Pd, la minirivoluzione di Renzi: tutti i candidati calabresi alle politiche

Pie­tro Bel­lan­to­ni Corrieredellacalabria.it LAMEZIA TERME – Tra vec­chia guar­dia e vol­ti nuo­vi. Da Visco­mi a Man­ci­ni jr, pas­san­do per il gio­va­ne Schir­ri­pa e la pre­si­den­te del Par­co del­la Sila. La Dire­zio­ne nazio­na­le del Pd, su pro­po­sta di Ren­zi, dopo gior­ni di pas­sio­ne ha appro­va­to a tar­da not­te le liste cala­bre­si per Came­ra e Sena­to. Alla fine, il segre­ta­rio ha chie­sto un posto solo per un mini­stro in cari­ca, Marian­na Madia, piaz­za­ta al secon­do posto del listi­no pro­por­zio­na­le Sud. Il capo del Vimi­na­le, Mar­co Min­ni­ti, cor­re­rà lon­ta­no dal­la Cala­bria (Mar­che). Ren­zi ha dimo­stra­to di pun­ta­re tan­to soprat­tut­to sul vice­pre­si­den­te del­la giun­ta, Anto­nio Visco­mi, che sarà can­di­da­to nel col­le­gio per la Came­ra di Catan­za­ro e capo­li­sta del pro­por­zio­na­le 2, pri­ma di Madia, per inten­der­ci.

Il col­le­gio di Reg­gio Cala­bria va a Civi­ca popo­la­re, cioè al sena­to­re uscen­te Nico D’Ascola, men­tre quel­lo Pia­na-Jonio (Gio­ia) al gio­va­ne Mar­co Schir­ri­pa, il mil­len­nials scel­to da Ren­zi mesi fa per entra­re nel­la Dire­zio­ne nazio­na­le. Al Sena­to un nome ina­spet­ta­to: il docen­te Otta­vio Ama­ro, pro­fes­so­re asso­cia­to di Archi­tet­tu­ra dell’Università Medi­ter­ra­nea di Reg­gio. A Vibo Valen­tia con­fer­ma­to Bru­no Cen­so­re. Per il col­le­gio sena­to­ria­le catan­za­re­se la spun­ta inve­ce il con­si­glie­re regio­na­le lame­ti­no Anto­nio Scal­zo. Per il col­le­gio di Cosen­za Ren­zi ha scel­to inve­ce il nipo­te del “leo­ne socia­li­sta”, l’ex asses­so­re regio­na­le del­la giun­ta regio­na­le Sco­pel­li­ti, Gia­co­mo Man­ci­ni jr. Ai socia­li­sti cala­bre­si va un posto: il col­le­gio di Castro­vil­la­ri, dove cor­re­rà il segre­ta­rio regio­na­le Lui­gi Incar­na­to. Nel­lo Jonio cosen­ti­no (Cori­glia­no) ecco un’altra con­fer­ma, Fer­di­nan­do Aiel­lo. E vie­ne con­fer­ma­to pure il can­di­da­to di Cro­to­ne, Nico­de­mo Oli­ve­rio (Dori­na Bian­chi, ieri, ha annun­cia­to la sua volon­tà di non rican­di­dar­si). Per il Sena­to, nel col­le­gio di Cro­to­ne, c’è la depu­ta­ta uscen­te Ste­fa­nia Covel­lo. Per quel­lo di Cosen­za, Ren­zi ha pun­ta­to le sue car­te sul­la pre­si­den­te del Par­co del­la Sila, Sonia Fer­ra­ri.

Per quan­to riguar­da i listi­ni pro­por­zio­na­li, per il Sena­to il capo­li­sta sarà il segre­ta­rio regio­na­le del Pd Erne­sto Magor­no, segui­to da Ste­fa­nia Covel­lo, Toni­no Scal­zo e dall’ex mini­stro Maria Car­me­la Lan­zet­ta. Nel listi­no came­ra­le Sud, dopo Visco­mi e Madia ci sono il sin­da­co di Sove­ra­to, Erne­sto Alec­ci, e la com­po­nen­te del­la segre­te­ria regio­na­le Giu­lia Vel­tri. Nel pro­por­zio­na­le Nord al pri­mo posto c’è Enza Bru­no Bos­sio, segui­ta da Nico­de­mo Oli­ve­rio, Maria Pia Funa­ri e dal con­si­glie­re regio­na­le Giu­sep­pe Aie­ta. «Non mi pare che nel­la mag­gio­ran­za del par­ti­to ci sia­no pro­po­ste di gran­de rin­no­va­men­to», ha com­men­ta­to il mini­stro del­la Giu­sti­zia Andrea Orlan­do, oggi a Catan­za­ro per l’apertura dell’anno giu­di­zia­rio. «I fat­ti stan­no in un’altra dire­zio­ne – ha aggiun­to Orlan­do -, tra i nomi che ave­va­mo pro­po­sto c’erano gio­va­ni ricer­ca­to­ri. Se il tema era sce­glie­re tra le nostre pro­po­ste e i gio­va­ni c’erano tut­te le pos­si­bi­li­tà di far­lo».

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.