Msc potrebbe andar via da Gioia Tauro. Nella guerra con Contship l’ipotesi non viene esclusa

Miche­le Alba­ne­se Quo­ti­dia­no del Sud GIOIA TAURO – Con­tship Ita­lia ha rispo­sto alle richie­ste del Com­mis­sa­rio Straor­di­na­rio dell’Autorità Por­tua­le che chie­de­va di cono­sce­re il cro­no­pro­gram­ma degli inve­sti­men­ti azien­da­li nel ter­mi­nal di Gio­ia Tau­ro. Una rispo­sta i cui con­te­nu­ti che ades­so dovran­no esse­re vaglia­ti, resta­no ovvia­men­te riser­va­ti. Secon­do alcu­ne indi­scre­zio­ni, però, la pre­si­den­te Bat­ti­stel­lo dopo aver ricor­da­to nel­la sua ulti­ma mis­si­va gli inve­sti­men­ti tota­li effet­tua­ti negli ulti­mi ven­ti anni, avreb­be riman­da­to ad un pros­si­mo con­si­glio di ammi­ni­stra­zio­ne del grup­po, le scel­te ed anche il varo del nuo­vo­pia­no di inve­sti­men­ti da effet­tua­re nel­lo sca­lo cala­bre­se. Già in pas­sa­to varie vol­te gli azio­ni­sti han­no bloc­ca­to ulte­rio­ri spe­se nel ter­mi­nal a cau­sa del­le con­ti­nue per­di­te regi­stra­te da Mct nel cor­so degli anni per cui non è det­to che que­sta vol­ta in con­si­glio di ammi­ni­stra­zio­ne si pro­ce­da in dire­zio­ne diver­sa. La veri­tà è che con­ti­nua il brac­cio di fer­ro con il part­ner e clien­te Msc.

Una guer­ra silen­te che non si com­bat­te solo sul­le ban­chi­ne di Gio­ia Tau­ro ma che in latri sca­li come La Spe­zia, dove il grup­po di Gian­lui­gi Apon­te avreb­be deci­so di spo­sta­re sul ter­mi­nal Psa di Prà a Geno­va una quo­ta ulte­rio­re di traf­fi­co. Alcu­ni osser­va­to­ri ipo­tiz­za­no che Msc pos­sa per­si­no riti­rar­si da La Spe­zia. Msc che sareb­be pron­ta a fare la stes­sa cosa anche in Cala­bria e ciò avver­rà sarà la fine del­le atti­vi­tà por­tua­li a Gio­ia Tau­ro. Un ter­re­mo­to dagli esi­ti cata­stro­fi­ci. Uomi­ni vici­ni a Msc, infat­ti non esclu­do­no che pos­sa anda­re a fini­re così. L’assenza di chia­rez­za di Con­tship Ita­lia sugli inve­sti­men­ti neces­sa­ri a garan­ti­re livel­li di pro­dut­ti­vi­tà accet­ta­bi­li nel­lo sca­lo, le con­ti­nue lamen­te­le del mana­ge­ment di Msc sui ritar­di che le navi devo­no subi­re pri­ma di poter ope­ra­re a Gio­ia Tau­ro a cau­sa del­la poca fun­zio­na­li­tà di gru e car­rel­li, potreb­be­ro por­ta­re alla deser­ti­fi­ca­zio­ne del traf­fi­co a Gio­ia Tau­ro con la con­se­guen­za ter­ri­bi­le del­la per­di­ta del lavo­ro per miglia­ia di por­tua­li tra diret­to ed indot­to. Il com­mis­sa­rio Ago­sti­nel­li ha in mano una bom­ba pron­ta ad esplo­de­re. Una situa­zio­ne inim­ma­gi­na­bi­le fino a qual­che tem­po fa. Dopo la deci­sio­ne del Com­mis­sa­rio di strin­ge­re i tem­pi sul­la chia­rez­za nel­le inten­zio­ni di Mct, la Bat­ti­stel­lo ave­va cer­ca­to di sca­ri­ca­re la col­pa del calo dei volu­mi a Msc che si era impe­gna­ta a movi­men­ta­re 40 mila teu alla set­ti­ma­na. Volu­mi che anche di recen­te sono sce­si a 28 mila. Dall’altra par­te Msc che inve­ce, accu­sa Mct di non ave­re mez­zi neces­sa­ri per movi­men­ta­re cor­ret­ta­men­te il traf­fi­co.

E men­tre a Gio­ia Tau­ro con­ti­nua il bal­let­to sul­le respon­sa­bi­li­tà altri ter­mi­nal appro­fit­ta­no del­lo guer­ra in atto come il geno­ve­se Vte che al por­to di Psa vede aumen­ta­re i pro­pri volu­mi che arri­va­no non solo da La Spe­zia ma anche da Gio­ia Tau­ro. Ma c’è anche un altro inquie­tan­te dato che occor­re atten­ta­men­te met­te­re sot­to osser­va­zio­ne e cioè la pros­si­ma ope­ra­ti­vi­tà del ter­mi­nal geno­ve­se di Bet­to­lo dove Msc potreb­be por­ta­re altre fet­te di volu­mi pro­ve­nien­ti da altri por­ti, La Spe­zia e Gio­ia Tau­ro in par­ti­co­la­re. Insom­ma Msc si sta­reb­be pre­pa­ran­do un pia­no B per non resta­re impre­pa­ra­ta nel caso in cui a Gio­ia Tau­ro tut­to doves­se sal­ta­re. Sce­na­ri che si mate­ria­liz­za­no in momen­to deli­ca­tis­si­mo per la vita del pae­se che non ha anco­ra un gover­no in gra­do di inter­ve­ni­re in aree di cri­si. Lo stes­so ex con­si­glie­re del mini­stro Del­rio che fino ad oggi ha segui­to le vicen­de gio­ie­si Iva­no Rus­so da pochi gior­ni ha lascia­to il mini­ste­ro appro­dan­do a Con­fe­tra e al dica­ste­ro di Por­ta Pia man­ca­no rife­ri­men­ti cer­ti per cui tut­to oggi diven­ta Il por­to di Gio­ia Tau­ro più dif­fi­ci­le.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.