Scoppia il caso De Gaetano-Lanzetta. M5S al presidente della Regione: “Rifaccia una Giunta senza indagati”

CATANZARO – "La Giunta Oliverio non sembra nascere sotto una buona stella. Se infatti il buongiorno si vede dal mattino, desta preoccupazione e non pochi interrogativi la scelta fatta dal neo presidente della Regione Calabria,che ha piazzato in tre assessorati di peso persone come Vincenzo Antonio Ciconte, Carlo Guccione e Nino De Gaetano, tutti e tre indagati dalla magistratura nell'ambito dell'inchiesta sulle spese pazze in Regione". Lo affermano, in una dichiarazione, i parlamentari del Movimento 5 Stelle Nicola Morra, Dalila Nesci, Federica Dieni e Paolo Parentela, che invitano Oliverio "a nominare una nuova Giunta senza indagati". "In particolare – proseguono – il nome di De Gaetano, a cui Oliverio ha assegnato la poltrona di assessore ai Trasporti e alle Infrastrutture, spunta nell'ambito di un'inchiesta ancora più pesante, quella denominata 'Il Padrino' contro la cosca Tegano di Archi. Seppure non iscritto nel registro degli indagati, il nome del neo assessore compare nelle informative depositate agli atti del Tribunale del riesame. Secondo i magistrati, in occasione delle elezioni amministrative del 2010, De Gaetano avrebbe beneficiato del supporto elettorale 'garantitogli per conto terzi da gruppi criminali riconducibili al cartello mafioso Tegano'. Che il nome di De Gaetano desti imbarazzo e difficoltà lo dimostra anche la decisione di Maria Carmela Lanzetta di sfilarsi dalla Giunta Oliverio proprio per l''affaire De Gaetano'". "In attesa che la magistratura svolga le sue indagini, poichè sono i giudici gli unici titolati a esprimersi sulla colpevolezza dei diretti interessati – dicono ancora i parlamentari M5S – lanciamo ad Oliverio una proposta: è ancora in tempo per rivedere le sue scelte, rimescolare le carte e dare vita ad una Giunta senza indagati, togliendo così ogni ombra al suo lavoro e fugando ogni dubbio sull'opportunità politica delle sue scelte. Ci auguriamo che la stessa sollecitazione arrivi anche dal presidente Matteo Renzi, che proprio stasera incontrerà Oliverio. Il neo predidente lo deve a una Calabria assetata e bisognosa di onestà e trasparenza, che non merita di essere amministrata da persone anche soltanto sfiorate da sospetti di questo tipo".

"Ne ho parlato con Renzi di nominare Maria Carmela Lanzetta nella giunta della Calabria e con lo stesso ex ministro ho avuto un colloquio sabato; da lei ho avuto l'assenso a che entrasse a far parte del governo regionale. Domenica sera ho annunciato la formazione della giunta. Se poi Lanzetta decide di non farne parte, bisogna rispettare la sua volontà, mi dispiace ma è così". Lo ha detto il neopresidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, a margine della Conferenza delle Regioni, a proposito dell'ipotesi che il ministro per gli Affari Regionali, Maria Carmela Lanzetta, rinunci ad entrare nella giunta della Regione Calabria. "Io ho nominato Lanzetta perché ritengo che con la sua presenza porti una esperienza di governo che ha consentito un quadro di relazioni. I componenti della nuova giunta erano noti da domenica sera non da ieri", ha concluso Oliverio. "Se il buongiorno si vede dal mattino, beh allora la vita della Giunta Oliverio sarà un percorso a ostacoli". Il deputato di Forza Italia Roberto Occhiuto commenta così le polemiche sull'ingresso nella Giunta regionale della Calabria di Maria Carmela Lanzetta e di Nino De Gaetano. "Non voglio entrare nelle questioni interne al PD – prosegue Occhiuto – ma se Oliverio ha ripetuto più volte di aver scelto lui la Lanzetta come assessore, smentendo le voci secondo cui sarebbe stato il Premier Renzi a 'spedirla' in Calabria, allora se lei rifiuterà l'incarico vorrà dire che può restare Ministro… Battute a parte, come sempre ho l'impressione che la maggioranza abbia fatto un gran pasticcio". "Se però, come credo, Lanzetta non tornerà a Roma – conclude Occhiuto – chiedo a Renzi e suoi alleati di Governo se hanno intenzione di escludere completamente la Calabria dal Governo o se pensano di preoccuparsi della rappresentanza di questa regione. Chi sarà il nuovo Ministro?"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*