"Interesse culturale" del Mibact sulle Ferrovie taurensi

Ferrovie.info PER LE FERROVIE Tau­ren­si arri­va la dichia­ra­zio­ne di inte­res­se cul­tu­ra­le del mini­ste­ro per i Beni e le atti­vi­tà cul­tu­ra­li e per il turi­smo. Lo ren­de noto il Segre­ta­ria­to regio­na­le del Mibact per la Cala­bria. "Le linee fer­ro­via­rie cala­bre­si Gio­ia Tau­ro-Pal­mi-Sino­po­li e Gio­ia Tau­ro-Cin­que­fron­di, det­te anche linee Tau­ren­si – è scrit­to in una nota – sono sta­te costrui­te tra il 1910 e il 1934 per faci­li­ta­re i col­le­ga­men­ti tra la costa e l'entroterra del­la Pia­na di Gio­ia Tau­ro nell'ambito di un pro­get­to di col­le­ga­men­to su rota­ie ambi­zio­so e fun­zio­na­le. Costi­tui­va­no un trat­to del­la Fer­ro­via Cala­bro-Luca­na, pen­sa­ta come un'ampia rete che si dove­va svi­lup­pa­re su un vasto ter­ri­to­rio che com­pren­de­va Cam­pa­nia, Basi­li­ca­ta, Puglia e Cala­bria e set­te pro­vin­ce: Bari, Saler­no, Poten­za, Mate­ra, Cosen­za, Catan­za­ro (che allo­ra com­pren­de­va anche i ter­ri­to­ri del­le attua­li pro­vin­ce di Cro­to­ne e Vibo Valen­tia) e Reg­gio Cala­bria".

"Le linee Tau­ren­si – pro­se­gue la nota – sono una memo­ria sto­ri­ca, testi­mo­nian­za del­lo svi­lup­po tec­no­lo­gi­co, indu­stria­le e cul­tu­ra­le del ter­ri­to­rio che ha lega­mi con la sto­ria del­la tec­ni­ca, dell'industria e dei tra­spor­ti: basti cita­re la pre­sen­za, lun­go il trac­cia­to, di note­vo­li pon­ti e via­dot­ti in mura­tu­ra o in accia­io, neces­sa­ri per supe­ra­re le aspe­ri­tà del ter­ri­to­rio, alcu­ni dei qua­li di impor­tan­te impe­gno tec­ni­co e rea­liz­za­ti­vo, e poi anco­ra piaz­za­li di mano­vra, depo­si­ti, rimes­se per le loco­mo­ti­ve, sta­zio­ni, case can­to­nie­re. L'intero trac­cia­to, in una inscin­di­bi­le uni­tà con il pae­sag­gio che attra­ver­sa, lo arric­chi­sce di una sto­ria che dura da oltre un seco­lo".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.