Messa per Mussolini. La Curia: "Iniziativa sospesa". I promotori: "Ci vedremo in piazza"

REGGIO CALABRIA- Beni­to Mus­so­li­ni fu
"tru­ci­da­to", e per que­sto moti­vo il Movi­men­to poli­ti­co Allean­za
Cala­bre­se di Reg­gio Cala­bria ave­va deci­so di com­me­mo­ra­re con una
mes­sa il set­tan­te­si­mo anni­ver­sa­rio del­la sua mor­te.
Sull'iniziativa, in riva allo Stret­to, era­no subi­to divam­pa­te le
pole­mi­che al pun­to che la Curia Arci­ve­sco­vi­le di Reg­gio
Cala­bria, per evi­ta­re stru­men­ta­liz­za­zio­ni poli­ti­che, ha deci­so
di sospen­de­re la mes­sa
Il rito era sta­to fis­sa­to per doma­ni mat­ti­na nel­la chie­sa di
San Gior­gio al Cor­so, e suc­ces­si­va­men­te i par­te­ci­pan­ti ave­va­no
deci­so di recar­si pres­so la ste­le di Cic­cio Fran­co, il lea­der
dei moti per Reg­gio Cala­bria capo­luo­go, per un momen­to di
rifles­sio­ne e di pre­ghie­ra. Per pub­bli­ciz­za­re l'evento, Allean­za
Cala­bre­se, un movi­men­to poli­ti­co auto­no­mi­sta sor­to nel mag­gio
del 2006, ha anche rea­liz­za­to un mani­fe­sto con tan­to di aqui­la e
fascio lit­to­rio, con il qua­le i "came­ra­ti reg­gi­ni" annun­cia­no la
cele­bra­zio­ne del­la mes­sa a 70 anni "dall'omicidio di Sua
Eccel­len­za Beni­to Mus­so­li­ni".
Il pre­si­den­te del Movi­men­to Allean­za Cala­bre­se, Enzo
Vaca­le­bre, ricor­da che "la cele­bra­zio­ne del­la mes­sa in ricor­do
di Beni­to Mus­so­li­ni ha radi­ci mol­to lon­ta­ne. Ma doma­ni il
ricor­do assu­me­rà un signi­fi­ca­to più pro­fon­do per­ché ricor­re il
set­tan­te­si­mo di quel­lo che noi defi­nia­mo l'omicidio di
Mus­so­li­ni". Il Duce, secon­do Vaca­le­bre, è sta­to "tru­ci­da­to con
gli altri gerar­chi. Fu un'esecuzione vera e pro­pria deci­sa sen­za
un pro­ces­so. Ci augu­ria­mo che in mol­ti saran­no pre­sen­ti doma­ni
per ricor­da­re i 70 anni di que­sto omi­ci­dio".
La noti­zia del­la mes­sa per ricor­da­re "l'omicidio" di
Mus­so­li­ni ave­va fat­to rapi­da­men­te il giro del web, susci­tan­do
scal­po­re e indi­gna­zio­ne. A dar fuo­co alle pol­ve­ri era sta­to il
sin­da­co di Reg­gio Cala­bria, Giu­sep­pe Fal­co­ma­tà, il qua­le si è
augu­ra­to che "la Curia sia a cono­scen­za di que­sta ini­zia­ti­va,
basa­ta su un pre­sup­po­sto sto­ri­ca­men­te erra­to". Dopo l'annuncio e
le pole­mi­che che ne era­no sca­tu­ri­te, la Curia ha riba­di­to che "è
leci­to cele­bra­re la San­ta Mes­sa in suf­fra­gio dei defun­ti" ma per
l'occasione ha dispo­sto che "la Cele­bra­zio­ne ven­ga sospe­sa per
la stru­men­ta­liz­za­zio­ne del­la stes­sa per fini poli­ti­ci".
Ad invo­ca­re l'intervento del­la Curia era sta­to anche il
pre­si­den­te pro­vin­cia­le dell'Anpi di Reg­gio Cala­bria, San­dro
Vita­le, secon­do il qua­le "nes­sun par­ro­co e nes­su­na Chie­sa
dovreb­be­ro dare la pos­si­bi­li­tà di tra­sfor­ma­re una ceri­mo­nia
reli­gio­sa in un'iniziativa poli­ti­ca tesa a fal­si­fi­ca­re la sto­ria
del nostro Pae­se".

Dopo lo stop del­la Curia
di Reg­gio Cala­bria alla mes­sa per ricor­da­re il set­tan­te­si­mo
anni­ver­sa­rio del­la mor­te di Beni­to Mus­so­li­ni, i pro­mo­to­ri dell'
ini­zia­ti­va han­no deci­so di con­fer­ma­te la com­me­mo­ra­zio­ne con un
incon­tro in pro­gram­ma alle 11 in Piaz­za San Gior­gio al Cor­so. La
con­fer­ma dell'appuntamento è sta­to posta­to sul pro­fi­lo face­book
del Movi­men­to poli­ti­co auto­no­mi­sta Allean­za Cala­bre­se che ha
orga­niz­za­to l'iniziativa.
Sul pro­fi­lo face­book è sta­to pub­bli­ca­to anche un video con le
imma­gi­ni di Beni­to Mus­so­li­ni dopo la sua mor­te.
"Il duo Moro­si­ni-Fal­co­ma­tà – scri­ve Allean­za Cala­bre­se
facen­do rife­ri­men­to al Vesco­vo ed al sin­da­co di Reg­gio Cala­bria
– ha anco­ra pau­ra di un uomo assas­si­na­to set­tan­ta anni fa.
Came­ra­ta Beni­to Pre­sen­te! Pio­vo­no fio­ri su Piaz­za­le Lore­to".
Di "oltrag­gio­sa ini­zia­ti­va" ave­va­no par­la­to il depu­ta­to e
segre­ta­rio regio­na­le del Pd, Erne­sto Magor­no, ed il segre­ta­rio
di Reg­gio Cala­bria del par­ti­to, Sebi Romeo. "Con super­fi­cia­li­tà
uma­na e poli­ti­ca – ave­va­no affer­ma­to – vie­ne uti­liz­za­ta la
paro­la 'omi­ci­dio' in rela­zio­ne alla mor­te dell'uomo che
auto­riz­zò le leg­gi raz­zia­li con­sen­ten­do così l'assassinio di
innu­me­re­vo­li nostri con­na­zio­na­li, vit­ti­me del­la sua fol­lia". La
par­la­men­ta­re del Pd Enza Bru­no Bos­sio ha soste­nu­to che la mes­sa
per Mus­so­li­ni è un'iniziativa "aber­ran­te, oltre che in con­tra­sto
con le nor­me tut­to­ra in vigo­re del­la nostra Costi­tu­zio­ne che
puni­sco­no l'apologia del fasci­smo".