Cocaina dal Sudamerica. Scoperta a Firenze una banda di narcos collegati alle cosche calabresi

FIRENZE – Era un'organizzazione spe­cia­liz­za­ta nell'importazione di cocai­na dal Suda­me­ri­ca, gra­zie a una fit­ta rete di con­tat­ti con traf­fi­can­ti loca­li, quel­la sco­per­ta dal­la Guar­dia di finan­za di Firen­ze che ha ese­gui­to 16 misu­re di custo­dia cau­te­la­re nei con­fron­ti di sog­get­ti "col­le­ga­ti" alle ndri­ne degli Avi­gno­ne e dei Pavi­glia­ni­ti. Com­ples­si­va­men­te sono 28 gli inda­ga­ti. La dro­ga, secon­do quan­to spie­ga­to nel cor­so di una con­fe­ren­za stam­pa, arri­va­va in Ita­lia via mare, nasco­sta in dop­pi­fon­di rica­va­ti in con­tai­ner con cari­chi di coper­tu­ra, spes­so bana­ne, e all'interno di bloc­chi di mar­mo. Le rot­te pre­di­let­te par­ti­va­no dai por­ti di Cal­lao in Perù e di Gua­ya­quil in Ecua­dor, per tran­si­ta­re poi da Pana­ma o San­to Domin­go dove i con­tai­ner era­no imbar­ca­ti su altre navi diret­te a Geno­va e Gio­ia Tau­ro.

Tra le basi ope­ra­ti­ve dell'organizzazione in Ita­lia, un'abitazione in pro­vin­cia di Mode­na, un'autocarrozzeria in pro­vin­cia di Bolo­gna e una dit­ta di Ales­san­dria. In base a quan­to spie­ga­to dal­le fiam­me gial­le le inda­gi­ni, coor­di­na­te dal pm del­la Dda fio­ren­ti­na Etto­re Squil­la­ce Gre­co, sono sta­te avvia­te come svi­lup­po dell'operazione 'Lupi­ce­ra', con­clu­sa­si nel 2013 con l'arresto di 13 per­so­ne lega­te alla ndri­na dei Fac­chi­ne­ri di Cit­ta­no­va, ope­ran­te nel­la zona di Alto­pa­scio (Luc­ca), risul­ta­te in affa­ri con espo­nen­ti del­la fami­glia Avi­gno­ne. Il nuo­vo filo­ne, chia­ma­to 'Ope­ra­zio­ne Gufo', è par­ti­to dal­la sco­per­ta di un giro di cocai­na in Luc­che­sia, che sareb­be sta­ta for­ni­ta da espo­nen­ti del­la fami­glia Avi­gno­ne. Le inda­gi­ni, a cui han­no col­la­bo­ra­to la Dire­zio­ne cen­tra­le per i ser­vi­zi anti­dro­ga e lo Sci­co, han­no por­ta­to anche al seque­stro di beni per un valo­re di 2 milio­ni di euro, tra 5 fab­bri­ca­ti in Ligu­ria, Emi­lia Roma­gna e Cala­bria, una socie­tà, due dit­te indi­vi­dua­li, 5 auto di lus­so e una moto.