Il presidente della Regione Oliverio indagato per abuso d'ufficio nella vicenda del distacco di un dipendente

Mario Oliverio

CATANZARO – Il pre­si­den­te del­la Regio­ne Cala­bria Mario Oli­ve­rio è inda­ga­to per abu­so d'ufficio nell'ambito di un'inchiesta del­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Catan­za­ro su "Cala­bria ver­de", ente in hou­se del­la Regio­ne, riguar­dan­te il distac­co di un dipen­den­te. Lo ha reso noto lo stes­so Oli­ve­rio. "Mi é sta­to noti­fi­ca­to oggi dal­la Guar­dia di finan­za – affer­ma il Gover­na­to­re – un 'avvi­so di chiu­su­ra del­le inda­gi­ni pre­li­mi­na­ri ai sen­si dell'art.415 bis del codi­ce di pro­ce­du­ra pena­le con una con­te­stua­le infor­ma­zio­ne di garan­zia sul dirit­to alla dife­sa ai sen­si dell'art.369 e 369 bis del codi­ce pena­le' emes­so dal­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Catan­za­ro. Con gli atti mi vie­ne con­te­sta­to il rea­to di abu­so d'ufficio in rela­zio­ne al pro­se­gui­men­to di un distac­co del signor Baril­la­ro Giu­sep­pe, dipen­den­te del Comu­ne di Fran­ci­ca (Vibo Valen­tia), pres­so l'azienda Cala­bria Ver­de. Con­si­de­ran­do­mi estra­neo ai fat­ti con­te­sta­ti – con­clu­de – con­fi­do di chia­ri­re quan­to pri­ma la mia posi­zio­ne nel­le sedi com­pe­ten­ti".

E' il sin­da­co di Acqua­ro (Vibo Valen­tia) Giu­sep­pe Bari­la­ro, il dipen­den­te del comu­ne di Fran­ci­ca a cui è sta­to pro­ro­ga­to il distac­co a "Cala­bria Ver­de", vicen­da per la qua­le il pre­si­den­te del­la Regio­ne Cala­bria Mario Oli­ve­rio è inda­ga­to dal­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Catan­za­ro per abu­so d'ufficio. Anche Bari­la­ro è inda­ga­to nel­la stes­sa inchie­sta insie­me ad altre 4 per­so­ne. Secon­do la Pro­cu­ra di Catan­za­ro, il tra­sfe­ri­men­to avve­nu­to nel 2014 quan­do la Regio­ne era gui­da­ta da una Giun­ta di cen­tro­de­stra, e pro­ro­ga­to nel 2015, sareb­be avve­nu­to sen­za che ve ne fos­se­ro i pre­sup­po­sti for­ma­li. Sareb­be sta­to inve­ce, sem­pre secon­do l'ipotesi accu­sa­to­ria, un atto fun­zio­na­le alle allean­ze poli­ti­che e al baci­no elet­to­ra­le dell'area vibo­ne­se. Bari­la­ro, ex pre­si­den­te del con­si­glio pro­vin­cia­le di Vibo Valen­tia, nel 2015 è sta­to desi­gna­to qua­le respon­sa­bi­le dell'Ufficio fore­sta­zio­ne del distret­to di Ser­ra San Bru­no di Cala­bria Ver­de. Ex com­mis­sa­rio pro­vin­cia­le dell'Udc, ora vici­no al Pd, è noto anche per la sua posi­zio­ne con­tro la leg­ge Cirin­nà sul­le unio­ni civi­li. Nel cor­so di un con­si­glio comu­na­le ave­va det­to: "Non cele­bre­rò le noz­ze tra gay".

Il coman­do di Giu­sep­pe Bari­la­ro dal Comu­ne di Fran­ci­ca a Cala­bria Ver­de ente in hou­se del­la regio­ne è sta­to "det­ta­to da mere logi­che e stra­te­gie poli­ti­che, fun­zio­na­le cioè a col­lo­ca­re una per­so­na di fidu­cia in gra­do di 'con­trol­la­re' e 'orien­ta­re', anche in ragio­ne del pre­gres­so con­sen­so poli­ti­co, il baci­no elet­to­ra­le costi­tui­to dai nume­ro­si ope­rai idrau­li­co-fore­sta­li alle dipen­den­ze di Cala­bria Ver­de, in par­ti­co­la­re nel distret­to-ter­ri­to­rio del Vibo­ne­se". È quan­to sostie­ne la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Catan­za­ro nell'avviso di con­clu­sio­ne del­le inda­gi­ni reca­pi­ta­to oggi al pre­si­den­te del­la giun­ta regio­na­le cala­bre­se Mario Oli­ve­rio, allo stes­so Bari­la­ro, a Miche­le Tre­ma­ter­ra, asses­so­re regio­na­le all'Agricoltura nel­la pre­ce­den­te con­si­lia­tu­ra di cen­tro­de­stra, a Fran­co Iacuc­ci, attua­le pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia di Cosen­za, inda­ga­to "nel­la qua­li­tà di capo­strut­tu­ra del pre­si­den­te" del­la Regio­ne Oli­ve­rio, all'ex diret­to­re gene­ra­le di Cala­bria Ver­de Pao­lo Fur­giue­le, e a Fran­ca Arlia, diri­gen­te del Ser­vi­zio 1 Set­to­re 1 dell'agenzia regio­na­le. Due le ipo­te­si di abu­so d'ufficio di cui devo­no rispon­de­re i sei inda­ga­ti rela­ti­va­men­te al coman­do avve­nu­to nel 2014 e alla suc­ces­si­va pro­ro­ga data­ta 31 mar­zo 2015. Secon­do quan­to ripor­ta­to nell'avviso di con­clu­sio­ne del­le inda­gi­ni, il tra­sfe­ri­men­to sareb­be avve­nu­to "non solo sen­za alcu­na pre­via, effet­ti­va, valu­ta­zio­ne del­le spe­ci­fi­che com­pe­ten­ze in rela­zio­ne alle esi­gen­ze orga­niz­za­ti­ve e fun­zio­na­li dell'ente in hou­se ma, ancor più gra­ve­men­te, in assen­za di qual­si­vo­glia esi­gen­za orga­niz­za­ti­va e/o fun­zio­na­le dell'ente che giu­sti­fi­cas­se sif­fat­to 'coman­do', tan­to più che l'ente già espri­me­va al suo inter­no ade­gua­te figu­re pro­fes­sio­na­li". Una vol­ta tra­sfe­ri­to a Cala­bria Ver­de, inol­tre, Baril­la­ro è sta­to nomi­na­to respon­sa­bi­le dell'Ufficio Fore­sta­zio­ne del distret­to Ser­ra San Bru­no. Secon­do la rico­stru­zio­ne del­la Pro­cu­ra, Fur­giue­le, "in fede­le ese­cu­zio­ne del com­ples­si­vo dise­gno cri­mi­no­so, così come da Oli­ve­rio e Iacuc­ci per­pe­tua­to e vei­co­la­to­gli" avreb­be indot­to il pre­ce­den­te respon­sa­bi­le dell'ufficio a dimet­ter­si. Ora gli inda­ga­ti avran­no ven­ti gior­ni di tem­po per chie­de­re al pm di esse­re sen­ti­ti o per pre­sen­ta­re memo­rie difen­si­ve. Sca­du­to que­sto ter­mi­ne la Pro­cu­ra potrà pro­ce­de­re con la richie­sta di rin­vio a giu­di­zio o, al con­tra­rio, pro­por­re richie­sta di archi­via­zio­ne.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.