Isola Capo Rizzuto, truffa da 80 mila euro ai danni dell'Agenzia regionale Calabria per le erogazioni in agricoltura

ISOLA CAPO RIZZUTO – Una truf­fa da 80 mila euro ai dan­ni dell'Agenzia regio­na­le Cala­bria per le ero­ga­zio­ni in agri­col­tu­ra (Arcea) è sta­ta sco­per­ta dal­la Guar­dia di finan­za di Cro­to­ne, che ha denun­cia­to la tito­la­re di un'azienda agri­co­la di Iso­la Capo Riz­zu­to per truf­fa, fal­so ed uti­liz­zo di sigil­li pub­bli­ci con­traf­fat­ti. L'imprenditrice ha usa­to fal­si docu­men­ti per ave­re i con­tri­bu­ti. In un con­trat­to di affit­to di ter­re­no figu­ra­va una per­so­na dece­du­ta 12 anni pri­ma la data dell'atto.

Nel cor­so del­le inda­gi­ni i finan­zie­ri han­no accer­ta­to che la tito­la­re dell'azienda ave­va otte­nu­to i con­tri­bu­ti atte­stan­do fal­sa­men­te di ave­re la dispo­ni­bi­li­tà giu­ri­di­ca ed il pos­ses­so di ter­re­ni, avva­len­do­si di fal­si con­trat­ti di affit­to e di fal­se auto­cer­ti­fi­ca­zio­ni. Per aggi­ra­re i con­trol­li sono sta­te uti­liz­za­te fal­se cer­ti­fi­ca­zio­ni in appa­ren­za rila­scia­te dal Comu­ne di Iso­la Capo Riz­zu­to e dall'Agenzia Regio­na­le per lo svi­lup­po e per i ser­vi­zi in agri­col­tu­ra, fal­si con­trat­ti di fit­to di fon­di rusti­ci ed una dichia­ra­zio­ne sosti­tu­ti­va di atto noto­rio, anch'essa fal­sa, rela­ti­va alla col­ti­va­zio­ne di fon­di di pro­prie­tà del Dema­nio.

Per com­ple­ta­re la truf­fa i con­trat­ti di affit­to ave­va­no i tim­bri dell'Agenzia del­le Entra­te che sono risul­ta­ti fal­si. La con­dot­ta ille­ci­ta posta in esse­re dall'imprenditrice agri­co­la sarà segna­la­ta per il dan­no era­ria­le alla Pro­cu­ra regio­na­le del­la Cala­bria del­la Cor­te dei Con­ti.