Klaus Davi pronto a candidarsi a sindaco di San Luca

Klaus Davi

SAN LUCA – "Sono pron­to a can­di­dar­mi alla cari­ca di sin­da­co di San Luca da anni ormai è sen­za pri­mo cit­ta­di­no, e chie­do alla Pre­fet­tu­ra e al mini­ste­ro degli Inter­ni che ci sia una pro­ro­ga per la pre­sen­ta­zio­ne del­le liste elet­to­ra­li vista la situa­zio­ne di ecce­zio­na­li­tà demo­cra­ti­ca che sta viven­do quel comu­ne e che si pos­sa vota­re entro l'anno". Lo affer­ma in una nota il mass­me­dio­lo­go Klaus Davi dopo che le ele­zio­ni a San Luca, pre­vi­ste nel­la tor­na­ta del 10 giu­gno, sono sal­ta­te per­ché non sono sta­te pre­sen­ta­te liste entro il ter­mi­ne pre­vi­sto.

"Accol­go – pro­se­gue – l' appel­lo lan­cia­to da Fede­ri­co Cafie­ro de Raho ieri a Pesca­ra e mi ren­do dispo­ni­bi­le a cor­re­re per la cari­ca di sin­da­co, met­ten­do comun­que a dispo­si­zio­ne del pre­fet­to Miche­le di Bari il mio know-how. Se la mia richie­sta ver­rà accol­ta dal­la Pre­fet­tu­ra pre­sen­te­rò una lista civi­ca indi­pen­den­te dai par­ti­ti con per­so­na­li­tà nazio­na­li e espo­nen­ti del­la socie­tà civi­le cala­bre­se e soprat­tut­to gio­va­ni. Il mio impe­gno sarà no pro­fit. Pri­mo obiet­ti­vo aiu­ta­re i gio­va­ni di San Luca con oppor­tu­ni­tà di lavo­ro coin­vol­gen­do anche azien­de e Con­fin­du­stria; secon­do obiet­ti­vo incre­men­ta­re il turi­smo reli­gio­so che subi­rà una for­te espan­sio­ne a segui­to del­la ria­per­tu­ra del­la via per il san­tua­rio di Pol­si gra­zie al com­mis­sa­rio Sal­va­to­re Gul­li e l'impegno del­la Regio­ne Cala­bria".

Nel­la nota Davi si dice per nul­la inti­mo­ri­to dal­la fama inter­na­zio­na­le di San Luca di "mam­ma" del­la ndran­ghe­ta. "Ne ho par­la­to anche con i miei più cari ami­ci Mas­si­mo Gilet­ti e Lapo Elkann – pro­se­gue – che mi appog­gia­no. Ho assun­to un pen­ti­to che ha fat­to arre­sta­re 40 per­so­ne nel­la mia azien­da di comu­ni­ca­zio­ne. Sono anda­to a casa dei Pesce, dei De Ste­fa­no, dei Piro­mal­li sen­za scor­te. Ho affis­so poster in tut­ta Ita­lia dei boss vesti­ti da don­na. Di cosa mi dovrei pre­oc­cu­pa­re? Se mi con­sen­ti­ran­no di cor­re­re sarò il sin­da­co dei ragaz­zi di San Luca e un amba­scia­to­re media­ti­co di tut­ta la Cala­bria e con­ti­nue­rò il mio ruo­lo di testi­mo­ne in tv e sul web. Il vero male del sud e il silen­zio. L'oscurità ucci­de più del­la mafia".

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.