Regione Calabria, il Consiglio approva il Bilancio. Il 48 per cento della spesa è assorbito dalla Sanità

Il Consiglio regionale della Calabria

Italpress.com REGGIO CALABRIA – Il Con­si­glio regio­na­le del­la Cala­bria ha appro­va­to il Bilan­cio. Si trat­ta di una mano­vra che vale com­ples­si­va­men­te 6,9 miliar­di di euro, al net­to del­le con­ta­bi­li­ta' spe­cia­li e dell'anticipazione di cas­sa. Le spe­se per la Sani­ta' costi­tui­sco­no il 48% del tota­le del­le risor­se ed ammon­ta­no a 3.302 milio­ni di euro. Le risor­se Por e Poc 2007–2013 rap­pre­sen­ta­no inve­ce il 17% del Bilan­cio con 1.171 milio­ni di euro. Nel det­ta­glio, in Aula sono pas­sa­ti il Docu­men­to di Pro­gram­ma­zio­ne eco­no­mi­ca e finan­zia­ria del­la Regio­ne Cala­bria, il col­le­ga­to alla mano­vra di finan­za regio­na­le per l'anno 2015 e la leg­ge di sta­bi­li­ta' regio­na­le con un emen­da­men­to fir­ma­to dal pre­si­den­te Mario Oli­ve­rio che desti­na 3 milio­ni di euro, pre­le­va­ti dal fon­do del­le impre­se, per abbat­te­re le tas­se di anco­rag­gio del por­to di Gio­ia Tau­ro. Appro­va­to anche "il bilan­cio di pre­vi­sio­ne del Con­si­glio regio­na­le per l'anno 2015 e plu­rien­na­le 2015–2017".

"Respon­sa­bi­li­ta' e tra­spa­ren­za – ha det­to il vice­pre­si­den­te del­la Regio­ne, non­che' asses­so­re al bilan­cio, Vin­cen­zo Cicon­te, ill­lu­stran­do in Aula i pun­ti del prov­ve­di­men­to – saran­no i car­di­ni di un'incisiva azio­ne di gover­no, vol­ta innan­zi­tut­to a ridur­re il peso del­la buro­cra­zia, sem­pli­fi­ca­re le pro­ce­du­re, miglio­ra­re la qua­li­ta' e la quan­ti­ta' del­le pre­sta­zio­ni rese ai cit­ta­di­ni. E' neces­sa­rio – ha aggiun­to – con­se­gui­re risul­ta­ti sul fron­te del­la cre­sci­ta, del­lo svi­lup­po, del­la pro­mo­zio­ne e del­la valo­riz­za­zio­ne del­le gran­di risor­se uma­ne, natu­ra­li e cul­tu­ra­li di cui la nostra ter­ra e' ric­ca". "Per evi­ta­re il rischio che la per­di­ta di risor­se uma­ne e impren­di­to­ria­li impe­di­sca alla Cala­bria di aggan­cia­re la ripe­sa – ha det­to anco­ra l'Assessore al Bilan­cio del­la Regio­ne Cala­bria – il Gover­no regio­na­le si impe­gna a sem­pli­fi­ca­re la gover­nan­ce regio­na­le, eli­mi­na­re spre­chi e pri­vi­le­gi, snel­li­re la buro­cra­zia e pro­muo­ve­re poli­ti­che atti­ve per il lavo­ro e lo svi­lup­po. Si pun­te­ra' – ha con­clu­so – sul­la razio­na­liz­za­zio­ne del­le risor­se e sul­la valo­riz­za­zio­ne di turi­smo, agri­col­tu­ra, arti­gia­na­to, inve­sten­do, in ter­mi­ni di inno­va­zio­ne, istru­zio­ne e com­pe­ti­ti­vi­ta', soprat­tut­to su gio­va­ni e impre­se". Il pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne Bilan­cio Giu­sep­pe Aie­ta, rela­zio­nan­do sul Dpe­fr, pri­ma del dibat­ti­to ha dichia­ra­to: "Con la pro­gram­ma­zio­ne 2014–2020 si pone atten­zio­ne al rin­no­va­men­to del­le com­po­nen­ti pro­dut­ti­ve piu' pro­met­ten­ti e reat­ti­ve del siste­ma regio­na­le e alla ripre­sa di com­pe­ti­ti­vi­ta' del tes­su­to eco­no­mi­co ter­ri­to­ria­le attra­ver­so l'innovazione. Occor­re inol­tre – ha det­to – incen­ti­va­re la cre­sci­ta dei flus­si di visi­ta­to­ri e turi­sti attra­ver­so azio­ni fina­liz­za­te alla valo­riz­za­zio­ne del patri­mo­nio cul­tu­ra­le e natu­ra­le del­la Cala­bria".

Per quan­to con­cer­ne il siste­ma sani­ta­rio, Giu­sep­pe Aie­ta ha evi­den­zia­to che "il docu­men­to ripor­ta un aggior­na­men­to in meri­to al debi­to pre­gres­so del­le Azien­de del siste­ma sani­ta­rio regio­na­le. La Regio­ne – ha aggiun­to – nel 2015 con­ti­nue­ra' il moni­to­rag­gio sul paga­men­to del debi­to pre­gres­so, con l'obiettivo di nor­ma­liz­za­re la sani­ta' cala­bre­se". In In aper­tu­ra dei lavo­ri, pri­ma di affron­ta­re i pun­ti sul Bilan­cio, il Con­si­glio regio­na­le del­la Cala­bria ha osser­va­to un minu­to di rac­co­gli­men­to per "le vit­ti­me del­la tra­ge­dia che si e' con­su­ma­ta nel cana­le di Sici­lia". "Di fron­te a que­sta eca­tom­be – ha spie­ga­to il pre­si­den­te Anto­nio Scal­zo – abbia­mo il dove­re di mani­fe­sta­re il nostro cor­do­glio". L'Assemblea ha anche appro­va­to all'unanimita' un ordi­ne del gior­no del con­si­glie­re del Pd Dome­ni­co Bat­ta­glia sul tema dell'immigrazione. Il prov­ve­di­men­to impe­gna la Giun­ta ad "attua­re gli inter­ven­ti e gli stru­men­ti di pro­gram­ma­zio­ne con­te­nu­ti nel­la leg­ge sull'accoglienza" e a "sen­si­bi­liz­za­re la Com­mis­sio­ne euro­pea – si leg­ge nel testo – affin­che' assu­ma ogni neces­sa­ria ini­zia­ti­va vol­ta a far fron­te all'emergenza uma­na in atto nel Medi­ter­ra­neo, che coin­vol­ge pie­na­men­te anche la Cala­bria". Dopo l'approvazione del bilan­cio l'Assemblea cala­bre­se e' sta­ta momen­ta­nea­men­te sospe­sa.