­re­vo­le valo­re inve­sti­ga­ti­vo riguar­dan­ti pro­prio l'odierno inda­ga­to. Il col­la­bo­ra­to­re rife­ri­va di esse­re sta­to orga­ni­co alla ndran­ghe­ta ed in par­ti­co­la­re alla loca­le di Nati­le di Care­ri, pae­se di cui era ori­gi­na­rio. Entra­to nel­la ndran­ghe­ta con il gra­do di pic­ciot­to all'età di ven­ti­due anni cir­ca, pri­ma dell'arresto avve­nu­to nell'anno 2006, ave­va com­ple­ta­to tut­to il per­cor­so del­la Socie­tà Mino­re ("… ave­vo fat­to tut­to il per­cor­so del­la Mino­re, tut­ta, e poi si era fer­ma­to …"): Pri­ma di affron­ta­re l'argomento rela­ti­vo ai rap­por­ti di San­ti Zap­pa­là con espo­nen­ti del­la ndran­ghe­ta, il col­la­bo­ra­to­re pre­ci­sa­va di esse­re a cono­scen­za dei rap­por­ti mafia – poli­ti­ca dell'area di pro­ve­nien­za, Nati­le di Care­ri (RC), e dei rela­ti­vi mec­ca­ni­smi di inte­ra­zio­ne: "La Mag­gio­re, cioè la socie­tà Mag­gio­re, si riu­ni­sce per deci­de­re i can­di­da­ti da appog­gia­re e da indi­ca­re agli elet­to­ri, per far­li vota­re non solo in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni comu­na­li di Nati­le, ma anche in occa­sio­ne del­le com­pe­ti­zio­ni elet­to­ra­li di livel­lo supe­rio­re, cioè pro­vin­cia­li, regio­na­li o poli­ti­che. Ovvia­men­te l'uomo poli­ti­co appog­gia­to dal­le fami­glie mafio­se, qua­lo­ra elet­to, dove­va ricam­bia­re median­te l'adozione di prov­ve­di­men­ti favo­re­vo­li cioè deli­be­re, appal­ti, pro­get­ti e simi­li, alle cosche che ave­va­no con­tri­bui­to alla sua ele­zio­ne". Al col­la­bo­ra­to­re ver­rà mostra­to un album ripor­tan­te le effi­gi foto­gra­fi­che di vari sog­get­ti tra cui alcu­ni can­di­da­ti alle com­pe­ti­zio­ni elet­to­ra­li tenu­te­si il 28 e 29 Mar­zo 2010, ogget­to dell'informativa di rea­to "Rea­le 3", tra le qua­li veni­va rico­no­sciu­ta quel­la di San­ti Zap­pa­là. In par­ti­co­la­re, Vara­cal­li dichia­re­rà di cono­sce­re San­ti Zap­pa­là: "… E' quel­lo dei voti … omis­sis … è quel­lo dei voti … omis­sis … Ades­so me lo ricor­do che lo ave­vo visto nel­la …, come si dice, quan­do fai pub­bli­ci­tà dei voti … omis­sis … Si è uno di quel­li, è anche di quel­li che ave­va­no dato dei voti". Vara­cal­li chia­ri­rà di ave­re avu­to, con spe­ci­fi­co rife­ri­men­to alla can­di­da­tu­ra di San­ti Zap­pa­là , pre­ci­se dispo­si­zio­ni dal­la "fami­glia" ("Che la fami­glia ave­va rac­col­to dei voti per que­sto signo­re"): … omis­sis … VARACALLI R.: E' quel­lo dei voti. Dott. MUSARÒ: E che vuol dire che è quel­lo dei voti? VARACALLI R.: Ades­so me lo ricor­do che lo ave­vo visto nel­la …, come si dice, quan­do fai pub­bli­ci­tà dei voti. Dott. MUSARÒ: Le locan­di­ne elet­to­ra­li. Lo cono­sce que­sto signo­re? VARACALLI R.: Si è uno di quel­li, è anche di quel­li che ave­va­no dato dei voti. Dott. MUSARÒ: Cioè? VARACALLI R.: Che la fami­glia ave­va rac­col­to dei voti per que­sto signo­re. … omis­sis … La ndran­ghe­ta di Nati­le di Care­ri (RC) avreb­be dun­que appog­gia­to San­ti Zap­pa­là in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni per il rin­no­vo del Con­si­glio Pro­vin­cia­le di Reg­gio Cala­bria, a segui­to del­le qua­li lo stes­so era sta­to elet­to: "Zap­pa­là San­ti lo cono­sco per­ché mio cugi­no Pipi­cel­la Anto­nio, alias Maran­gu­ni, appar­te­nen­te alla ndran­ghe­ta, mi indi­cò que­sto nomi­na­ti­vo a me ed ai miei fami­lia­ri che dove­va esse­re appog­gia­to". Pro­se­guen­do, il col­la­bo­ra­to­re evi­den­zie­rà che Zap­pa­là "è uno che aiu­ta­va, uno di quel­li che ci aiu­ta­va quan­do noi abbia­mo biso­gno di qual­co­sa" ed era con­si­de­ra­to un "ami­co": "si, si, che que­sto è uno dei nostri che ci aiu­ta­va, dei nostri ami­ci, ades­so non so se face­va par­te del­la ndran­ghe­ta, uno dei nostri", non esclu­den­do che fos­se for­mal­men­te affi­lia­to alla ndran­ghe­ta. La par­te dell'interrogatorio con­cer­nen­te San­ti Zap­pa­là si con­clu­de­va con l'ennesima affer­ma­zio­ne di VARACALLI Roc­co che non lascia­va alcun dub­bio sul­la tipo­lo­gia del rap­por­to instau­ra­to dal poli­ti­co con sog­get­ti appar­te­nen­ti alla ndran­ghe­ta: "Che era uno che appog­gia­va a noi del­la ndran­ghe­ta, se ave­va­mo biso­gno".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*