Ndrangheta: sequestrati 11 milioni di euro, 9 boss a sorveglianza speciale

Giornaledicalabria.it REGGIO CALABRIA – Beni e socie­tà per un valo­re sti­ma­to di oltre 11 milio­ni di euro sono sta­ti seque­stra­ti dai finan­zie­ri del coman­do pro­vin­cia­le di Reg­gio Cala­bria e del Ser­vi­zio Cen­tra­le Inve­sti­ga­zio­ne Cri­mi­na­li­tà Orga­niz­za­ta, con la col­la­bo­ra­zio­ne del Ros e del coman­do pro­vin­cia­le dell’Arma dei Cara­bi­nie­ri. Gli inqui­ren­ti han­no ese­gui­to 10 decre­ti di seque­stro emes­si, su richie­sta del­la sezio­ne misu­re di pre­ven­zio­ne del­la Pro­cu­ra del­la Repub­bli­ca di Reg­gio Cala­bria, dal loca­le Tri­bu­na­le. Con­te­stual­men­te al seque­stro dei beni sono sta­te irro­ga­te nei con­fron­ti di 9 ele­men­ti di ver­ti­ce del­le cosche anche misu­re di pre­ven­zio­ne per­so­na­li del­la sor­ve­glian­za spe­cia­le.

I prov­ve­di­men­ti ese­gui­ti, nel­lo spe­ci­fi­co, han­no por­ta­to al seque­stro di: 17 atti­vi­tà com­mer­cia­li e quo­te socie­ta­rie; 28 beni immo­bi­li (ter­re­ni, fab­bri­ca­ti, com­ples­si immo­bi­lia­ri); 4 auto­vet­tu­re; 8 fra con­ti cor­ren­ti, depo­si­ti, buo­ni posta­li; 15 poliz­ze assi­cu­ra­ti­ve. Si trat­ta, secon­do gli inqui­ren­ti, del patri­mo­nio mobi­lia­re, immo­bi­lia­re e socie­ta­rio, inte­sta­to o ricon­du­ci­bi­le a vari per­so­nag­gi, posti ai ver­ti­ci del­la ndran­ghe­ta, nel­la sua arti­co­la­zio­ne ter­ri­to­ria­le del­la “socie­tà” di Rosar­no e Poli­ste­na non­chè dei “loca­li” di Lau­rea­na di Bor­rel­lo, Oppi­do Mamer­ti­na e Bagna­ra Cala­bria, facen­ti par­te del man­da­men­to tir­re­ni­co del­la Pro­vin­cia di Reg­gio Cala­bria, già desti­na­ta­ri di una sen­ten­za di con­dan­na nell’ambito dell’operazione “Il cri­mi­ne”. Quest’ultima atti­vi­tà inve­sti­ga­ti­va ave­va con­sen­ti­to di evi­den­zia­re come la mafia cala­bre­se sia un’organizzazione di tipo mafio­so, segre­ta, for­te­men­te strut­tu­ra­ta su base ter­ri­to­ria­le, arti­co­la­ta su più livel­li e prov­vi­sta di orga­ni­smi di ver­ti­ce, inse­dia­ta nel­la pro­vin­cia di Reg­gio Cala­bria, dove è sud­di­vi­sa in tre aree, deno­mi­na­te man­da­men­ti (tir­re­ni­co, cit­tà e joni­co), nel cui ambi­to insi­sto­no socie­tà e loca­li, com­po­sti a loro vol­ta da ‘ndri­ne e fami­glie.

Ai ver­ti­ci di tale orga­niz­za­zio­ne è posto un orga­no col­le­gia­le, con com­pi­ti, fun­zio­ni e cari­che pro­prie, defi­ni­to “Pro­vin­cia” o anche “Cri­mi­ne”, quest’ultimo ter­mi­ne rife­ri­to anche alle sin­go­le arti­co­la­zio­ni asso­cia­ti­ve e, in altre occa­sio­ni, all’intera asso­cia­zio­ne i cui orga­ni diret­ti­vi sono costi­tui­ti dal “capo­cri­mi­ne”, dal “con­ta­bi­le”, dal “mastro gene­ra­le” e dal “mastro di gior­na­ta”. I prov­ve­di­men­ti adot­ta­ti dal­la Sezio­ne misu­re di pre­ven­zio­ne sono sta­ti emes­si al ter­mi­ne di un’accurata rie­la­bo­ra­zio­ne dei dati red­di­tua­li, effet­tua­ta dal­le Fiam­me Gial­le, che han­no ese­gui­to oltre 200 accer­ta­men­ti eco­no­mi­co-patri­mo­nia­li a cari­co di per­so­ne fisi­che e giu­ri­di­che tra i qua­li anche l’intero nucleo fami­lia­re del “Capo­cri­mi­ne” Dome­ni­co Oppe­di­sa­no, 85 anni, del “Mastro di Gior­na­ta del­la Socie­tà di Rosar­no” Miche­le Mara­sco, del “Capo del Loca­le” di Lau­rea­na di Bor­rel­lo Roc­co Lama­ri, del “capo del loca­le” di Oppi­do Mamer­ti­na, Anto­nio Gat­tel­la­ri, e del capo del loca­le” di Bagna­ra Cala­bra, Roc­co Zoc­ca­li. Le inda­gi­ni, sot­to­li­nea­no gli inqui­ren­ti, com­pli­ca­te a cau­sa del­la capa­ci­tà degli inda­ga­ti di masche­ra­re la rea­le inte­sta­zio­ne dei beni mobi­li e immo­bi­li e del­le atti­vi­tà eco­no­mi­che inte­sta­te a ter­zi, ma da loro gesti­te da anni.