Ad Aosta negato porto d’armi ad un imprenditore perché “frequenta ndranghetisti”

AOSTA – Nonostante l'assoluzione nel processo d'Appello Tempus venit, l'imprenditore edile aostano Giuseppe Tropiano non può riavere i fucili da tiro a volo che gli erano stato ritirati – insieme al porto d'armi – quando era indagato per favoreggiamento aggravato dal metodo mafioso. Lo ha stabilito il Tar, anche in base agli "elementi informativi dei Carabinieri, che hanno sottolineato frequentazioni" di Tropiano "con 'soggetti di caratura criminale organicamente inseriti nella […]'ndrangheta'"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*