Claudio Fava (Antimafia): "Perché il sindaco di Brescello è ancora al suo posto?"

ROMA – "Men­tre il sin­da­co di Bre­scel­lo, Mar­cel­lo Cof­fri­ni, è anco­ra al pro­prio posto dopo aver pub­bli­ca­men­te loda­to il reg­gen­te loca­le del­la ndran­ghe­ta Fran­ce­sco Gran­de Ara­cri, il sin­da­co di Lame­zia Gian­ni Spe­ran­za appren­de in que­sti gior­ni che Nico­li­no Gran­de Ara­cri, capo del­la cosca di Cutro e fra­tel­lo di Fran­ce­sco, inten­de­va ucci­der­lo ('..una bot­ta in testa e fini­sce ammaz­za­to')".

Lo dice Clau­dio Fava, vice­pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne anti­ma­fia, "dopo ave­re appre­so – è det­to in un comu­ni­ca­to – i risul­ta­ti del­le inda­gi­ni dei Ros sul­la fami­glia Gran­de Ara­cri e sul loro ruo­lo cri­mi­na­le ege­mo­ne dal­la Cala­bria all'Emilia". "Fino a quan­do in Ita­lia si tol­le­re­rà – aggiun­ge Fava – che un sin­da­co ami­co di un mafio­so resti in cari­ca, nes­su­no si stu­pi­sca se que­gli stes­si mafio­si minac­cia­no di mor­te un altro sin­da­co col­pe­vo­le di fare cor­ret­ta­men­te il pro­prio lavo­ro. Per mesi abbia­mo aspet­ta­to inu­til­men­te che, con un gesto di decen­za, il sin­da­co Cof­fri­ni si dimet­tes­se. Quel gesto non è arri­va­to. Arri­va inve­ce la noti­zia che la fami­glia Gran­de Ara­cri, loda­ta irre­spon­sa­bil­men­te a Bre­scel­lo, inten­de­va ucci­de­re a Lame­zia".

"Chie­do al Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca, Ser­gio Mat­ta­rel­la – dice anco­ra il vice­pre­si­den­te Fava – di uti­liz­za­re le pro­prie pre­ro­ga­ti­ve valu­tan­do l'opportunità di rimuo­ve­re imme­dia­ta­men­te il sin­da­co Cof­fri­ni dal­la sua fun­zio­ne. Sareb­be un gesto uti­le a garan­ti­re i tan­ti sin­da­ci in pri­ma linea nel­la lot­ta con­tro le mafie: quei sin­da­ci, come Gian­ni Spe­ran­za, che alla fami­glia Gran­de Ara­cri in Cala­bria han­no sbat­tu­to sem­pre la por­ta in fac­cia rischian­do la pel­le, men­tre il suo col­le­ga di Bre­scel­lo ne tes­se­va, con scon­si­de­ra­ta impu­den­za, le pub­bli­che lodi".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*