Mafie a Roma, per l’associazione DaSud “serve una operazione-verità”

ROMA – "Oggi Roma è a rischio: serve una grande operazione verità. Per questo da oltre un anno chiediamo la convocazione di un consiglio comunale aperto: perché nessuno – la politica, le classi dirigenti diffuse, i cittadini – possa più dire non lo sapevo, perché nessuno possa più sottovalutare quello che sta accadendo, perché nessuno possa sottrarsi alle proprie responsabilità. Da lì, da questa immersione dentro una realtà che nessuno ha voluto vedere, possiamo ripartire". Lo dichiara Danilo Chirico, portavoce dell'associazione anti-mafie daSud.

"Nel 2013 – ricorda – allestimmo un autobus turistico per fare un Roma mafie tour: un centinaio di persone attraversarono il centro della città alla scoperta dei luoghi in mano alle mafie. Una provocazione, si disse. Non era affatto così. E i fatti purtroppo sono andati ben oltre le previsioni: giorno dopo giorno scopriamo che nuovi ristoranti e hotel, negozi e bar sono in mano ai prestanome dei clan. Tutto questo è avvenuto nel corso di un trentennio con la complicità di pezzi importanti del mondo delle professioni, dell'impresa, della burocrazia romana, con il silenzio della politica e della società civile. Il risultato del negazionismo e di questa strategia della sottovalutazione è che oggi le mafie sono radicate dentro l'economia romana e i soldi delle cosche fanno girare gli affari", conclude.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*